BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da “Italo” e “Asterix” a “Hungry hearts” Al cinema in settimana

La programmazione delle sale cinematografiche di Bergamo e provincia è caratterizzata dalla proiezione del film commedia “Italo”. In calendario, poi, non mancano i titoli del momento come “Asterix e il regno degli Dei” e “Hungry hearts”. Ecco tutte le pellicole che si possono vedere nei cinema della Bergamasca in settimana.

A caratterizzare la programmazione delle sale cinematografiche di Bergamo e provincia è la proiezione del film commedia “Italo”, con Marco Bocci, Elena Radonicich, Barbara Tabita, Vincenzo Lauretta, Leo Gullotta e Andrea Tidona.

In calendario, poi, non mancano i titoli del momento come “Asterix e il regno degli Dei”, “Hungry hearts”, “Exodus: Dei e Re”, “La teoria del tutto”, “Si accettano miracoli”, “Come ammazzare il capo 2”, “American sniper”, “The imitation game”, “Big hero 6” e “L’amore bugiardo – Gone girl”.

Tra gli eventi, da segnalare, l’arrivo in anteprima al cinema Conca Verde di Bergamo di due film in uscita nelle sale da giovedì 22 gennaio: “Still Alice” (martedì 20 gennaio) e “Il nome del figlio” (mercoledì 21 gennaio).

Da registrare, inoltre, martedì 20 gennaio al cinema San Marco di Bergamo l’appuntamento con “La Bayadere”, balletto del Bolshoi Theatre.

Infine, da annotare mercoledì 21 gennaio il cineforum al cine-teatro “Sorriso” di Gorle. Per l’occasione verrà proposto il film drammatico “Class Enemy”, la cui proiezione sarà preceduta da un’introduzione a cura della professoressa Annunciata Pellegris e sarà seguita dalla possibilità di partecipare a un dibattito sui temi emersi.

Ecco tutte le pellicole che si possono vedere nei cinema della Bergamasca in settimana.

LUNEDI’ 19 GENNAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41, Bergamo – 035 248330

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 21;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21;

“Hungry hearts”, 109min – Drammatico, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2, Bergamo – 035 240416

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21;

"L’amore bugiardo – Gone girl”, ‎149min‎‎ – Drammatico/Thriller‎‎‎, alle 21.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Magic in the moonlight” (Versione in lingua originale, con sottotitoli in italiano), 98min – Commedia – Doppiato, alle 20:45;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“Il sale della Terra”, 100min – Biografico, alle 21.

TEATRO TASCABILE a Bergamo in via san Lorenzo 12/A – 035 242095

“My name is Janez Janša”, 68min – Docufilm, alle 21;

“Striplife – Gaza in a Day”, 60min – Docufilm, alle 22:10.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 294868

“Si accettano miracoli” (promozione: ingresso ridotto a 4 euro), 110min – Commedia, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 17;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 19 e alle 22:20;

“Exodus: Dei e Re” (3D), 154min – Azione, alle 18:45 e alle 22:10;

“Italo”, 105min – Commedia, alle 17:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 17, alle 19:45 e alle 22:30;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 17:15, alle 20 e alle 22:40;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 22:45;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 20 e alle 22:30;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 16:55, alle 19:45 e alle 22:40;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 17:10, alle 19:50 e alle 22:30;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 19:50;

“Big hero 6”, ‎102min‎‎ – Animazione‎‎‎, alle 17:20;

“Mommy”, 140min – Drammatico, alle 18 e alle 21.

ARISTON MULTISALA a Treviglio in viale Monte Grappa – 0363 419503

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 19:40;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 19:50 e alle 22:20;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 20 e alle 22:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 20 e alle 22:20;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 20:20 e alle 22:30;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 20:30;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:30;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 22:30.

CINESTAR CORTENUOVA in via Trieste, 15 – allo shopping village “Le acciaierie” di Cortenuova – 0363 992244

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 21:30;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:10;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:20;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:35;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 21:25.

MULTISALA IL BORGO a Romano di Lombardia, S.s. 498 Soncinese – 0363 688012

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:15;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 21:15;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:15;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:15.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza san Giuliano ad Albino – 035 751490

“Exodus: Dei e Re” (3D), 154min – Azione, alle 21.

