BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sorte: “Variante di Zogno Garantiremo trasparenza all’iter del cantiere”

"La variante di Zogno è un'opera di grande importanza. In base al nuovo cronoprogramma predisposto dalla Provincia di Bergamo prevediamo il completamento dei lavori entro dicembre 2017". Lo ha spiegato l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte, rispondendo alla mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Sorte ha anche assicurato "massima disponibilità" affinchè l'iter prosegua nella "più totale trasparenza".

"La variante di Zogno è un’opera di grande importanza. In base al nuovo cronoprogramma predisposto dalla Provincia di Bergamo prevediamo il completamento dei lavori entro dicembre 2017". Lo ha spiegato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte, rispondendo alla mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Sorte ha anche assicurato "massima disponibilità" affinchè l’iter prosegua nella "più totale trasparenza".

GLI EXTRACOSTI – Durante esecuzione lavori si è trovata una situazione diversa rispetto a quello che si pensava con la necessità, dunque, di maggiori lavorazioni. A seguito di una perizia di variante, la Provincia ha stimato in 23,8 milioni di euro gli extracosti necessari per completare l’opera e metterla in esercizio e ha chiesto alla Regione lo stanziamento di ulteriori 16 milioni come quota di compartecipazione.

IL VIA LIBERA DELLA REGIONE – "Lo scorso 5 dicembre, la Giunta regionale – ha concluso Sorte – ha assegnato alla Provincia di Bergamo i 16 milioni che ci hanno richiesto". L’erogazione delle risorse avverrà quando anche la Provincia metterà a bilancio la propria quota di cofinanziamento pari a 7,8 milioni di euro e sarà acquisito il parere favorevole dell’Unità tecnica sulla perizia di variante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Elena

    é sempre il solito andazzo italiano…offerte al ribasso per prendere l’appalto e poi opere non consegnate… sicuramente in Germania non sarebbe andata così.. L’talia non riesce a crescere in Europa? è facile capirne il motivo : paese marcio e corrotto

  2. Scritto da glen

    vorrei che venisse resa pubblica tutta la documentazione riguardante la perizia di variante, e che la stessa sia oggetto di una verifica indipendente. Il fatto che il costo di un’opera pubblica – improvvisamente – aumenti di circa il 50% mi sembra possa essere oggetto di approfondimenti, anche solo per rassicurare i contribuenti che tutto è stato fatto regolarmente (e intendo non solo dal punto di vista documentale…)

  3. Scritto da Paoletto

    Se lo dice Lui ? stiamo aspettando ancora i treni nuovi, gli attuali dopo il suo interessamento sono sempre sporchi, freddi e in ritardo quindi ?