BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Greta e Vanessa, il Cesvi: “I cooperanti non sono kamikaze” fotogallery

Giangi Milesi, presidente del Cesvi, in un'intervista a Vita a cura di Lorenzo Maria Alvaro, spiega perché il pesante dibattito che si è scatenato sul rapimento e la liberazione di Vanessa e Greta è degenerato: "Spero però che quello che è successo a Greta e Vanessa non faccia perdere l'entusiasmo a chi pensa di anadare a fare il volontario all'estero".

Giangi Milesi, presidente del Cesvi, in un’intervista a Vita, spiega perché il pesante dibattito che si è scatenato sul rapimento e la liberazione di Vanessa e Greta è degenerato: "Spero però che quello che è successo a Greta e Vanessa non faccia perdere l’entusiasmo a chi pensa di anadare a fare il volontario all’estero".

 

Parla Giangi Milesi, presidente di Cesvi: "non si può sostenere un dibattito di verità assolute. Non esitono protocolli ma solo una disciplina. Sono talmente tante le variabili sulla sicurezza che una quota di rischio ci sarà sempre".

 Sul caso di Greta e Vanessa le due volontarie rapite in Siria e tornate a casa in queste si è scatenato un forte dibattito. Discussione acuita anche dal fatto che per la liberazione sembrerebbe essere stato pagato un riscatto a seguito di una trattiva con i terroristi. L’accusa più gettonata è che ci sia stata troppa leggerezza da parte della ong e delle due ragazze nell’andare a lavorare in una zona calda. Ma è così? Per capirlo bisogna però andare a vedere come queste missioni vengono preparate e organizzate. Per farlo abbiamo parlato con Giangi Milesi, presidente di Cesvi.

Milesi in molti si dicono contrari al pagamento di riscatti ai terroristi. Lei che ne pensa?

"La vita umana è il bene più prezioso che dobbiamo tutelare. D’altra parte i negoziati si fanno con i nemici non con gli amici. In più la logica della fermezza non paga e l’abbiamo già sperimentato anche in Italia".

Detto questo, visto che la vita è il bene primario, non si può metterla a rischio inutilmente…

"Certo, non bisogna metterla a rischio senza prendere tutte le precauzioni del caso. Bisogna prima di tutto avere a cuore la sicurezza delle persone. Spero però che quello che è successo a Greta e Vanessa non faccia perdere l’entusiasmo a chi pensa di anadare a fare il volontario all’estero. Bisogna chiarire che non esistono regole buone per tutti".

In che senso?

"Faccio un esempio. In questo momento noi come Cesvi siamo in Somalia a Mogadiscio. “Médecins sans frontières” invece hanno deciso di non esserci perchè hanno valutato che per loro era troppo pericoloso. È un modo per dire che le variabili da tenere presente sono tantissime".

Proviamo a spiegare quali sono queste variabili…

"Il tema della sicurezza è molto complesso. È un tema che va affrontato sin dal principio, in fase di ideazione dei progetti. Non eistono protocolli o una prassi univoca per ogni situazione. Ci sono però delle bune discipine da seguire".

Proviamo a spiegare queste discipline?

"Un tema che riguarda il modus operandi che dovrebbe contraddistinguere le ong è quello dell’imparzialità e delle partecipazione. Entrambe dovrebbero favorire l’accettazione della presenza di una realtà sul territorio. Ma non basta. Bisogna considerare che il nostro personale è diventato target. Sopratutto dopo l’11 settembre e le guerre conseguenti siamo obbiettivi oggi per l’industria dei rapimenti. Questo vuol dire che non dobbiamo lavorare solo sul fronte della accettazione ma anche su protezione e deterrenza. Che sono i tre rami dei piani di sicurezza. Questo significa che per ogni posto ci vuole una strategia mirata. Ricordo che in Bosnia ci volle un servizio di sicurezza perchè c’era ostilità nei nostri confronti. Anche la selezione del personale è importante. L’analisi della situazione in cui si va a operare è fondamentale. C’è poi la valutazione dell’acettabilità del rischio. Se io vado a curare l’ebola il rischio di ammalarsi è accettabile. Se faccio istruzione in un paese dove è c’è ebola il rischio di essere infettati invece non è accettabile. Per concludere ci sono minacce specifiche per la cooperazione che bisogna tenere in conto. Per questo esiste un sistema che si chiama “Semaforo Paesi”. I Paesi sono divisi in due grandi gruppi. Ci sono quelli "verdi” dove abbiamo piani di protezione mentre in quelli a semaforo rosso abbiamo invece piani di sicurezza".

Avete anche rapporti con le istituzioni?

"Lavoriamo soprattutto con l’Unità di Crisi della Farnesina. Ma siamo in stretto contatto anche con le reti europee e con le Nazioni Unite. È il modo per tenere alto il livello d’informazione".

Anche tenendo conto di tutte queste discipline però il rischio non è mai zero?