CINEMA GARDEN a Clusone in via san Narno, 1 – 0346 22275

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 21.

MULTISALA IRIDE – VEGA a Costa Volpino in via Torrione, 2 – 035 971717

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 20 e alle 22;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 20 e alle 22.

CINEMA TEATRO LOVERINI a Gandino in via san Giovanni Bosco, 10 – 035 745120

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21.

CINEMA CENTRALE a Leffe in piazza della Libertà, 1 – 035 731154

“Exodus: Dei e Re” (3D), 154min – Azione, alle 21.

MARTEDI’ 20 GENNAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41, Bergamo – 035 248330

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 21;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21;

“Interstellar” (Film in lingua originale, sottotitolato in italiano), 168min – Fantascienza, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2, Bergamo – 035 240416

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 18 e alle 21;

“La Bayadere”, balletto del Bolshoi Theatre, alle 16:30 e alle 20:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Still Alice” (in anteprima), 99min – Drammatico, alle 21;

“I nostri ragazzi”, 92min – Drammatico, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“Buoni a nulla”, 87min – Commedia, alle 16;

“Il sale della Terra”, 100min – Biografico, alle 21.

TEATRO TASCABILE a Bergamo in via san Lorenzo 12/A – 035 242095

“Animata resistenza, 61min – Docufilm, alle 21. Sarà inoltre presentato l’ultimo lavoro di Simone Massi: "L’attesa del maggio". Ospiti in sala i registi Francesco Montagner e Alberto Girotto. Chiude la serata un piccolo buffet.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 294868

“Due giorni, una notte”, 95min – Drammatico, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 17;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 19 e alle 22:20;

“Exodus: Dei e Re” (3D), 154min – Azione, alle 18:45 e alle 22:10;

“Italo”, 105min – Commedia, alle 17:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 17, alle 19:45 e alle 22:30;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 20 e alle 22:40;

“I cavalieri dello Zodiaco – La leggenda del grande tempio”, 93min – Animazione, alle 17:15;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 17:20, alle 20:20 e alle 22:45;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 22:30;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 16:50, alle 19:45 e alle 22:40;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 19:50;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 19:50 e alle 22:30;

“Big hero 6”, ‎102min‎‎ – Animazione‎‎‎, alle 17:20;

“Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate”, 144min – Avventura, alle 18 e alle 21:30.

ARISTON MULTISALA a Treviglio in viale Monte Grappa – 0363 419503

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 19:40;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 20 e alle 22:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 20 e alle 22:20;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 20:20;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 20:30;

“Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate” (Versione in lingua originale con sottotitoli in italiano), 144min – Avventura, alle 21;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:30;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 22:20;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 22:30.

CINESTAR CORTENUOVA in via Trieste, 15 – allo shopping village “Le acciaierie” di Cortenuova – 0363 992244

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 21:30;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:10;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:20;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:35;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 21:25;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 21:15.

MULTISALA IL BORGO a Romano di Lombardia, S.s. 498 Soncinese – 0363 688012

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:15;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:15;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:15;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 21:15.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza san Giuliano ad Albino – 035 751490

“Il sale della Terra”, 100min – Biografico, alle 21.

MULTISALA IRIDE – VEGA a Costa Volpino in via Torrione, 2 – 035 971717

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 20 e alle 22;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 20 e alle 22.

CINEMA CENTRALE a Leffe in piazza della Libertà, 1 – 035 731154

“Anime nere”, 103min – Drammatico, alle 21.

CINEMA TEATRO NUOVO a Trescore Balneario in via Locatelli, 104 – 035 940087

“Io sto con la sposa”, 98min – Documentario, alle 21.

SALA EDEN a Stezzano in via Bergamo, 9 – 035 591449

“Due giorni, una notte”, 95min – Drammatico, alle 21.

MERCOLEDI’ 21 GENNAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41, Bergamo – 035 248330

“Hungry hearts”, 109min – Drammatico, alle 21;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 21;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2, Bergamo – 035 240416

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 18 e alle 21;

"L’amore bugiardo – Gone girl”, ‎149min‎‎ – Drammatico/Thriller‎‎‎, alle 21.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Il nome del figlio” (in anteprima), 105min – Commedia, alle 21;

“I nostri ragazzi”, 92min – Drammatico, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“Buoni a nulla”, 87min – Commedia, alle 21.

