BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nasce il progetto Cobra La pionieristica ricerca sui freni con il cemento

Per i prossimo quattro anni, 41 ricercatori di Brembo, Italcementi, Istituto Mario Negri e Ciaotech/Pno studieranno e sperimenteranno al Kilometro Rosso una nuova tecnologia produttiva e industrializzabile relativa alle pastiglie dei freni basata su un innovativo legante idraulico.

Prende vita il Progetto Cobra, una pionieristica ricerca avanzata finanziata dal programma LIFE+ della Comunità Europea, ricerca che nasce dalla collaborazione di Brembo, leader mondiale nella progettazione, sviluppo e produzione di sistemi frenanti, Italcementi, attraverso il proprio centro tecnico di gruppo – CTG, uno dei gruppi leader al mondo nella produzione di cemento, l’Istituto Mario Negri impegnato nella ricerca biomedica e sull’impatto degli inquinanti su ambiente e salute, insieme a CiaoTech S.r.l. di PNO Group, società specializzata nel supporto ai processi di innovazione, di trasferimento tecnologico e di valutazione degli impatti ambientali.

Kilometro Rosso, Parco Scientifico Tecnologico la cui mission è incentivare la Ricerca, lo Sviluppo e l’Innovazione tecnologica tramite lo sviluppo di reti di relazioni interdisciplinari e multisettoriali, ospita al suo interno tre dei quattro partner del progetto (Brembo, Italcementi, Istituto Mario Negri). Cobra è la dimostrazione di come la spinta innovativa venga facilitata dalla contaminazione tra realtà organizzative differenti. Il Progetto Cobra si sviluppa da alcune riflessioni scientifiche nate in ambiti applicativi differenti che mirano a identificare, validare e industrializzare un sistemo innovativo che possa favorire lo sviluppo di nuovi elementi del sistema frenante, più performanti dai punti di vista ambientale.

Il progetto Cobra impegnerà per i prossimi 4 anni 41 ricercatori, di settori e aree di competenza molto diverse tra loro. Le nuove potenzialità date dalle tecnologie e il talento dei ricercatori impegnati in una costante ricerca di sistemi e materiali innovativi e di minor impatto ambientale hanno così dato origine a questo progetto di sviluppo pre-industriale che identifica in una particolare miscela idraulica, composta anche in parte da materiali innovativi a base di cemento, l’elemento focale per dei sistemi frenanti di nuova generazione.

In sintesi il Progetto Cobra vuole sviluppare una nuova tecnologia produttiva e industrializzabile relativa alle pastiglie dei freni basata su un innovativo legante idraulico invece della resina fenolica come accade attualmente, che darà le stesse performance frenanti al sistema a fronte di una auspicata riduzione di utilizzo di energia ed acqua.

Nell’impianto frenante, le pastiglie sono progettate per sopportare le forze frenanti generate dalla pinza e le alte temperature di attrito. Il materiale di attrito delle pastiglie, è generalmente composto da resine fenoliche termoindurenti ed altri componenti di rinforzo e riempimento.

Nel Progetto Cobra le frontiere della ricerca si ampliano ed arricchiscono con l’esperienza dei leader del settore dei sistemi frenanti, del cemento e della ricerca biomedica che, partendo dall’attuale processo di produzione, hanno messo a disposizione le più elevate competenze scientifiche e tecnologiche per realizzare delle nuove pastiglie.

L’impiego di un materiale innovativo a base di cemento, consentirà – durante il processo produttivo delle materie prime – una significativa riduzione del consumo di energia da 80 MJ/kg delle resine fenoliche a 6 MJ/kg del cemento, e di consumo di acqua da 150 l/kg delle resine fenoliche ai 3,5 l/kg della miscela cementizia.

Nell’ambito del progetto, verranno inoltre valutati gli aspetti connessi all’impatto ambientale dei vari materiali utilizzati. Una ricerca pioniera in un settore particolarmente specializzato che grazie alla prossimità ha potuto in questa occasione aprire una riflessione multisettoriale che ha dato modo ad aziende di ambiti profondamente diversi di confrontarsi e dare vita ad una piattaforma di analisi totalmente innovativa.

