BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Auto davanti alla Carrara Da aprile sosta vietata come piazza Mascheroni

Dopo aver tolto le auto da Piazza Mascheroni in Città Alta, l'amministrazione comunale farà lo stesso con lo spiazzo di via San Tomaso davanti all'Accademia Carrara. Il provvedimento entrerà in vigore entro il 23 aprile.

Più informazioni su

Dopo aver "liberato" piazza Mascheroni in Città Alta l’amministrazione comunale è pronta a fare lo stesso con lo spiazzo di via San Tomaso: entro il prossimo 23 aprile sarà proibito lasciare la propria auto in sosta di fronte all’Accademia Carrara. 

Ed è proprio "Carrara" la parola chiave della decisione perchè la data indicata come scadenza ultima è tutt’altro che casuale: per il 23 aprile, infatti, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e l’assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti hanno fissato la tanto attesa riapertura ufficiale della pinacoteca dopo lunghissimi lavori di restauro.

Il provvedimento, in realtà, è sempre stato nei pensieri dell’amministrazione che ha però deciso di dargli un’accelerata dopo l’annuncio ufficiale della riapertura al pubblico dell’Accademia, pretesto buonissimo per mettere in pratica l’idea: il divieto di sosta scatterà su tutto il tratto di via San Tomaso, con validità anche per il lato adiacente ai muri della Gamec, con l’unica eccezione dei posti auto riservati ai disabili che verranno confermati. 

Per bilanciare la scelta il Comune da un lato aumenterà i posti auto per residenti sul piazzale antistante il Palazzetto dello sport, dall’altro indicherà come buona alternativa la recente apertura di un parcheggio convenzionato nella vicina via Pitentino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lullaby

    fa niente se abiti lì, la macchina ti serve per lavorare con orari non fissi, e prendi decine di multe per divieto di sosta all’anno perchè ci sono quelli che frequentano la movida, quelli che salgono in città alta, quelli che vedono la foppa, quelli che vanno allo stadio, quelli che animano i venerdì del borgo, quelli che vanno al ristorante…tutti pieni di diritti di lasciare la macchina nei pochissimi posti per residenti (ci sono anche quelli che non posseggono garage)

  2. Scritto da MM

    Non ho capito perchè nessuno parla di Piazza Mercato del fieno…. ah già è vero, quella è a pagamento!

  3. Scritto da Andy baumwolle

    Ottimo!
    Adesso puliamo la cittadella

  4. Scritto da KAPPA

    Il divieto di sosta esiste da una vitama nessuno lo rispetta…non ci son vigili? Cosi come fuori da esselunga di via corridoni o dal bar tabacchi ventura, parcheggian tutti interrompendo il passaggio auto in doppia fila è una vergogna…per non parlare dell’abitudine di parcheggiare pure contromano ma anche quello pare ormai normale !

    1. Scritto da Stefano

      Pienamente d’accordo. E’ incredibile che piazze storiche cosi belle siano puntualmente invase da auto, succede solo da noi !!!. E’ pure normale come hai detto parcheggiare fuori da esercizi pubblici in divieto di sosta e di fermata. Cosa vuoi, è la mentalità di gran parte di noi italiani, per noi è inconcepibile fare 200 mt a piedi dopo aver parcheggiato l’auto dove è corretto farlo. Se potessimo ci entreremmo pure in auto al bar.

      PURTROPPO, NON CE LA FAREMO…….MAI…!!!!.

    2. Scritto da agamennone

      Hai ragione! E’ vergognoso anche che la gente per andare al ristorante in citta’ alta transiti tranquillamente dalla corsarola e parcheggia davanti ai ristoranti … tanto entrando da via gombito non c’e’ la telecamera . Sara’ un favoritismo ?

  5. Scritto da Gianpietro

    Quando le macchine in circolazione erano poche, si poteva parcheggiare in qualsiasi posto, adesso che sono moltissime mettono divieti dappertutto. che senso ha ?

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Forse perché un bene diventato scarso (il suolo pubblico) va razionato? Senza contare tutti i cambiamenti maturati, in decenni di sviluppo industriale, nello stile di vita, nei consumi e nella consapevolezza dei problemi ambientali Dài che forse ci arriva anche lei.

  6. Scritto da andrea

    maaa si tanto in tasca le macchine ci entrano!

  7. Scritto da Aladin

    Sarà proibito?? Veramente è già proibito. Meglio dire “sarà finalmente punito chi parcheggia in divieto”. Comunque ben vengano questi repulisti, possibilmente farli anche in tutte le molte zone della città ancora esenti da multe.

  8. Scritto da mafalda

    Dove parcheggiamo ? A casa di gori ?

    1. Scritto da giggi

      no, dove si può. è così difficile capirlo?

      1. Scritto da luca

        si è difficile capirlo perchè su una citta concepita secoli fa quando si andava con il carretto non si possono fare sparire decine di migliaia di auto quante sono quelle che ogni giorno circolano in citta.
        quindi o ti rassegni all’uso dell’auto, o torni al medioevo, o emicri nel deserto.

        1. Scritto da Narno Pinotti

          Esistono anche il treno, la bici e gli autobus, diverse linee dei quali passano e fermano proprio in piazzale Oberdan. Ma per capirlo occorrerebbe prima rendersi conto di quanto poco senso abbia tenere ferma per ore una tonnellata e passa di metallo a occupare 6mq di suolo pubblico, il tutto per percorrere in media meno di 5km.

          1. Scritto da Gianni

            Ho la fortuna di abitare in città e giro sempre in bici o a piedi, ma non posso biasimare chi abita fuori e magari preferisce prendere la macchina e metterci 15 minuti piuttosto che i mezzi pubblici e metterci un’ora.. Prima di fare sto discorso bisognerebbe potenziare i servizi pubblici

  9. Scritto da Federico

    Sacrosanto! E chi sgarra gogna pubblica!