TEATRO TASCABILE a Bergamo in via san Lorenzo 12/A – 035 242095

“Il treno va a Mosca”, 70min – Docufilm, alle 21.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 294868

“Due giorni, una notte”, 95min – Drammatico, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 17;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 19 e alle 22:20;

“Exodus: Dei e Re” (3D), 154min – Azione, alle 18:45 e alle 22:10;

“Italo”, 105min – Commedia, alle 17:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 17, alle 19:45 e alle 22:30;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 17:15, alle 20 e alle 22:40;

“Horrible bosses 2 – Come ammazzare il capo 2” (Versione in lingua originale, con sottotitoli in italiano), 108min – Commedia, alle 20:30;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 17:30, alle 20:20 e alle 22:45;

“The Water Diviner”, 110min – Drammatico, alle 20;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 16:55, alle 19:45 e alle 22:40;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 17:10, alle 19.50 e alle 22:30;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 22:30;

“Big hero 6”, ‎102min‎‎ – Animazione‎‎‎, alle 17:20.

ARISTON MULTISALA a Treviglio in viale Monte Grappa – 0363 419503

“Asterix e il regno degli Dei”, 85min – Animazione, alle 19:40;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 20 e alle 22:30;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 20 e alle 22:20;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 20:20;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 20:30;

“Il sale della Terra”, 100min – Biografico, alle 21:15;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:30;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 22:20;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 22:30.

CINESTAR CORTENUOVA in via Trieste, 15 – allo shopping village “Le acciaierie” di Cortenuova – 0363 992244

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“Come ammazzare il capo 2”, 108min – Commedia, alle 21:30;

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:10;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:20;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:35;

“Si accettano miracoli”, 110min – Commedia, alle 21:25.

MULTISALA IL BORGO a Romano di Lombardia, S.s. 498 Soncinese – 0363 688012

“Exodus: Dei e Re”, 154min – Azione, alle 21:15;

“American sniper”, 132min – Azione, alle 21:15;

“La teoria del tutto”, 123min – Biografico, alle 21:15;

“Ouija”, 89min – Horror, alle 21:15;

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 21:15.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“Class enemy” (cineforum), 112min – Drammatico, alle 20:45.

MULTISALA IRIDE – VEGA a Costa Volpino in via Torrione, 2 – 035 971717

“The imitation game”, 114min – Biografico, alle 20 e alle 22;

“Mommy”, 140min – Drammatico, alle 21.

Ecco tutte le informazioni pellicola per pellicola.

– “The imitation game”. Durante l’inverno del 1952, le autorità britanniche entrarono nella casa del matematico, criptoanalista ed eroe di guerra Alan Turing per indagare su una segnalazione di furto con scasso. Finirono invece per arrestare lo stesso Turing con l’accusa di "atti osceni", incriminazione che lo avrebbe portato alla devastante condanna per il reato di omosessualità. Le autorità non sapevano che stavano arrestando il pioniere della moderna informatica. Noto leader di un gruppo eterogeneo di studiosi, linguisti, campioni di scacchi e agenti dei servizi segreti, ha avuto il merito di aver decifrato i codici indecifrabili della macchina tedesca Enigma durante la II Guerra Mondiale.

– “La teoria del tutto”. Il film racconta la storia del più grande e celebrato fisico della nostra epoca, Stephen Hawking, e di Jane Wilde, la studentessa di Arte di cui si è innamorato mentre studiavano insieme a Cambridge negli anni 60. All’età di 21 anni, Stephen Hawking, brillante studente di cosmologia, è stato colpito da una malattia terminale per la quale, secondo le diagnosi dei medici, gli sarebbero rimasti 2 anni di vita. Stimolato però all’amore della sua compagna di studi a Cambridge, Jane Wilde, arrivò ad essere chiamato il successore di Einstein, oltre a diventare un marito e un padre dei loro tre figli. Durante il loro matrimonio allo stesso modo in cui il corpo di Stephen si indeboliva, dall’altro lato la sua fama accademica saliva alle stelle. Il professor Stephen Hawking è uno dei più famosi scienziati della nostra epoca e autore del bestseller "A Brief History of Time", che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo.

