BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sforbiciate alle Regioni Lombardia la più colpita Tagli per 751 milioni

I 4 miliardi di tagli chiesti dal Governo alle Regioni andrebbero a colpire in modo significativo la Lombardia, alla quale verrebbe richiesto un sacrificio da 751 milioni di euro: inciderebbe per il 13,9% sulla spesa non sanitaria.

Si avvicina la resa dei conti per le Regioni, alle prese con complicati calcoli per individuare le voci da tagliare per arrivare ai famosi 4 miliardi di risparmi previsti dalla Legge di Stabilità: i Governatori sono alla ricerca di un accordo sui sacrifici, per evitare la “sforbiciata” automatica da Roma.

In quel caso la più penalizzata sarebbe la Lombardia: secondo calcoli effettuati dal Centro Studi ReAl Sintesi, che ha tenuto conto del numero di abitanti e del Pil, il Pirellone, leader in Italia per entrambe le voci, dovrebbe rinunciare a oltre 750 milioni di euro. La spesa non sanitaria, oggi 5,3 miliardi, verrebbe tagliata di quasi il 14%, quella sanitaria, 17,5 miliardi, del 3,3%.

Il capitolo Sanità è quello più delicato e che i Governatori avrebbero voluto tenere al riparo dai tagli ma la spesa in questo settore è troppo ampia per non essere toccata: a rischiare sono quindi le Asl locali e gli ospedali ma anche trasporto pubblico e l’amministrazione generale delle regioni.

Il Governo ha stabilito soltanto la cifra da raggiungere e non più gli ambiti nei quali attuare i tagli: ora tocca ai Governatori, con piena libertà di scelta, stabilire i settori da alleggerire e in che misura.

La Lombardia viene superata per tagli percentuali sulla spesa non sanitaria solamente dall’Emilia Romagna (18,4%) dove la rinuncia complessiva ammonta però a 326 milioni. A livello nazionale, tenendo conto delle variabili prese in considerazione per il calcolo, sono le Regioni del Centro-Nord quelle a cui vengono richiesti i maggiori sacrifici: complessivamente il taglio medio a livello extra-sanitario è dell’11,5%. Per le Regioni a statuto speciale gli unici tagli significativi sono quelli chiesti alla Sardegna: 273 milioni, il 9% della spesa non sanitaria e il 4,3% di quella per la sanità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    cavolo,lo stato deve risparmiare 4 miliardi,la stessa cifra che ha dato tempo fa ad una banca di partito..stai a vedere che non li restituiscono?però è bello notare che lo stato chiede sacrifici alla lombardia e contermporaneamente tappa i buchi da 430milioni che ha fatto la regione sicilia per l’anno scorso.questo nano di quanto sarà l’importo?ovviamente non se ne parla di cambiarer la giunta incapace siciliana,pure lei facente capo allo stesso partito della banca…mahhh

  2. Scritto da kurt Erdam

    Ma va là che la Lombardia di soldi ne ha un sacco,se non era così uno studente delle scuole private non costava il doppio che nelle scuole pubbliche,anche le cliniche private avrebbero preso meno soldi e poi la Brebemi come impresa privata non avrebbe neppure sognato di chiedere soldi pubblici a integrazione dei magri introiti dovuti ad una scelta infelice oppure solo speculativa per ottenere un ricco utile comunque grazie ai compagni di merende al governo della regione.

    1. Scritto da El Safornero

      Seguiamo il tuo alto pensiero: la regione ha un sacco di soldi, per cui è giusto tagliare. Quindi se la lombardia ha i conti a posto va penalizzata, mentre la calabria o la sicilia, che sprecano a manetta, vanno foraggiate. Ti informo che è lo stato, farabutto ed autoreferenziale, ad avere i soldi e a buttarli, mica la lombardia. Se poi non ti va da chi è gestita pazienza, almeno qui hai avuto la possibilità di votare. A roma no. Barlafüs!

      1. Scritto da massimo

        No no, qui non si parla di colori politici della giunta lombarda, ma di giunte che fanno scelte indecenti anche con i miei soldi! E per tanto meno la giunta ne ha da gestire meglio è! Forse affamando la bestia si eviteranno gli sprechi?

      2. Scritto da kurt Erdam

        Noi cittadini normali vorremmo che i soldi pagati come tasse ci ritornassero come servizi.E’chiaro?.I balabiott,invece,minacciano di tagliare i servizi sanitari ai cittadini ma sono pronti a dare un sacco di soldi agli amici che hanno costruito un’autostrada inutile dove nessuno ci ha fatto neppure un distributore,e foraggiano scuole private e sanità privata(vedi scandali San Raffaele,Santa Rita ecc..Questi sono i ladri,Sicilia e Calabria fatti loro.Le tasse le pago qua.Capit balabiott?

