BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cambiamenti climatici Storico accordo Usa-Cina per ridurre i gas serra

Storico accordo tra Barack Obama e Xi jinping che si impegnano a ridurre le emissioni di gas serra entro il 2030 puntando sulle energie verdi e una nuova cooperazione internazionale.

Cina e Usa hanno siglato uno storico patto per la riduzione di gas serra: è la prima volta che la Cina s’impegna ufficialmente a ridurre il proprio impatto ambientale in termini di gas serra.

L’accordo annunciato congiuntamente da Barack Obama e il Presidente cinese Xi Jinping prevede l’impegno da parte degli Stati Uniti a ridurre del 26-28% le proprie emissioni nocive entro il 2025. Pechino ha invece l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra entro il 2030 e per farlo vuole puntare sull’energia solare ed eolica, che potrebbe rappresentare il 20% della produzione totale entro il 2030.

Cina e Usa sono responsabili del 45% delle emissioni di CO2 mondiali e secondo i funzionari americani vicini all’amministrazione, ci sono voluti nove mesi di trattative segrete prima di giungere all’accordo finale. Nella conferenza stampa congiunta, Obama dichiara di essere orgoglioso per lo storico accordo raggiunto, riconoscendo Usa e Cina come principali economie mondiali e principali responsabili di emissioni di gas serra: “Si tratta di una tappa fondamentale nella storia della relazione tra Cina e Stati Uniti; la dimostrazione di cosa sia possibile fare quando si lavora insieme per risolvere un’urgente sfida globale”.

Anche le parole di Xi Jinping mantengono un tono propositivo: “Il nostro accordo rende il terreno fertile per il buon esito delle negoziazioni sul cambiamento climatico che si terranno quest’anno a Parigi; da entrambe le parti si è manifestata inoltre la volontà reale di approfondire una cooperazione concreta nella direzione delle energie pulite e nella protezione dell’ambiente”.

Accanto alle dichiarazioni trionfali dei protagonisti, non mancano le reazioni avverse: negli Usa la nuova maggioranza repubblicana si dichiara apertamente ostile all’accordo. In particolare, il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell definisce il patto con la Cina “impraticabile” e “non realistico”, sottolineando le ripercussioni negative che potrebbe avere sul costo dell’energia e sull’occupazione nel settore.

In collaborazione con BergamoSOStenibile

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tommaso Delduca

    Intanto gli Stati fanno a gara ad approvare l’estrazione di petrolio dalle rocce scistiche, dai giacimenti off-shore, dai giacimenti di profondità, trivellano in orizzontale, stanno mettendo a punto tecniche di utilizzo degli enormi giacimenti marini e del permafrost degli idrati congelati di metano….. Ma non c’è nessuna autorità mondiale di calcolo, imposizione, gestione e controllo globale degli idrocarburi. Auguriamoci che l’evidenza possa convincere ai rimedi.

  2. Scritto da dark

    Una buona notizia per il mondo