– “Hungry hearts”. Jude è americano, Mina è italiana. S’incontrano per caso a New York. S’innamorano, si sposano e presto avranno un bambino. Si trovano così in poco tempo dentro una nuova vita. Sin dai primi mesi di gravidanza Mina si convince che il suo sarà un bambino speciale. E’ un infallibile istinto di madre a suggerirglielo. Suo figlio deve essere protetto all’inquinamento del mondo esterno e per rispettarne la natura bisogna preservarne la purezza. Jude, per amore di Mina, la asseconda, fino a trovarsi un giorno di fronte ad una terribile verità: suo figlio non cresce ed è in pericolo di vita, deve fare presto per salvarlo. All’interno della coppia inizia una battaglia sotterranea, che condurrà ad una ricerca disperata di una soluzione nella quale le ragioni di tutti si confondono.

– “Exodus – Dei e Re”. L’epica avventura di un uomo che ha avuto il coraggio di sfidare la potenza di un impero. Usando effetti speciali allo stato dell’arte e un 3D immersivo, Scott porta nuova linfa alla storia di Mosè (Christian Bale) e alla sua lotta contro il faraone egizio Ramses (Joel Edgerton), guidando 400 mila schiavi in un monumentale viaggio per fuggire dall’Egitto e dalle sue mortali piaghe.

– “L’amore bugiardo – Gone girl”. Tratto dal bestseller di Gillian Flynn, il thriller vede protagonista Nick Dunne (Ben Affleck) un uomo che decide di tornare nella sua città natale per aprire un bar. Poco dopo, nel giorno del quinto anniversario del loro matrimonio, sua moglie scompare misteriosamente e Nick diventa il sospettato numero uno della sua sparizione.

– “Magic in the moonlight”. L’illusionista cinese Wei Ling Soo è il più celebrato mago della sua epoca, ma pochi sanno che il suo costume cela l’identità di Stanley Crawford, uno scorbutico ed arrogante inglese con un’altissima opinione di sé stesso ed un’avversione per i finti medium che dichiarano di essere in grado di realizzare magie. Convinto dal suo vecchio amico, Howard Burkan, Stanley si reca in missione nella residenza della famiglia Catledge, in Costa Azzurra: Grace la madre, Brice il figlio e Caroline la figlia. Si presenta come un uomo d’affari di nome Stanley Taplinger per smascherare la giovane ed affascinante chiaroveggente Sophie Baker che risiede lì insieme a sua madre. Sophie arriva a villa Catledge su invito di Grace, la quale è convinta che Sophie la possa aiutare ad entrare in contatto con il suo ultimo marito e, una volta giunta lì, attira l’attenzione di Brice, che si innamora di lei perdutamente. Già dal suo primo incontro con Sophie, Stanley la taccia di essere una mistificatrice facile da smascherare. Ma, con sua grande sorpresa e disagio, Sophie si esibisce in diversi esercizi di lettura della mente che sfuggono a qualunque comprensione razionale e che lasciano Stanley sbigottito…

– “American sniper”. Chris Kyle, un U.S. Navy Seal che viene inviato in Iraq con una missione precisa: proteggere i suoi commilitoni. La sua massima precisione salva innumerevoli vite sul campo di battaglia e mentre si diffondono i racconti del suo grande coraggio, viene soprannominato "Leggenda". Nel frattempo cresce la sua reputazione anche dietro le file nemiche, e viene messa una taglia sulla sua testa rendendolo il primario bersaglio per gli insorti. Allo stesso tempo, combatte un’altra battaglia in casa propria nel tentativo di essere sia un buon marito e padre nonostante si trovi dall’altra parte del mondo.

