BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Chiedimi cos’è l’Islam” Ciclo d’incontri fa il tutto esaurito

Grandissima richiesta per conoscere l'Islam a Bergamo. Tutto esaurito il ciclo di tre incontri che prende il via lunedì 19 gennaio con i giovani musulmani d’Italia alla scoperta della cultura islamica. L’iniziativa rientra in “Molte fedi sotto lo stesso cielo”, la rassegna organizzata dalle Acli di Bergamo per promuovere la convivialità delle differenze.

C’è una grande voglia di saperne di più su Islam e dintorni a Bergamo.

Fa il tutto esaurito infatti l’iniziativa che prende il via lunedì 19 gennaio: “Chiedimi cos’è l’Islam”, ciclo di tre incontri con i giovani musulmani d’Italia alla scoperta della cultura islamica. La proposta rientra in “Molte fedi sotto lo stesso cielo”, la rassegna organizzata dalle Acli di Bergamo per promuovere la convivialità delle differenze.

A condurre il percorso sarà Abdallah Kabakebbji, già Presidente dei Giovani Musulmani d’Italia. Il primo appuntamento, in programma lunedì 19 gennaio è intitolato “Maometto, il profeta di Allah”; il secondo, lunedì 26 gennaio, “I cinque pilastri dell’Islam”; e il terzo, martedì 3 febbraio, “Il Corano. Il Libro sacro della civiltà islamica”.

Tutte e tre le serate si tengono alle 21, all’interno dell’aula magna dell’oratorio della Malpensata, a Bergamo in via Ozanam 10.

Al termine, con data ancora da definire, sono previsti un incontro con la comunità islamica bergamasca e una visita alla Moschea di via Cenisio.

Gli organizzatori spiegano: “Di Islam oggi si parla troppo e male. Il rimbalzo di alcune notizie sconcerta l’opinione pubblica. In realtà questa religione millenaria è portatrice di una cultura, una fede, una spiritualità straordinarie. Tre appuntamenti per affacciarci su un mondo così complesso ed affascinante”.

Per ulteriori info: www.moltefedisottolostessocielo.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fausto

    Provate a chiedere agli islamici se un musulmano può scegliere liberamente di farsi cristiano, senza avere delle conseguenze. Chiedete ai musulmani dell’Arabia Saudita di poter costruire chiese cristiane per i lavoratori stranieri di fede cattolica . Chiedete ai musulmani se la schiavitù debba essere abolita. Chiedete ai musulmani se una donna di fede islamica può liberamente sposare un cristiano e abbracciare il ns. credo!

    1. Scritto da Paolo

      Le sue osservazioni sono condivisibili, ma il problema non sta nel chiedersi perchè l’Islam sia inflessibile con le altre confessioni religiose (e per questo condannarlo), ma, al contrario, perchè la nostra civiltà sia poco inflessibile con sè stessa. In questo sta la decadenza dell’Occidente.

    2. Scritto da a

      Vada all’incontro e glielo chieda lei…

  2. Scritto da Arturo

    A noi Cristiani europei consentirebbero di svolgere convegni sul Cristianesimo e relativo proselitismo,in Arabia Saudita,Pakistan,Iran,ecc,?Proprio questo è ciò che manca totalmente ai musulmani,il principio della reciprocità e della tolleranza.Un imam inglese dopo Parigi ha dichiarato che la sharia è la loro costituzione,l’islam è tutto,la democrazia nulla.

    1. Scritto da Federico

      E perchè portare ad esempio paesi fondamentalisti? Un convegno sull’Islam in Vaticano si è mai fatto? E c’è una moschea? L’iman tal dei tali dice che la sharia è la legge, chissenefrega, qui ne abbiamo un’altra, se ne faccia una ragione.

      1. Scritto da A.Z. BG

        I paesi nominati da Arturo sono considerati moderati ed alleati degli USA e degli occidentali.Infatti come moderati,hanno in carcere Asia Bibi da 5 anni per blasfemia,cioè non si è convertita all’islam,e in AS hanno in carcere donne che hanno guidato l’auto e condannato a 1000 frustate il blogger dissidente.Non esiste l’islam moderato,lo dicono per poterci sopraffare meglio(sura 3:28 del corano)

        1. Scritto da Giovanni

          Quelli non sono considerati stati canaglia solo perchè alleati, caro AZ. Non giriamoci intorno! L’Irak di Saddam aveva ministri cristiani ed è stato distrutto con le conseguenze che vediamo. Non è nemmeno informato sull’Arabia Saudita, stato teocratico da sempre. La sura 3:28! Ritornello di moda!

          1. Scritto da il polemico

            l’irak……quando un presidente-dittatore di un paese continua a giurare e sperare della distruzione di una naziona considerata grande satana,la suddetta nazone che dovrebbe fare?fare finta di nulla,aspettare il suo 11 settembre o agire per prevenire?nel caso specifico ha rispettato le 3 fasi.ora c’è la psicosi dei terroristi che si infiltrano in europa e si arrestano ed espellono tutti quelli sospettati,ma quando fino a fine dicembre lo diceva la lega,era razzista e allarmista..mahh

          2. Scritto da punti di vista

            veramente la lega propone, come antidoto al terrorismo, di fermare l’immigrazione (da quel che ho capito finora, affondando i barconi di disperati). al contrario, gli ultimi avvenimenti ci dicono che l’integralista può arrivare con un aereo in business class o, addirittura, essere nato nel paese “vittima”.

          3. Scritto da giggi

            ho capito, sta parlando di gheddafi, quello che voi tanto rimpiangete. su che l’avete fatta grossa con l’irak, distrutto perchè faceva le boccacce o perchè faceva gola il petrolio (come per gheddafi)?

          4. Scritto da poverine

            Concordo, la Siria di Assad aveva interi paesi cristiani, come Maalula, e quartieri cristiani a Damasco con le santelle agli incroci, ma l’occidente ha fomentato e sostenuto la rivolta integralista e la distruzione della convivenza. Ci mancavano solo certe “volontarie”, schierate con la parte peggiore, che la forzata inattività ha pure costretto ad ingrassare.

      2. Scritto da giulio

        Caro Federico, da più parti si invita a vedere anche la parte non fondamentalista dell’islam, ma dove??? Sono stato da poco in Giordania, all’apparenza moderati, ma come si parla di religione, donne e diritti umani il discorso termina li. E li è Giordania…il paese con l’Egitto + tollerante, immaginiamo in resto!!!
        Quando sento in tv dibattiti sull’islam moderato, mi sa tanto di presa in giro, di gente che mente sapendo di mentire!!!

  3. Scritto da Piero

    Solo l’Islam moderato puo’ vincere Al Qaida. Possiamo sentire da questi giovani musulmani una chiara e pubblica condanna dei terroristi? Cosa fanno per eradicare il fanatismo dall’Islam? Grazie