BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il comandante dei vigili in permesso per 2 anni diventa dj in discoteca

Massimiliano Laruccia, l'agente di polizia locale in servizio a Cividate al Piano fino a un anno fa e ora in permesso per assistere la madre a Taranto, ha iniziato a esibirsi come dj nei locali di musica latino-americana bergamaschi.

Dalla strada alla discoteca il passo può essere breve come quelli di samba. Basta chiamarsi Massimiliano Laruccia (nella foto, tratta dal suo profilo Facebook, come quelle sotto), l’agente di polizia locale in servizio a Cividate al Piano fino a un anno fa. Da quel giorno il vigile, dopo un episodio ancora oggi con diversi punti oscuri, non è più entrato in servizio. E nel frattempo ha iniziato a esibirsi come dj nei locali di musica latino-americana.

Una vicenda iniziata il 26 febbraio dello scorso anno. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il comandate Laruccia – fuori servizio quel mercoledì – sarebbe entrato negli uffici della Polizia locale di piazza Papa Giovanni e, per ragioni ancora da chiarire, avrebbe aggredito il collega Fabio Simeoli (da pochi mesi in servizio nel paese della Bassa) colpendolo con una testata che gli ha provocato la rottura del setto nasale.

Simeoli sarebbe poi scappato riuscendo a mettersi in salvo raggiungendo gli uffici comunali, da dove un dipendente ha chiamato i carabinieri e un’ambulanza. E’ stato così trasferito all’ospedale di Romano per essere curato, con un referto medico di 35 giorni di prognosi.

"Tra me e Simeoli i rapporti sono normali. Ci penserà la magistratura a chiarire cosa è successo. Io in questi giorni sono a casa in malattia". Aveva spiegato lo stesso Laruccia, che solo un paio di settimane prima era stato vittima di un’aggressione, con due individui a volto coperto che – come aveva raccpntato – lo avevano atteso mentre stava rientrando a casa a tarda sera, e dopo averlo afferrato per il collo, lo avevano rapinato sottraendogli 200 euro.

Fatto sta che Laruccia da quel 26 febbraio non è più tornato in servizio, come aveva spiegato a Bergamonews il vice-sindaco, Dario Mantegari: "Prima ha usufruito di sei giorni di malattia, poi gli sono stati concessi due mesi di permesso per altre vicende che aveva in sospeso, infine ha presentato la richiesta di un permesso pagato di due anni secondo la legge 104 (quella che tutela i diritti dei soggetti diversamente abili, Ndr) per assistere la madre".

Una domanda presentata in Comune con regolare certificato medico, e che il Comune ha deliberato lo scorso 24 settembre. (Leggi QUI)

Nel frattempo, però, Laruccia si è trasformato in animatore per locali di musica latino americana. E a quanto pare con grande successo, visto le diverse pagine su Facebook che lo sponsorizzano. Si esibisce, di solito, il venerdì e il sabato notte, come ospite fisso in uno dei locali di questo genere più noti nella provincia di Bergamo. 

Intanto i cittadini di Cividate al Piano chiedono più controlli dopo l’aggressione di martedì 9 dicembre da parte di tre ladri a due imprenditori del paese, di cui uno ridotto in fin di vita, e il Comune è costretto ad avere in organico un solo agente di polizia locale per l’intero paese (circa 5300 abitanti).

Per di più Simeoli, l’altro vigile, non si è ancora ripreso completamente dall’aggressione di un anno fa: "Non è nelle condizioni adatte per lavorare come un normale agente, per questo si limita alle attività d’ufficio, come se fosse un segretario comunale – ha aggiunto Mantegari – e non esce mai per strada. In pratica è come se non avessimo vigili a Cividate".

Una situazione paradossale, a cui il Comune non può rimediare con altre assunzioni: "Ci troviamo con le mani legate a causa dei vincoli di bilancio dettati dal Patto di stabilità e da altre misure statali. Stiamo puntando sulle convenzioni con i paesi confinanti. Accordi che però hanno sempre dei limiti, perchè gli agenti esterni non possono presidiare costantemente il nostro territorio".

Nel frattempo Massimiliano Laruccia continua far danzare gente con i ritmi latino-americani, e come nome d’arte ha scelto Diego Maximo de la Vega. Come Zorro, l’eroe spagnolo che combatteva le ingiustizie. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carlos

    Se tutte le aziende private seguissero quelle pubbliche sarebbero tutte in fallimento

    1. Scritto da paskuale

      non colgo il senso del suo commento, ma colgo un particolare odio nei confronti del “pubblico”, che sfoga in molti commenti. pur riconoscendo che molto spesso il pubblico è “marcio”, la invito a verificare come sono andate le privatizzazioni degli enti e dei servizi. in generale i servizi non sono migliorati ed i costi sono aumentati. provare a migliorare il pubblico (anche punendo chi si macchia di questi reati), dovrebbe essere l’obiettivo.