– “Il sale della Terra”. Da quarant’anni Salgado attraversa i continenti sulle tracce di un’umanità in pieno cambiamento. Dopo aver testimoniato alcuni tra i fatti più sconvolgenti della nostra storia contemporanea – conflitti internazionali, carestie, migrazioni di massa – si lancia adesso alla scoperta di territori inesplorati e grandiosi, per incontrare la fauna e la flora selvagge in un grande progetto fotografico, omaggio alla bellezza del pianeta che abitiamo. La sua vita e il suo lavoro ci vengono rivelati dallo sguardo del figlio Juliano Ribeiro Salgado, che l’ha accompagnato nei suoi ultimi viaggi, e da quello di Wenders, fotografo egli stesso.

– “My name is Janez Janša”. Questo godibilissimo film viaggia nel presente tra artisti stravaganti, professori emeriti, cittadini coinvolti in casi di eclatanti omonimie e nel passato, alla ricerca del cambio di nome che molti personaggi storici hanno ritenuto fondamentale operare per proporsi simbolicamente con una nuova identità. Il film arriva gradualmente al suo centro d’interesse: il cambio di nome deciso da tre artisti, i quali hanno legalmente cambiato i loro nomi in quello dell’allora primo ministro sloveno, Janek Janša. Rispondendo provocatoriamente ad uno slogan dello stesso leader conservatore, «più siamo e prima raggiungeremo l’obiettivo» e all’invadenza della presenza e del nome di Janša nella politica e nei media sloveni, Davide Grassi (bergamasco di origine, oggi anche sloveno), Emil Hrvatin e Ziga Kariz hanno colonizzato quanto di più personale e caratteristico appartenesse all’uomo politico, il suo nome, per intaccarne con successo l’aura.

– “Striplife – Gaza in a day”. Striscia di Gaza. Un evento inspiegabile è avvenuto durante la notte: decine di mante si sono arenate sulla spiaggia. Carretti di pescatori accorrono per accaparrarsele. Intanto la città si sveglia. Antar sprona il fratello ad alzarsi: è il grande giorno, nel pomeriggio inciderà il suo primo disco. Noor si trucca, dovrà apparire davanti alle telecamere. Jabber è già nel campo. Intorno a lui gli spari dei fucili. Un corteo si snoda per le strade. Moemen è lì per fare il suo lavoro, il fotografo. Al porto una barca rientra con lo scafo crivellato di proiettili. Il canto del muezzin invade lo spazio, moltiplicato dai minareti. Come in un sogno, i ragazzi del Parkour Team piroettano in un cimitero.

– “Si accettano miracoli”. Dopo il travolgente successo de Il principe abusivo Alessandro Siani torna alla regia con “Si accettano miracoli” la storia di tre fratelli separati da tanti anni che dopo molto tempo si ritrovano, grazie a un miracolo che li cambierà. C’era una volta Fulvio (Alessandro Siani), tagliatore di teste senza scrupoli di una nota multinazionale, che dopo aver fatto piazza pulita dei rami secchi dell’azienda viene a sua volta licenziato. La sua reazione non esattamente composta gli costa cara: un mese di servizi sociali da scontare nella casa famiglia di suo fratello Don Germano (Fabio De Luigi), parroco di un piccolo borgo del sud d’Italia. Da manager consumato e scaltro qual è, Fulvio non ci mette molto a capire che per aiutare suo fratello, i bambini e il paese c’è bisogno di un vero e proprio "miracolo". E quindi, all’insaputa di tutti, se ne inventa uno…

– “Asterix e il regno degli Dei”. Asterix, Obelix e compagni tornano, in questa nuova pellicola d’animazione, con una nuova avventura; la prima realizzata completamente in computer grafica 3D. Si tratta della trasposizione animata del diciassettesimo albo della serie e racconta di un nuovo pericolo che incombe sui Galli. Privandoli della loro principale risorsa, il bosco, e nel tentativo di indebolirli e "civilizzarli", Cesare decide, infatti, di costruire proprio fuori dal loro villaggio una zona residenziale per nobili romani chiamata "il regno degli Dei". I quali naturalmente vanno al villaggio per rifornirsi, alterando così abitudini ed equilibri. Tra tutti solo Panoramix, Asterix ed Obelix si accorgono del pericolo e come sempre toccherà ai nostri eroi salvare la situazione.

