BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treni, dal 1° febbraio scattano i rincari I pendolari: “Vergogna”

Nonostante le rassicurazioni dei giorni scorsi dal 1 febbraio scattano gli aumenti per biglietti e abbonamenti dei mezzi di trasporto pubblico locale. I rincari sono stati decisi da Regione Lombardia per compensare il taglio di risorse stabilito dal governo Renzi.

Più informazioni su

Nonostante le rassicurazioni dei giorni scorsi dal 1 febbraio scattano gli aumenti per biglietti e abbonamenti dei mezzi di trasporto pubblico locale. I rincari sono stati decisi da Regione Lombardia per compensare il taglio di risorse stabilito dal governo Renzi. Una nuova stangata per i pendolari, soprattutto i bergamaschi, costretti ogni giorno a subire ritardi e disservizi di ogni tipo. Non c’è mattina o serata in cui Bergamonews non riceve tweet di lamentele da parte di studenti e lavoratori.

L’aumento dei prezzi: il biglietto ordinario per la fascia chilometrica tra i 50,1 e i 60 chilometri (da Bergamo a Milano via Treviglio) passa a 5,50 euro contro gli attuali 5,30. L’abbonamento settimanale da 24,5 a 25,5, il mensile da 85 a 88 euro e l’annuale da 816 a 849. Batosta anche per i «Io viaggio ovunque in Lombardia». Il mensile passa da 103 a 107 euro, il trimestrale da 295 a 308, l’annuale invece è invariato.

Sulla pagina Facebook “Quelli del treno – pendolari bergamaschi” si sprecano le critiche

Dario: “Siamo giornalmente presi in giro da questa gente, come testimoniano le informazioni riportate su questa pagina Fb. Non c’è più un treno che viaggi in orario, mi dite quale servizio stiamo pagando? Ci pensate quante ore (per me è così almeno) di permessi buttiamo nel water? Apriamo gli occhi o no?”.

Marta: Vergogna! Mai un treno in orario!!!!! Vergogna vergogna vergogna!

Lino: Non so più cosa dire o pensare, ormai la strada è segnata, sempre più in discesa. Chissà dove andremo a sbattere di questo passo. Ognuno dovrà provvedere a se stesso, socialità e comunità tanto dichiarate per raccogliere voti.

Alessia: Ennesimo aumento del "Io Viaggio"… sono senza parole.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lola

    Governati da buffoni, dirigenti incompetenti, I Pendolari sono trattati malissimo ora BASTA la pazienza è finitaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  2. Scritto da Sergio Meloni

    Giuro, non mi costerebbe nulla e sarei davvero felice di pagare in più per un servizio utile e puntuale. Ma è questo il punto. Quì stiamo pagando veramente cifre molto alte per la qualità del servizio offerta. Ritardi, cancellazioni, treni rotti, caldi d’estate e freddi d’inverno… Ci prendono in giro come e quando vogliono. E noi, purtroppo, siamo costretti a pagarne le conseguenze.

  3. Scritto da Jim

    ennesima provocazione di TRENORD e della massa di politici incompetenti che ci troviamo, RIFIUTIAMOCI DI PAGARE