BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bandiere a mezz’asta? Il Tricolore non è della Lega Nord”

A Gazzaniga l'opposizione critica la scelta del sindaco Guido Valoti, esponente della Lega Nord, di mettere la bandiera a mezz'asta per protestare contro la bocciatura del referendum sulla legge Fornero decisa dalla Corte costituzionale.

A Gazzaniga l’opposizione critica la scelta del sindaco Guido Valoti, esponente della Lega Nord, di mettere la bandiera a mezz’asta per protestare contro la bocciatura del referendum sulla legge Fornero decisa dalla Corte costituzionale. In molti Comuni guidati dal Carroccio i primi cittadini hanno deciso di esporre la bandiera italiana a mezz’asta. "La Lega deve ricordarsi che il Comune di Gazzaniga e la bandiera d’Italia non sono di loro proprietà né a disposizione della loro propaganda – spiegano in una nota gli esponenti di Insieme per Gazzaniga -. Il Comune è l’istituzione locale di tutti i cittadini e non uno strumento da usare a proprio piacimento. La bandiera posta sul Comune è simbolo di unità e non può essere utilizzata da un partito politico per scopi propri, tanto più se questo partito ha sempre apertamente disprezzato quella bandiera. E la riforma Fornero con questo non c’entra nulla, ovviamente".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roberto

    mi sembra però che i soldi a fine mese che si mettono in saccoccia, pagati da tutti gli italiani, non facciano schifo a queste giunte

    1. Scritto da + verande x tutti

      Eh, già. Le altre giunte vanno pagate, quelle della lega no. Sei laureato in giurisprudenza, scommetto. Oppure sei solo un mancino di cranio e quindi convinto che l’ideologia sia più reale della realtà? Fa benissimo renzi a prenderti per i fondelli. Il problema che manco te ne accorgi, tutto impegnato a prenderti tafazzianamente a bottigliate.

  2. Scritto da Alberto

    Il tricolore è degli Italiani, così come i contributi previdenziali e gli anni di lavoro aggiuntivi che la Fornero farà intascare allo stato italiano per mantenere questo scandaloso status quo.

  3. Scritto da + verande x tutti

    Pare che gli eletti della lega siano legittimi e non fuori dalle istituzioni. Di conseguenza tutte queste panzane dei sinistri, ora alleati col berlusca, non hanno ragione di essere. Se delegittimi gli eletti non sei democratico, sei un dittatore. E, come dite voi mancini, “senza se e senza ma”. A tal proposito vi invito a darvi un’infarinatura di educazione civica della quale siete palesemente mancanti. Sapete solo insultare perchè privi di argomenti validi.

  4. Scritto da Arturo

    Fortunatamente non è della Lega,ma è del sempre più inutile stato italiano,satellite dell’unione sovietica europea,antidemocratico come l’urss. La Russia di Putin è molto,ma molto più democratica di questa italia.Almeno là le elezioni le fanno!Quindi abbassare la bandiera dello stato antidemocratico che è diventato l’italia napolitan-montiana,lettiana,renziana è più che legittimo.

    1. Scritto da Daniele

      Non nego che i russi siano persone fantastiche. Ma di qui a dire che la Russia è molto più democratica dell’Italia o delle istituzioni europee, ce ne passa.

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Vada, vada nella Russia di Putin a scrivere le stesse parole a proposito di quello stato, poi ci faccia sapere come va a finire. Se in galera hanno un internet caffè.

      1. Scritto da La verità fa male

        Nella Russia di Putin il presidente è stato eletto dal popolo in regolari elezioni. Qui in Italia succursale dell’Unione Sovietica Europea nessuno ha mai eletto Monti e Letta, eppure ha dominato con pieni poteri per due anni e mezzo. Le manovre antidemocratiche del giugno 2011 (con il presidente della Repubblica che telefonata a capi di stato esteri per sostituire un premier eletto e regolarmente in carica) le hanno documentate Alan Friedman, Zapatero, Geithner

    3. Scritto da Luca Lazzaretti

      Puoi sempre emigrare eh! Ce ne faremo una ragione…mandaci una cartolina!