  2. Scritto da omar

    io l ho conosciuto nel locale… gli ho chiesto una canzone .. e lui mi ha risposto .. saresti lunico a ballarla .. maleducato e dj .. non professionale .. io lo lasciavo a casa .. ma in quel locale ..la gente di musica capisce poco .. ma ripeto lui .. antipatico

  3. Scritto da Alfred

    Laruccia Lei è indifendibile in ogni caso! Nelle aziende private sarebbe stato licenziato . Spero che Inps e comune prendano provvedimenti seri. Il solito scandaloso caso di assenteismo pagato a suon di tasse dai noi contribuenti

  4. Scritto da michele

    sono stato collega di massimo per poco tempo, mi dispiace per quello che è successo, in fondo gli volevo bene.
    Buona fortuna

  5. Scritto da Gio

    Caro Laruccia se lei usufruisce di un permesso di due anni per seguire la madre, non si capisce come possa andare a fare un altro lavoro, specialmente la notte , orario dove chi è affetto da una grave disabilità non dovrebbe assolutamente rimanere sola

    1. Scritto da Massimo

      Caro Gio spiacente ci sono altri colleghi che suonano strumenti in gruppi musicali altri che fanno gli istruttori in palestra ed io che faccio il dj, pura passione che come persone normali coltiviamo al di fuori del lavoro. E comunque questa è polemica elettorale gratuita

      1. Scritto da pablo

        ehm… se i colleghi svolgono il loro lavoro e poi, nel tempo libero, fanno altre attività, nessun problema (magari un’altra volta entriamo nel merito di come le svolgono, come vengono pagati, ecc…) qui si sta parlando di un’altra cosa… visto che lei ha un permesso per accudire la madre e non sta lavorando per QUEL motivo, non per arrotondare facendo il dj. che differenza c’è rispetto alle false malattie dei suoi colleghi romani?

  6. Scritto da Filippo

    Nel settore privato non sarebbe mai successo. Ma nel settore pubblico succede questo e altro, basterebbe che in Italia le stesse regole e gli stessi controlli dei contratti del settore privato fossero validi anche per il pubblico.

    1. Scritto da pablo

      dipendenti disonesti e medici compiacenti ci sono sia nel pubblico che nel privato… vai a chiedere a tutti gli imprenditori con aziende di medie dimensioni, se nel privato non succedono queste cose… noi ci arrabbiamo (giustamente!) con il dipendente pubblico perchè in quel caso i soldi “rubati” sono soldi nostri… bisogna punire i furbi, al momento è l’unicas soluzione che mi viene in mente.

  7. Scritto da Massimo

    Sinceramente le informazioni riportate in questo articolo non corrispondono a verità. resta inteso che l’amministrazione è sempre stata ha conoscenza di quest’attività di DJ dal 2007 ad oggi e lo stesso accusatore era cliente con la moglie e altri amici del Locale dove metto musica. La verità è diversa da quello che viene riportato in questo articolo.

    1. Scritto da Tom

      Pòta Massimo,allora se la tua verità é differente da quella riportata nell’articolo,scrivicela qui in modo che noi si possa capire.

      1. Scritto da rasputin

        Massimo, visto che prima sei stato cosi solerte a rispondere, ora attendiamo la TUA verita`, fai pure con comodo anche dopo la discoteca,noi aspettiamo sempre.
        Bergamonews sicuramente non ti censurera`

  8. Scritto da TT

    Una volta per fare il vigile(oggi polizia locale)non occorrevano diplomi etc etc,bastava un po di buona volonta voglia di fare e tanta tanta pazienza,al giorno d’oggi li vogliono plurilaureati,e cosi ci ritroviamo certi elementi in divisa solo per il posto fisso…

  9. Scritto da Pietro

    Ma i nostri amici della Lega non parlavano di sicurezza nel loro programma elettorale?? Sicuramente avranno imparato a ballare hahaha!

    1. Scritto da silvano

      per un setto nasale rotto, piu di un anno ? la vedo molto strana
      poi l’altro due anni di permesso per problemi in famiglia e si diverte in discoteca? molto strano .poi cosa centra la lega ,o meglio la politica con qualcuno che fa il furbo .

  10. Scritto da Lino

    Questo è lo schiaffo, a Tanta Gente che si trova senza lavoro e che sarebbe disposta a tanti sacrifici pur di lavorare ?

  11. Scritto da Daniele

    Sembra una bella commedia, dov’è che la fanno? Al Creberg?