BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Curno, maxi coltivazione di marijuana: 2 arresti “Lo si fa per mangiare” fotogallery

"Lo si fa per mangiare". Si è giustificato in questo modo il 75enne di origine toscana arrestato insieme alla moglie 48enne dalla polizia di Bergamo per coltivazione e spaccio di marijuana. L’operazione, denominata “L’erba di Grace” in onore all'omonimo film inglese, è stata portata a termine nel tardo pomeriggio di lunedì 12 gennaio

"Lo si fa per mangiare". Si è giustificato in questo modo il 75enne di origine toscana arrestato insieme alla moglie 48enne dalla polizia di Bergamo per coltivazione e spaccio di marijuana.

L’operazione, denominata “L’erba di Grace” in onore all’omonimo film inglese, è stata portata a termine nel tardo pomeriggio di lunedì 12 gennaio da parte del personale della Squadra Mobile.

E’ finito sotto sequestro il capannone industriale a Curno, in via dell’Aeronautica n. 12, dove due coniugi italiani pregiudicati, l’uomo di 75 anni, M.R., e la donna di 48, B.S., sono stati colti nella flagranza del reato di produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di marijuana.

La segnalazione era arrivata da un abitante della zona, che da qualche tempo sentiva un forte odore di marijuana. In particolare, all’interno del capannone, da loro preso in affitto e in cui precedentemente venivano riparate roulotte, la coppia aveva allestito una grow-room di circa 50 metri quadrati, appositamente isolata a umidità controllata con illuminazione intensiva, per la coltivazione di 205 piante di cannabis alte circa un metro e mezzo, nonché un essiccatoio perfettamente equipaggiato e funzionante.

Le attività di perquisizione, consentivano di rinvenire, nelle autovetture, circa 200 grammi di infiorescenze di cannabis già essiccata, e nella loro abitazione di Bergamo, in località Valtesse, altri 5,5 chilogrammi circa di marijuana.

Al piano superiore dell’appartamento è stata ritrovata poi un’incubatrice con lampade al neon che illuminavano e riscaldavano ulteriori 486 piantine di cannabis, appena germogliate e pronte per il trapianto in vaso. In casa anche un bilancino di precisione, dvd, riviste e appunti manoscritti riguardanti la coltivazione della cannabis.

I due indagati, un ex autotrasportatore e una cartomante, sposati da 32 anni, all’atto delle perquisizioni, informalmente, riferivano di svolgere tale attività in assoluta autonomia e di aver trovato ispirazione una sera di circa un anno fa guardando il film “L’Erba di Grace”, in cui la signora Grace trovatasi improvvisamente in grossi problemi finanziari a causa del marito deceduto decideva di impegnarsi nella coltivazione di marijuana, creando un’apposita serra, per poi immetterla nel mercato londinese e pagare tutti i suoi debiti. I due soggetti al termine delle attività venivano accompagnati in stato di arresto presso la loro abitazione in attesa dell’udienza di convalida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pluto

    Diamogli un premio all’imprenditorialita’.

  2. Scritto da pablo

    vietare il gioco d’azzardo e legalizzare la coltivazione.
    tassando la produzione, lo stato avrebbe comunque gli introiti che oggi derivano dalle macchinette, ma saremmo verosimilmente un paese un po’ più sereno.

  3. Scritto da Diego

    In Colorado invece hanno legalizzato l’uso anche creativo togliendo mercato alla criminalità organizzata (che molto spesso gestisce il traffico di queste sostanze), gestiscono la comunicazione diretta con i cittadini consumatori informandoli dei rischi che si corrono e hanno riempito anche le casse dello stato. Sono due diversi approcci di affrontare il tema.

  4. Scritto da gravereato!

    autocoltivare una pianta naturale e’ un gravissimo reato perche’ lede gli interessi delle narcomafie lo volete capire o no?!? Inviterei tutti a leggersi il resoconto ad un anno dalla liberalizzazione della marijuana nel colorado: meno reati, meno incidenti, spaccio azzerato e decine di milioni di tasse nelle casse dello stato! Chiaro che di fronte a tali numeri in Italia una cosa del genere non avverra’ mai! Qui fanno leggi solo se c’e’ una lobby che “paga” (vedi quelle del gioco d’azzardo!)

  5. Scritto da marco

    Assurdo che marijuana e prostituzione siano illegali. In paesi più ordinati, puliti e civili del nostro si fa tutto in modo controllato e sano… meditate gente, informatevi…