BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bracconieri uccidono cervo e gli portan via la testa per trofeo

Nel corso di un controllo del territorio in Valle Imagna una pattuglia del Corpo Forestale dello Stato della Stazione di Almenno San Salvatore ha scoperto un atto di bracconaggio nei confronti di un cervo maschio dell’età di circa 8 anni e del peso di circa 150 Kg, ucciso per recuperarne il trofeo.

Nel corso di un controllo del territorio in Valle Imagna una pattuglia del Corpo Forestale dello Stato della Stazione di Almenno San Salvatore ha scoperto un atto di bracconaggio nei confronti di un cervo maschio dell’età di circa 8 anni e del peso di circa 150 Kg, ucciso per recuperarne il trofeo.

Il fatto è avvenuto in una zona distante dal centro abitato di S. Omobono Terme a circa 800 metri di quota in località Valsecca-Camozzo.

L’animale è stato rinvenuto parzialmente occultato al di sotto di alcune pietre, ucciso qualche giorno prima in modo cruento in quanto dalla ricognizione della carcassa è risultato che non aveva ferite di arma da fuoco sul corpo, ma mancava il collo e l’intero palco.

La Forestale ritiene che l’animale sia stato colpito nelle immediate vicinanze dal luogo di ritrovamento ed a causa di difficoltà per il recupero dell’intero animale sia stato occultato velocemente al di sotto di alcune pietre.

L’animale è stato successivamente interrato utilizzando calce per evitare problemi di inquinamento.

Per ora è scattata la denuncia contro ignoti per uccisione di ungulato in periodo di divieto e per uccisione di animale con crudeltà in violazione della legge sulla caccia e del codice penale.

Sono diversi i casi di bracconaggio scoperti in Valle Imagna nei confronti di ungulati, provenienti con tutta probabilità dalla vicina riserva di caccia Valsecca-Valcava-Pertus, imbattendosi poi in persone senza scrupoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Omertà è una parola che gli italiani del nord usavano e usano per quelli del sud. Questa è una conferma che qui al nord non è meglio.
    Gli animali hanno ucciso un cervo, chi sa parli, telefoni alla forestale che controlli i bracconieri.

  2. Scritto da angelo m

    Non hanno trovato ferite ne da taglio ne da arma da fuoco ,si potrebbe anche pensare che sia morto per cause natutali o accidentali e chi la trovato invece di denunciare ,si e’tenuto rischiando il trofeo

  3. Scritto da maro

    li odio questi stupidi ignoranti barbari dei giorni nostri,che barattano la vita con un’imbalsamazione.
    non avrei pietà con loro!

  4. Scritto da Giorgio

    In quella zona agiscono soprattutto di notte, ricordo che in una tarda serata, le 22, la presenza di noi 4 amici ha messo in fastidio e in fuga due persone con fucile, che vista l’ora e la presenza di divieto, abbiamo considerato bracconieri. Infatti più tardi davanti ad un piatto il ristoratore ha confermato la presenza di bracconieri nella zona.Siamo 4 amici enduristi, cerchiamo di praticare la nostra passione con rispetto verso tutto e tutti, ma il CAI e il WWF ci danno la caccia …

  5. Scritto da coniatore

    I cacciatori sanno chi sono, ma siccome anche al loro interno vi sono individui cosi, li coprono evitando di farne i nomi.

  6. Scritto da carlos

    se si tenesse sotto controllo quei negozi che di solito fanno questi lavori dell’imbalsamare trofei si possono pescare

    1. Scritto da ?

      Carlos,ma lo sai tu,quanti Tassidermisti fai da te esistono nella nostra provincia e non solo? Dai de brao…

  7. Scritto da francesco

    colpire la natura con questa brutalità e come colpire dio!

    1. Scritto da Vito

      Santo subito ! ( il nome già’ predispone )

  8. Scritto da Monica Bolis

    Purtroppo questi ignoranti non li denuncia nessuno.

  9. Scritto da pablo

    heilà! scommetto che questi sono tra i numerosi cacciatori che si dicono “amanti e rispettosi della natura”.

    1. Scritto da Daniele

      Non aveva ferite da arma da fuoco, l’hai letto l’articolo?

      1. Scritto da stefano

        I bracconieri usano spesso la balestra, micidiale quanto il fucile ma silenziosa

        1. Scritto da ...

          bracconieri con la balestra di spesso… Ma tutti qui siete? I bracconieri utilizzano armi con silenziatore e smontabili molto velocemente,armi modificate per essere velocemente occultate. Bracconieri con la balestra… Zzzzz

          1. Scritto da Daniele

            Sono arrivati gli esperti di balistica… non so come sia stato ammazzato quel cervo o come si ammazzino le prede di bracconaggio in generale, però so che 1) la caccia con frecce è una pratica estremamente difficile e necessita l’uso di punte particolari che provocano grande sanguinamento, quindi è facilmente identificabile 2) tutte le armi da fuoco tranne i fucili a canna liscia sono “smontabili molto velocemente”, mentre i silenziatori sono vietati dalla legge e difficilmente reperibili.

          2. Scritto da Z

            Ol ballistico… Zzzz In Francia i silenziatori sono in libera vendita e non vietati,e se tu sapessi quanto é semplice costruirne o farsene costruire uno;ed ai bracconieri poco frega se vietati dalla legge… Ballistico Zzzzz

  10. Scritto da bono

    che spreco, almeno si fossero presi anche la carne sarebbe stato quasi comprensibile, ma ammazzare una bestia solo per un trofeo… bisogna essere proprio delle gran teste di.. bracconieri

  11. Scritto da SVEGLIA

    bracconieri giusto, non cacciatori! poi certo chi possiede un fucile da caccia e agogna appendere il cranio di una bestia morta da 150kg sopra il caminetto di casa deve sicuramente essere un fermo avversatore dei seguaci dell’ars venatoria!
    cacciatori onesti, se esistete, avete solo un modo per salvarvi: denunciare sistematicamente i colleghi disonesti! SVEGLIA! se non lo fate, in 5-6 anni l’opinione pubblica sempre più animalista vi schiaccerà!

    1. Scritto da Tom

      Vero,andra a finire cosi. Dovrebbero essere i cacciatori per primi,nel denunciare i bracconieri e gli atti di bracconaggio ma purtroppo…

      1. Scritto da andrea

        cosa pensi? chi prova a farlo viene minacciato di ritorsioni verso casa, attività se non famiglia, o come è successo a me personalmente si sente dire che a causa della carenza di personale di sorveglianza c’è nè poca

      2. Scritto da eros

        io abito in alta val Brembana , e ti assicuro che anche qui cib sono personaggi che fanno queste fesserie !!
        tutti sanno chi sono , guardie venatorie comprese , ma non gli fanno nulla perchè protetti da politici .
        e ti garantisco che sono i primi a difendere la caccia con frasi assurde , lo so bene perchè sono un ex caccitore , schifato da questa gentaglia .

        1. Scritto da Tom

          La tua accusa é molto grave caro Eros,dire come tu scrivi che”Guardie venatorie sanno e non fanno nulla…”cioè colluse,é cosa grave molto grave. Tu se sai dovresti denunciare,saresti come ex cacciatore due volte meritevole di stima!

  12. Scritto da claudio

    L’ignoranza e la cattiveria di certa gentaglia non hanno limiti. Purtroppo in certe zone in ogni casa c’e’ un bracconiere