BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Paura per corteo No Expo Il prefetto blinda l’Università di Milano

Il Prefetto di Milano "per motivi di sicurezza" fa chiudere la sede dell'Università Statale di Milano, in via Festa del Perdono, da venerdì 16 a domenica 18 gennaio. SI teme l'occupazione della sede della Statale da parte dell'Assemblea nazionale del movimento No Expo in calendario proprio per questo weekend.

Il prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, ha deciso di far chiudere "per motivi di sicurezza" la sede dell’Università Statale di Milano, in via Festa del Perdono. Da venerdì 16 a domenica 18, la sede dell’ateneo non ospiterà lezioni ed esami. Le attività dell’Università sono trasferite nelle aule di via Mercalli e via Celoria.

"La decisione, condivisa con il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica di Milano — si legge in una nota dell’Università Statale — si è resa necessaria a tutela della sicurezza di studenti, personale e docenti, a fronte della manifestazione nazionale autoproclamata da alcuni centri sociali e dall’area antagonista".

La decisione del Prefetto è stata presa per evitare che i partecipanti all’assemblea nazionale del movimento No Expo, programmata ma non autorizzata proprio per questo weekend, possano occupare i locali di via Festa del Perdono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    un’ASSEMBLEA, non un corteo hanno impedito i difensori della libertà d’espressione. http://www.noexpo.org/

  2. Scritto da alberto

    Assurdo..
    Gli atenei non dovrebbero essere luogo di dibattito e cultura?