BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vanessa è a casa protetta dalla famiglia: “Grazie a tutti” fotogallery

Alle 14.45 di sabato 17 gennaio Vanessa Marzullo è tornata a casa a Verdello. Si chiude così il tanto atteso ritorno a casa per la volontaria bergamasca rapita in Siria alla fine di luglio 2014 e liberata giovedì 15 gennaio 2015. L'abbraccio delle amiche e della famiglia.

"Sono contenta di esser tornata a casa". Poche parole per Vanessa Marzullo, la volontaria bergamasca rapita in Siria per cinque mesi e mezzo, tornata a casa sabato 17 gennaio a Verdello.

Ad attendere la giovane una folla di giornalisti, ma anche molte amiche. 

Poche le parole di Vanessa:  "Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato per il nostro rilascio e chi ha pregato per noi in questi mesi. Grazie". 

Ora è festa in via Adua a Verdello, nella casa del papà, tra le amiche e i molti familiari che l’hanno tanto attesa con trepidazione in questi lunghi mesi di prigionia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da kurt Erdam

    Non scusatevi e siate orgogliose delle vostre idee,la rovina e la vergogna dell’Italia non siete voi ma gli omini incapaci di avere idee di solidarietà e pronti a genuflettersi al primo signorotto per raccogliere gli avanzi della sua tavola.

    1. Scritto da Ernesto

      Praticamente lei critica tutte le persone assennate che non entrano clandestinamente in un paese in guerra. Bene! Sa che in Svizzera (ma anche in Italia dovrebbero farlo) se richiedi l’assistenza del soccorso alpino a causa di responsabilità tue, paghi sonoramente di tasca tua?

      1. Scritto da Kurt Erdam

        Diciamo che critico tutti quelli in malafede che se la prendono con 2 ragazze impegnate nel volontariato ma difendono a spada tratta i maro’ e salvini in Emilia,poi fanno pesare i soldi supposti spesi per le ragazze ma a loro va bene spenderne molti molti molti di più per gli amici della BreBeMi.Anche se a lei non va bene.Chiaro?

      2. Scritto da carlo

        Esatto. E io lo applicherei anche a chi telefona guidando, a chi condona una casa costruita in un luogo a rischio, a chi fuma pur sapendo che potrà avere un tumore, a chi è obeso e avrà complicazioni varie, a chi va a funghi e cade in un dirupo, a chi va al lago e non è capace di nuotare, …ecc. ecc. La lista è lunga, molto lunga, e ci siamo dentro tutti noi che siamo persone “assennate”, senza esclusione

    2. Scritto da Vito

      Anche mia figlia più’ o meno coetanea delle due ragazze ha idee nobili, ma non partirebbe per quei posti nemmeno se lo volesse.

      1. Scritto da Kurt Erdam

        Io invece ci sono stato non per idee nobili ma per lavoro e qualcuno qui in Italia ha guadagnato soldi
        Sa cosa mi aveva colpito (nel 2006 in Siria)un sacco di bandiere italiane esposte,tutti a tifare Italia ai mondiali.Comunque di ragazze che non solo non sono andate ma sono addirittura arrivate in Italia ce ne sono tante (anche per il bunga-bunga).Qui sono in tanti a preferirlo al volontariato e tanti che manderebbero le loro figlie a praticarlo(spero lei non sia uno di loro)

  2. Scritto da Costi

    Anch’io sono contento. Ma che i famigliari contribuiscano ai costi per la liberazione. Lo prevede la legge, o no?

    1. Scritto da spese

      smettiamola di dire cavolate: se lei si da una martellata sulle dita, perchè è un imbranato col martello, l’ospedale non lo paga lei, ma la comunità tutta

  3. Scritto da Aladin

    Bentornate! E’ vero,non dovete proprio scusarvi.

  4. Scritto da Vito

    Difficile districarsi tra comprensione, insulti, missioni azzardate o missioni umanitarie quando ieri le due ragazze si sono scusate con le famiglie e l’ Italia tutta, e che mai piu’ andranno in Siria, oggi il padre di Vanessa ha dichiarato che sua figlia non deve scusarsi di nulla

    1. Scritto da Costi

      Restituiscano almeno i soldi spesi per la liberazione

      1. Scritto da Tuditanus

        Ma perché non stai zitto?

        1. Scritto da gutembergem

          Perché in Italia c’é la democrazia e si può parlare grazie anche a BGNEWS!!! Tanta democrazia da lasciarti zittire gli altri, impara!!!

          1. Scritto da jack

            grande!

  5. Scritto da Luca Lazzaretti

    Son contento per loro….concordo con quanto ha scritto oggi Saviano sul sito di Repubblica.