"No, non sigifica avere rischio zero, ma solo mitigarlo. Alle discipline poi si agiungono altri accorgimenti come la preparazione e la formazione del personale o i periodi di riposo per limitare lo stress. Per cui il volontario non può fare più di due mesi consecutivi sul campo".

Cevsi non è in Siria, qual è il motivo?

"Per noi la Siria rappresentava un rischio inaccettabile. Dunque abbiamo escluso un nostro intervento".

Questione che però non significa che Greta e Vanessa siano state mandate allo sbaraglio…

"Esatto. Premetto che sulla questione delle due ragazze non voglio dire nulla. È troppo delicato. Ma voglio che ci sia rispetto per il lavoro di tutti. Il modo di ragionare di queste ore è sbagliato perchè parte dal presupposto che ci sia una verità chiara e certa. Invece, proprio per le variabili in gioco, può succedere quello che è successo anche se si sono prese tutte le precauzioni del caso".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mi sbaglio?

    “I cooperanti non sono kamikaze”, ovviamente, e i volontari che si schierano con una delle parti in lotta, non sono cooperanti.

  2. Scritto da A.Z.BG

    Il Sig.milesi dovrebbe spiegare allora come mai le signorine portavano medicine ai miliziani di Al Kaida invece che ai bambini(fanno più scena i bambini).Notizie delFatto Q.e Libero!Intercettazioni di un islamico bolognese che le aiuta,cui dicono di essere sostenitrici della rivoluzione e di portare kit medicinali per curare i rivoltosi.Questo fanno le ong?Filoislamiche e contro le loro genti?Favorevoli ai terroristi di al Kaeda e dell’isis?Ottimi e noi dobbiamo poi pagare?BASTA!

    1. Scritto da kurt Erdam

      Ma lei crede ancora alle palle di “libero” e de “il Giornale”?
      Non si ricorda di Prodi spia del KGB o di Telekom Serbia( a proposito,uno dei pallisti di telekom serbia,il conte facchino ortofrutticolo di Brescia è stato condannato ancora qualche giorno fa).Guardi anche le tv di berluska,hanno anche pagato degli attori per dire che erano commercianti de l’Aquila e che era tutto a posto.Piuttosto veda di non farci pagare la BREBEMI che è meglio va.BASTA PALLE (oltretutto pagate anche da noi)

    2. Scritto da Maurizio

      forse ricordo male ma a sostenere la rivoluzione in Siria contro il “dittatore” Assad c’era tutto il “democratico” Occidente o sbaglio? Quindi abbiamo gia’ pagato senza che nessun onesto contribuente (alias lavoratori dipendenti) abbia sollevato problemi.

  3. Scritto da ciccio

    ci sono intercettazioni dei ros che la dicono lunga su queste due signorikne…

  4. Scritto da Marco Brembilla

    L’analisi del Presidente del CESVi è esatta e puntuale. Personalmente, da ex Presidente di una ONG, ritengo che la cosa importante è stata aver riporto a casa due ragazze, due vite umane. Gli insulti li lascio a chi li ha pronunciati e non li commento perchè sarebbe fiato sprecato. Detto questo, mi auguro che questa vicenda aiuti tutti a pensare che non ci si inventa cooperanti, che è bene appoggiarsi a ONG strutturate, che non basta la buona volontà e le valutazioni personali.

  5. Scritto da Vito

    Milesi, Vanessa e’ partita contro il volere della famiglia, una volta liberate hanno chiesto scusa alla famiglia e all’ Italia intera, tutto questo vorra’pur dire qualcosa.

  6. Scritto da tex

    ………… e guidare a fari spenti nella notte per vedere se poi è cossi difficile morire ……………….. LB

  7. Scritto da CORRADO

    condivido larga parte di quanto scritto e soprattutto condivido il fatto che si sia fatto di tutto per salvarle… detto ciò vorrei rilbadire che considero queste associazioni una sorta di azienda SPA che con la scusa dell’ONLUS raccolgono soldi che per la maggior parte vengono bruciati solo per il loro sostentamento, soprattutto per gli stipendi dei loro dirigenti e-o dipendenti.

    1. Scritto da vic

      Condivido pienamente, sarebbe interessante se venissero pubblicati, i costi delle strutture organizzative di tutte queste onlus.
      Tempo fa furono resi noti, dati da cui si evinceva che taluni, così detti volontari, percepissero lauti stipendi. Si al vero volontariato, no a poltrone e poltroncine ben retribuite.

      1. Scritto da franco

        Oggi è tutto ONLUS, persino il gruppo musicale per poter incassare esentasse….. Il paese dell’aggiramento delle leggi

    2. Scritto da Daniele

      Queste sono frasi fatte. Ci sono organizzazioni che esistono solo per il profitto (anche in Italia) ed altre che lavorano veramente per la solidarietà. Generalizzare è sbagliato e fuori luogo.

  8. Scritto da fabio

    “I cooperanti non sono kamikaze”, però non possono neanche fare da bancomat per i terroristi….. Sennò anziché aiutare, aiutano a demolire