– “Italo”. Il 15 marzo 2009, nelle campagne di Scicli, provincia di Ragusa, arriva un randagio che conquista l’affetto dell’intera cittadina fino a diventarne simbolo. Tratto da un’incredibile storia vera, il film racconta la vita di Italo, "cane" straordinario al punto da meritarsi la cittadinanza onoraria.

– “Come ammazzare il capo 2”. Stufi di render conto alle alte sfere Nick, Dale e Kurt decidono di mettersi in proprio e diventare manager di se stessi, ma un investitore senza scrupoli li metterà in mezzo ad una strada estromettendoli dall’attività. Fuori dai giochi, disperati e senza alcun possibile ricorso legale, i tre aspiranti imprenditori mettono in atto un piano maldestro: rapire il figlio maggiore dell’investitore e chiedere come riscatto, di riprendersi il controllo della loro azienda.

– “Ouija”. Dopo aver risvegliato i poteri oscuri di un’antica tavola degli spiriti, un gruppo di amici sarà costretto ad affrontare le proprie paure più profonde.

– “The Water Diviner”. Il film, ambientato quattro anni dopo la devastante battaglia di Gallipoli, in Turchia, durante la Prima Guerra Mondiale, vede protagonista Connor (Russell Crowe), un agricoltore australiano che intraprende un lungo viaggio verso la Turchia alla ricerca della verità riguardo la sorte dei suoi tre figli, dati per dispersi in battaglia. Qui instaura una relazione con una bellissima donna turca (Olga Kurylenko), proprietaria dell’albergo in cui alloggia. Animato dalla speranza e forte dell’aiuto di un ufficiale turco, Connor attraversa il Paese sulle tracce dei suoi figli.

– “Big hero 6”. Il film è una commedia d’avventura ricca d’azione sull’enfant prodige esperto di robot Hiro Hamada, che impara a gestire le sue geniali capacità grazie a suo fratello, il brillante Tadashi e ai suoi amici: l’adrenalica Go Go Tamago, il maniaco dell’ordine Wasabi No-Ginger, la maga della chimica Honey Lemon e l’entusiasta Fred. Quando una serie di circostanze disastrose catapultano i protagonisti al centro di un pericoloso complotto che si consuma sulle strade di San Fransokyo, Hiro si rivolge al suo amico più caro, un robot di nome Baymax, e trasforma il suo gruppo di amici in una squadra altamente tecnologica, per riuscire a risolvere il mistero.

– “Mommy”. Un’esuberante giovane mamma vedova, si vede costretta a prendere in custodia a tempo pieno suo figlio, un turbolento quindicenne affetto dalla sindrome da deficit di attenzione. Mentre i due cercano di far quadrare i conti, affrontandosi e discutendo, Kyla, l’originale, nuova ragazza del quartiere, offre loro il suo aiuto. Insieme, troveranno un nuovo equilibrio, e tornerà la speranza.

– “Interstellar”. In un futuro imprecisato, un drastico cambiamento climatico ha colpito duramente l’agricoltura. Un gruppo di scienziati, sfruttando un "whormhole" per superare le limitazioni fisiche del viaggio spaziale e coprire le immense distanze del viaggio interstellare, cercano di esplorare nuove dimensioni. Il granturco è l’unica coltivazione ancora in grado di crescere e loro sono intenzionati a trovare nuovi luoghi adatti a coltivarlo per il bene dell’umanità.

– “La Bayadere”, balletto del Bolshoi Theatre. La Bayadère fu una creazione originale di Marius Petipa su musica del compositore austriaco Léon Minkus. Il termine bayadera indica le danzatrici indiane: la storia si svolge infatti in una terra antica ed esotica tra scene di mimo e sontuose atmosfere che richiamano la moda romantica di quegli anni. Il Grand Pas Classique (noto anche con il titolo Il regno delle ombre) è uno dei pezzi più famosi del balletto ma anche di tutta la storia della danza: ambientato nel regno dei morti, fonde geometrie rigorose e figurazioni complesse in un’atmosfera ricca di suggestioni. La prima rappresentazione avvenne a San Pietroburgo nel 1877 e fu seguita da numerosi altri allestimenti e rivisitazioni.

