BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio Zaccarelli Fu sindaco per 11 anni dal 1979 al 1990

Si è spento martedì 20 gennaio all'età di 83 anni Giorgio Zaccarelli, primo cittadino di Bergamo dal 1979 al 1990: un'avventura iniziata sostituendo Giacomo Pezzotta, dimessosi per candidarsi alle elezioni politiche.

Più informazioni su

Bergamo piange uno dei suoi sindaci più apprezzati, forse il più amato: Giorgio Zaccarelli si è spento martedì 20 gennaio all’età di 83 anni alla casa di riposo Beato Palazzolo di Torre Boldone dopo che, nei giorni scorsi, era stato ricoverato nel reparto di chirurgia all’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo.

Lascia la moglie Carla e i figli Annalisa, Eleonora, Lorenzo, Giulio, Paola e Andrea: la camera mortuaria è stata allestita all’Istituto Palazzoli di Torre Boldone, i funerali si svolgeranno giovedì 22 gennaio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Ranica.

Fu primo cittadino di Bergamo per undici anni, dal 1979 al 1990: la sua avventura da amministratore della città iniziò il 27 aprile del 1979 quando l’allora sindaco Giacomo Pezzotta, eletto nel giugno del ’75, decise di rassegnare le dimissioni per candidarsi alle elezioni politiche.

L’allora 48enne Zaccarelli, già capogruppo della Dc, venne scelto dal Consiglio comunale per prendere il posto del sindaco dimissionario e a sostenerlo ci fu una giunta Dc-Psdi. La sua figura doveva essere solamente di transizione, fino alle elezioni dell’anno successivo, ma Zaccarelli ebbe un successo straordinario e fu riconfermato nelle amministrative dell’8 giugno 1980 e in quelle del 24 maggio 1985.

Un’elezione caratterizzata dal tira e molla tra Psi e Pri per la poltrona di vicesindaco, assegnata alla fine al socialista Carlo Salvioni: la nuova maggioranza, che contava 33 consiglieri su 50, era formata da Dc, Psi e Pri.

Nel 1990 Zaccarelli lasciò il passo a Gian Pietro Galizzi ma, nel suo ultimo mandato, prese decisioni molto importante per Bergamo e per il suo futuro: sul fronte dei trasporti rilanciò l’aeroporto di Orio al Serio, su quello della mobilità si pianificarono i parcheggi sotterranei, in ambito culturale fece nascere la Gamec.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.