BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cultura e dibattiti: “3C” torna in pista a Bergamo e Ponte S.P.

Dal 16 gennaio prenderanno il via una serie di incontri del centro culturale "3C" organizzati con la collaborazione di scuola "Cittadini" di Ponte San Pietro, Agesc e Onlus e che coinvolgeranno altre scuole della Bergamasca.

E’ stata confermata anche per il 2015 l’iniziativa sociale e culturale “Tempo per la cura, cura per il tempo”, organizzata dal centro culturale "3C" in collaborazione con la scuola “Caterina Cittadini” di Ponte San Pietro che, a sua volta, si è avvalsa della collaborazione di Agesc e dell’associazione C.G Cittadini onlus di Bergamo.

“Tempo per la cura, cura per il tempo” vuole essere un’occasione di incontro, dibattito e formazione attraverso diversi corsi che saranno tenuti da esponenti dei campi ecclesiastico, politico e sociale. La manifestazione inizierà con un evento di apertura che consisterà in uno spettacolo nel quale andranno in scena tre danzatori professionisti e sei persone con disabilità: spaziando dall’immobilità totale all’uso del corpo come una forma artistica, questo spettacolo vuole evidenziare i diversi modi con cui queste persone utilizzano le loro possibilità fisiche, trasmettendo il messaggio che ciò che vediamo come una sconfitta definitiva può invece non essere altro che una diversità che però non ci impedisce di realizzare i nostri sogni (tema ben radicato nei corsi che compongono la manifestazione).

A seguire lo spettacolo che si terrà venerdi 16 gennaio alle 20.45 alla scuola “Maria Regina” di Bergamo, inizieranno i nove corsi di cui si compone la manifestazione; ogni corso avrà una sua sede di svolgimento ed un relativo relatore. Il “Percorso A” ha come titolo “Per educare un bambino serve un intero villaggio: dalla comunità all’alleanza”, che è un’anticipazione dei temi trattati nel corso: ovvero la vita e le responsabilità che ognuno si deve assumere all interno di una comunità di persone. La sede di svoglimento di questi incontri (che sono programmati per il 15 e il 22 gennaio alle 20.45) è la scuola materna “Sorelle Cittadini” di Curno.

Il “Percorso B” si rivolge principalmente ai genitori, in quanto è ideato come un’occasione per madri e padri che vogliono condividere con qualcuno le loro insicurezze, i loro dubbi… e tutte le paure che magari sono legate alla crescità dei figli. Il corso avrà luogo il 23 e il 30 gennaio e il 6 febbraio alle 20.45 alla scuola “Caterina Cittadini” di Ponte San Pietro.

Il “Percorso C” ha invece come obiettivo l’apprendimento, da parte dei partecipanti, della comunicazione non verbale, ovvero quell’insieme di gesti che vengono fatti dal nostro corpo e che possono risultare per il destinatario un messaggio più chiaro di un messaggio vocale. La scuola “Caterina Cittadini”di Ponte San Pietro ospiterà il corso che si terrà dalle 9.30 alle 12 il 14, 20 e 28 febbraio e il 7 e 14 marzo; mercoledi 18 marzo il corso è programmato invece dalle 18.30 alle 21.

Il “Percorso D” ha lo scopo di scoprire le infinite possibilità espressive del nostro corpo attraverso segni, gesti e posture. Lo svoglimento del corso è stabilito per le 20.45 del 19 e 24 febbraio e alla stessa ora il 3, 17 e 24 marzo nella scuola “Caterina Cittadini” di Ponte San Pietro; mentre il “Percorso E” è una proposta agli educatori (genitori, insegnanti…) di confronto e riflessione sulle modalità di educazione. Il 25 febbraio, il 5 e 11 marzo la scuola “San Giuseppe” di Valbrembo ospiterà gli incontri a partire dalle 20.45.

C’è poi il “Percorso F”, che offre la possibilità di conoscere meglio Etty Hillesum, prigioniera ebrea ad Auschwitz che annota i suoi pensieri su un diario oggi pervenutoci. La sede di svolgimento del corso sarà la scuola “Maria Regina” di Bergamo che dalle 20.45 del 12 e del 24 marzo ospiterà i partecipanti.

Il “Percorso G” sarà invece un dibattito tra i partecipanti che punta ad una crescita dei singoli su temi ed argomenti che sono presenti nella quotidianità delle persone; il corso sarà introdotto da una performance teatrale che servirà come spunto di riflessione. L’istituto “Suore Sacramentine” di Bergamo ospiterà gli incontri che avranno luogo il 27 febbraio, il 6 marzo e il 13 marzo alle 20.45.

Il “Percorso H” avrà tre relatori differenti, ciò che li accomuna è un difficile passato segnato da sofferenze causate da incidenti, malattie e periodi trascorsi in zone di guerra, che però sono riusciti a superare. Le tre serate si svolgeranno alla scuola “Maria Regina” di Bergamo il 10, 17 e 24 aprile alle 20.45.

Il “Percorso I” racconterà attraverso il cibo la storia dell’uomo; infatti, come dimostra anche l’EXPO di Milano, cibo e storia dell uomo sono due argomenti che viaggiano insieme e tra cui c’è un elgame conslidato. I tre incontri, che si svolgeranno il 13, il 16 aprile alle 20;45 e il 26 aprile alle 12:00 (in quest’ultima data ci sarà anche un pranzo collettivo), saranno ospitati dalla scuola “Caterina Cittadini” di Ponte San Pietro.

Ci sarà poi il 3 marzo un altro incontro dove giovani e famiglie potranno scambiarsi idee e problemi riguardanti le dinamiche e le relazioni di coppia che magari possono cambiare con l’arrivo di un figlio. La serata comincierà alle 20.45 e si terrà all’auditorium Giovanni Paolo II di Ponte San Pietro.

Prima della serata di chiusura finale ci saranno due giorni (15 e 16 maggio) dove i ragazzi della scuola media “Maria Regina” organizzeranno una mostra che riguarderà le atrocità della Seconda Guerra Mondiale; per il 16 maggio è previsto anche l’intervento dello storico Marco Cimino che darà il suo contributo alla mostra mettendo a disposizione le sue competenze.

La manifestazione si chiuderà il 22 maggio alle ore 21 con uno spettacolo di danza che avrà come protagonista Simona Atzori, ballerina nata senza braccia, ma che ha saputo superare questo handicap ed è riuscita ad affermarsi nel mondo della danza anche a livello professionistico, rapprestando ai giorni nostri un esempio da seguire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.