– “Still Alice”. La protagonista, Alice Howland è una rinomata linguista il cui lavoro è rispettato in tutte le università degli Stati Uniti. Un giorno si accorge che la sua memoria non è più quella di una volta e che poco alla volta inizia a dimenticare le parole. Inquieta, si reca da uno specialista per un controllo. Una rivelazione devastante si abbatte su di lei.

– “I nostri ragazzi”. Due fratelli, opposti nel carattere come nelle scelte di vita, uno avvocato di grido, l’altro pediatra impegnato e le loro rispettive mogli perennemente ostili l’una all’altra l’incontrano da anni, una volta al mese, in un ristorante di lusso, per rispettare una tradizione. Parlano di nulla: alici alla colatura con ricotta e caponatina di verdure, l’ultimo film francese uscito in sala, l’aroma fruttato di un vino bianco, il politico corrotto di turno. Fino a quando una sera delle videocamere di sicurezza riprendono una bravata dei rispettivi figli e l’equilibrio delle due famiglie va in frantumi. Come affronteranno due uomini, due famiglie tanto diverse, un evento tragico che li coinvolge così da vicino?

– “Buoni a nulla”. Quante ingiustizie deve ancora subire il povero Gianni? Dai colleghi d’ufficio, alla vicina di casa pestilenziale, fino alle pretese impossibili della ex moglie, le angherie quotidiane sono infinite. Marco invece é un uomo buono, gentile, indifeso. Innamorato di Cinzia la giovane collega che lo schiavizza e lo illude. Bisognerebbe arrabbiarsi e imparare a farsi rispettare, ma come si fa? Da soli è difficile ma forse unendo le forze…

– “Animata resistenza”. Ritratto cinematografico di un celebre quanto schivo autore di film di animazione: Simone Massi. Simone realizza i suoi film disegnando ogni singolo fotogramma, nel suo studio, in una casa immersa nella campagna marchigiana. Un lavoro faticoso, meticoloso, con una tecnica tutta sua, in cui la materia non viene aggiunta ma tolta, viene incisa e scavata. Scorrono alcune sequenze dei cortometraggi che lo hanno reso celebre e insieme i luoghi che li hanno ispirati: Nuvole e mani, Tengo la posizione, La memoria dei cani, Animo resistente. Si parla di bellezza e di memoria. Della sofferenza di chi ha vissuto nella miseria più nera. Di nostalgia per un tempo in cui i valori del lavoro, dell’umiltà, dell’onestà erano il pane quotidiano.

– “Due giorni, una notte”. Sandra ha solo un fine settimana per riuscire a convincere i suoi colleghi – con l’aiuto del marito – a sacrificare i loro bonus in modo che lei possa mantenere il suo posto di lavoro.

– “I cavalieri dello Zodiaco – La leggenda del grande tempio”. Fin dai tempi del Mito, i Cavalieri dello Zodiaco sono i paladini della speranza, sempre pronti a intervenire ogni volta che il Male minaccia il mondo. Molti anni dopo la Guerra Sacra che si è combattuta nel Grande Tempio, la vita della giovane Isabel di Thule scorre tranquilla, finché un giorno la ragazza non scopre la sua vera identità. Vittima di un agguato omicida, viene salvata da un Cavaliere di Bronzo, un ragazzo di nome Pegasus. Dopo questo drammatico episodio, Isabel, non senza grande difficoltà, accetta il proprio destino e la propria missione, e decide di recarsi al Grande Tempio con Pegasus e gli altri Cavalieri di Bronzo. Nel Grande Tempio, dove da 16 anni viene venerata una falsa Atena, I Cavalieri dello Zodiaco affronteranno colui che si fregia del titolo di Grande Sacerdote e i suoi seguaci, ingaggiando una fiera, e a tratti disperata, battaglia contro i Cavalieri più nobili e potenti: i leggendari Cavalieri d’Oro.