        1. Scritto da La verità fa male

          “Balabiott” sarà lei. Io ho appena pagato il canone RAI, che non resta in Lombardia ma finanzia il carrozzone pubblico: pretendo ed esigo un’informazione imparziale e non un organico che è tre volte superiore alla concorrenza perchè è pieno di raccomandati, di lazzaroni e di mantenuti. Gli sprechi osceni delle Regioni Calabria e Sicilia sono anche fatti miei che sono cittadino italiano. I ladroni ci sono in tutti i partiti e questo è stato ampiamente dimostrato

          1. Scritto da kurt Erdam

            Nel lessico milanese il “balabiott”è un danzatore nudo che si espone,io non l’ho mai fatto ma un leader politico che lei sostiene è apparso sulle copertine dei giornali in siffatto modo quindi si merita di essere appellato così.Si informi.Mediaset costa molto più della Rai(quello che paghiamo in pubblicità su tutto)e fornisce notizie molto più di parte e sporche.Per il resto meglio qualche guardia forestale in più che arricchire ancora i compagni di merende della Brebemi coi miei soldi

        2. Scritto da El Safornero

          Non sai far altro che insultare. Per forza, i tuoi argomenti hanno il peso di un francobollo. Racconti panzane incredibili per dimostrare la tua “ragione”: brebemi non ha avuto un centesimo di soldi pubblici. Le scuole private, che poi private non sono, costano mediamente un quarto di quelle statali. Mi spieghi perchè? Ci sono forse sprechi e mangerie? Poi le tasse le paghi qui, ma i tuoi soldi vanno nelle regioni sprecone. Gli scandali nella sanità? CL, o ncd se preferisci.

          1. Scritto da kurt Erdam

            Invece di raccontare fesserie si informi,la Brebemi sta per pendere un sacco di soldi pubblici ed esenzioni fiscali perché non ci passa nessuno(lo sa anche la mamma del gatto)e le scuole private e la sanità privata(vedi San Raffaele,Santa Rita,vacanze di formigoni ecc..)è un pozzo senza fondo in tasca a pochi.Le palle le leggete sul”GIORNALE”e il prezzo lo paghiamo tutti.E svegliatevi anche sulla distribuzione attuale della ricchezza globale che è il problema più grosso a livello mondiale.

  3. Scritto da massimo

    Considerado che la regione Lombardia butta i soldi per convegni assurdi omofobi (o omofobici dir si voglia) alla cui presenza c’erano:
    1) La Russa che urlava :” Culattone!”, ad un ragazzo gay che faceva delle semplici e corrette domane
    2) Un prete che mi risulta essere stato condannato per pedofilia dalla stessa curia romana
    3) e altri
    Penso che abbiano tagliato pochi fondi visto che ne hanno da buttare!

    1. Scritto da D

      invece il parlamento siciliano, le migliaia di guardie forestali e i costi sanitari spropositati di alcune regioni sono necessari vero?!? Aprite gli occhi! Noi lombardi paghiamo allo stato 110 miliardi di euro in tasse e ce ne tornano 65… E dove tagliano?!?! In Lombardia… Boh

  4. Scritto da A.Z. BG

    Questo succede a comportarsi bene e ad avere i conti in ordine, ad essere virtuosi. Bisogna fare come aroma,napoli, palermo,campobasso,bari,ecc.,non tagliare nulla e spendere sempre di più,sforare tutti i conti e mandare il bilancio in rosso.Tanto poi,come a roma lo ripiana lo stato.A èss tròp bù ‘s deènta cuiù!!! Via dall’italia, Indipendenza e secessione subito.

    1. Scritto da aris

      Ho un’ idea: diamo la gestione economica alla ex (spero) tesoriera nordica doc di Stezzano comune leghista, così siamo sicuri che i nostri soldi sono in buone mani, come quelle dell’ eccelso Formigu che ha regalato i ns soldi ad amici (CL & co) . Chiaro che i tagli ci dan fastidio, ma dobbiamo recitare tutti il mea culpa per avere accettato da sempre politici che hanno sprecato o rubato. Questo è il risultato. E’ inutile tirare invettive al vento ora. Bisognava fare qlcosa prima.

      1. Scritto da + verande x tutti

        Nel comune di stezzano sono passate amministrazioni di diversi colori. Anche rosse. E la tipa ha rubato per decenni. Vuoi dare la colpa alla lega? ok, ma ti avviso che la figura che fai è quella del tifoso di calcio. Ti ricordo che i ciellini, campioni nella raccolta di fondi, sono al governo (ncd) col pd e hanno fatto eleggere gori (pd) a bergamo. E poi il tuo discorso non sta in piedi: sono altri che sprecano ma tagliano i fondi a noi ma non a loro. Proprio non ci arrivi?

    2. Scritto da Luca

      Dopo la giravolta di Salvini (W il sud) la secessione è meglio che la fai da solo.