Questa ricerca, che parte dal rigoroso impegno di tutti i partner a sviluppare tecnologie atte a sostenere e stimolare l’impegno della Comunità Europea nelle politiche di tutela della salute e tutela ambientale, è stato selezionato così dalla Comunità europea per ricevere un contributo di 1,48 ml di euro attraverso il bando LIFE+.

Un investimento importante che affianca l’impegno economico dei partner su un costo globale di progetto di 3,8 milioni di euro e che sottolinea la capacità delle nostre imprese di essere esse stesse luoghi di ricerca avanzata ed applicata finalizzata all’industrializzazione.

“Cobra – afferma l’ing. Alessandro Ciotti, Responsabile ricerca avanzata e sviluppo di Brembo – nasce dall’attenzione che Brembo rivolge da sempre all’impatto ambientale dei propri prodotti e delle proprie produzioni. L’azienda, che già promuove in ambito europeo la necessità di monitorare e studiare la quantità e la qualità delle emissioni di polveri rilasciate durante la fase di frenata, si prefigge un ulteriore obiettivo con questo progetto: rendere eco-compatibile a livello industriale il processo di produzione di pastiglie freno di nuova generazione. Sostituendo la resina fenolica, materiale organico ad oggi maggiormente utilizzato nella produzione di pastiglie , con un materiale innovativo a base cementizia, si potranno ottenere diversi vantaggi in termini di minori risorse impiegate nelle fasi di lavorazione, con significativi risparmi di energia e di acqua utilizzata”.

“La possibilità di studiare materiali cementizi innovativi all’interno dei sistemi frenanti del futuro è un’opportunità nuova e stimolante per i ricercatori di i.lab, il centro di ricerca e innovazione di Italcementi – afferma Enrico Borgarello, Direttore Ricerca e Innovazione di Gruppo Italcementi – . E’ un’attività che si inserisce nell’ambito delle ricerche che la società sta conducendo da diversi anni sulle nuove performance del cemento che si conferma, anche in questo caso, come materiale sicuro, durevole, sostenibile e capace di essere anche innovativo. Ne sono la riprova i riconoscimenti che Italcementi ha ricevuto a livello internazionale per i propri prodotti, come la nomination all’European Patent Award, l’Oscar dell’innovazione, e l’importante finanziamento dall’Unione Europea per le ricerca sul grafene, un materiale la cui scoperta è stata premiata con un Nobel”.

“Il progetto – commenta l’Ing. Andrea Remuzzi Direttore del Dipartimento di Bioingegneria dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri – è proprio frutto della collaborazione tra laboratori di ricerca del parco scientifico e quindi la dimostrazione che anche gruppi di ricerca che hanno finalità differenti possono trovare delle sinergie. La collaborazione è favorita dalla localizzazione e dalla complementarietà delle conoscenze e delle tecniche disponibili presso i singoli gruppi di ricerca. E’ anche una dimostrazione di come la ricerca oggi debba essere interdisciplinare per ottenere risultati più significativi in termini di innovazione industriale e di salvaguardia dell’ambiente e della salute”.

“Per CiaoTech/PNO Group il progetto COBRA è il coronamento di un processo avviato da lontano, – spiega Marco Romeo, Amministratore Delegato CiaoTech s.r.l., a socio unico PNO Group B.V. – avendo supportato la Brembo, Italcementi ed il Mario Negri sin dalla fase di analisi dell’idea progettuale, identificazione del bando ottimale di finanziamento e presentazione del progetto alla Commissione Europea. Ottenuto con successo e con nostra grande soddisfazione il finanziamento pubblico, già dalla fase esecutiva il progetto ci consentirà di rafforzare le nostre competenze nelle analisi di impatto ambientale e LCA [Life Cycle Assessment] di processi industriali complessi ed altamente innovativi come trattati dai partner in Cobra. La collaborazione ed il progetto ci consentiranno inoltre, di sviluppare azioni di networking in molti paesi Europei, in forte sinergia con le attività del Gruppo PNO presente in 12 paesi UE”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.