– “Lo hobbit – La battaglia delle cinque armate”. Il film porta ad un’epica conclusione delle avventure di Bilbo Baggins, Thorin Scudodiquercia e la Compagnia di Nani. Dopo aver reclamato la loro patria dal drago Smaug, la compagnia ha involontariamente scatenato una forza letale nel mondo. Infuriato, Smaug abbatte la sua ira ardente e senza pietà alcuna su uomini inermi, donne e bambini di Pontelagolungo. Ossessionato soprattutto dal recupero del suo tesoro, Thorin sacrifica l’amicizia e l’onore e mentre i frenetici tentativi di Bilbo di farlo ragionare si accumulano finiscono per guidare lo Hobbit verso una scelta disperata e pericolosa. Ma ci sono anche pericoli maggiori che incombono. Non visto, se non dal Mago Gandalf, il grande nemico Sauron ha mandato legioni di orchi in un attacco furtivo sulla Montagna Solitaria. Mentre l’oscurità converge sul conflitto in escalation, le razze di Nani, Elfi e Uomini devono decidere se unirsi o essere distrutte. Bilbo si ritrova così a lottare per la sua vita e quella dei suoi amici nell’epica Battaglia delle Cinque Armate mentre il futuro della Terra di Mezzo è in bilico.

– “Anime nere”. Storia di una famiglia criminale vista dall’interno, negli aspetti più emotivi e contraddittori, che si spingono fino agli archetipi della tragedia greca. In una dimensione sospesa tra l’arcaico e il moderno, si svolge il racconto di tre fratelli che, dal Sudamerica e dalla Milano della finanza, sono costretti a tornare nel paese natale sulle vette selvagge della Calabria per affrontare i nodi irrisolti del passato.

– “Io sto con la sposa”. Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un’Europa sconosciuta. Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

– “Il nome del figlio”. Il film racconta la storia di una coppia in attesa del primo figlio, Alessandro Gassman (Paolo), estroverso e burlone agente immobiliare, e Micaela Ramazzotti (Simona), bellissima di periferia e autrice di un best-sellers piccante. Valeria Golino veste i panni di Betta, sorella di Paolo, insegnante con due bambini, apparentemente quieta nella vita familiare, Luigi Lo Cascio in quelli di Sandro, suo marito e cognato di Paolo, raffinato scrittore e professore universitario precario. Tra le due coppie l’amico d’infanzia Rocco Papaleo (Claudio), eccentrico musicista che cerca di mantenere in equilibrio gli squilibri altrui.

– “Il treno va a Mosca”. Nel 1957 Alfonsine è un paesino della Romagna dalla spiccata propensione al comunismo, pieno di cooperative e animato dal mito dell’Unione Sovietica. Alcuni abitanti, tra cui dei cineamatori, riescono a partire per un clamoroso viaggio nella sognata Unione Sovietica da cui torneranno con quaranta rullini di Super8 impressionati. Qurant’anni dopo i registi incontrano uno degli cineamatori che mette a disposizione rullini e memorie. Ha un doppio scopo Il treno va a Mosca: da una parte mette in scena attraverso il montaggio un materiale di repertorio a suo modo unico e prezioso, dall’altra racconta una storia di crollo della fiducia in un’ideologia che precorre i tempi, prefigurando la grande disillusione del sogno comunista che si concretizzerà (anche in Italia) qualche decennio dopo.

– “Class enemy”. Slovenia, oggi. Un liceo come tanti. Una classe come tante. Una quotidianità come tante. Ma è davvero tutto così ordinario, così regolare? E’ davvero tutto così tranquillo, sotto la patina di normalità? Basta l’arrivo del nuovo professore, il durissimo Robert, per innescare un violento corto circuito: didattico, prima, e umano, poco dopo, quando la tragica morte di una studentessa devasta gravemente gli equilibri. Il dolore dei ragazzi si traduce immediatamente in rabbia e la rabbia, alimentata da interrogativi esistenziali troppo difficili da affrontare, si traduce in caccia: caccia al colpevole, caccia al nemico. Una scorciatoia emotiva che impatta, fatalmente, contro il nuovo professore: il colpevole perfetto, il nemico perfetto. Come finirà la guerra? Cosa porterà e quanto costerà, a ciascuno, quell’atto di cieca ribellione? Esplorando le zone d’ombra che separano i torti dalle ragioni, i buoni dai cattivi, i vincitori dai vinti, la partitura di Class Enemy smonta gelidamente le certezze più categoriche e invita a riflettere.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.