BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Giovanni XXIII” Su RaiStoria speciale dedicato a Papa Roncalli

Martedì 13 gennaio su RaiStoria (canale 54) in prima serata va in onda uno speciale dedicato a “Giovanni XXIII”, che si inserisce nel ciclo di documenti e approfondimenti “Italiani”, dedicato alle più grandi personalità del nostro Paese e condotto da Paolo Mieli. Tra spunti biografici inediti, ci sarà anche il ricordo di Cardinal Loris Capovilla, suo segretario personale.

Su RaiStoria (canale 54) martedì 13 gennaio alle 21.30 va in onda uno speciale dedicato a “Giovanni XXIII”, che si inserisce nel ciclo di documenti e approfondimenti “Italiani”, dedicato alle più grandi personalità del nostro Paese e condotto da Paolo Mieli.

A 50 anni dalla morte di Papa Giovanni XXIII, la trasmissione ripercorre la vita di Monsignore Angelo Roncalli durante la sua attività in Bulgaria, Turchia, Grecia e Francia contestualizzandone l’azione internazionale. Una vita da diplomatico durante tutto il Novecento, operando per la pace sui piccoli e grandi scenari del mondo.

Angelo Roncalli, oggi Santo per la Chiesa cattolica, è stato un uomo dell’incontro e un diplomatico alla ricerca della pace. “Era un Papa anziano – spiega Paolo Mieli in apertura – si pensava un Papa di transizione invece impresse nella Chiesa una svolta davvero rivoluzionaria. Dimostrò una capacità rara di dialogare con popoli che avevano altre religioni, con Paesi ostici per un missionario cattolico. La capacità – continua – di costruire una comunità laddove sembrava quasi impossibile. Sarà il Papa della sorpresa”.

Giovanni XXIII è stato Papa per meno di cinque anni, questo pontificato breve e di transizione – come lo avevano pensato i cardinali elettori nel conclave del 1958 – rappresenta però uno spartiacque nella storia della Chiesa. Il profilo diplomatico della sua azione, soprattutto per quanto riguarda la questione comunista e la Guerra Fredda, ha un significato particolare per l’incisività che lo ha caratterizzato e perché si fonda su una storia personale di “diplomazia pastorale” e di cultura dell’incontro.

Il documentario è costruito sulla base di spunti biografici inediti suggeriti in momenti diversi da Don Ezio Bolis, Direttore della Fondazione Papa Giovanni XXIII, dal cardinale Loris Francesco Capovilla, suo segretario personale, dallo studioso Marco Roncalli, pronipote di Papa Giovanni XXIII e dal cardinale Paul Poupard, testimone di quei momenti.

Dopo brevi cenni ai primi, importanti passi del ministero pastorale di Roncalli a fianco del vescovo di Bergamo Monsignor Radini Tedeschi, il filmato passa in rassegna la vita di san Giovanni XXIII concentrandosi su alcuni dei decenni più drammatici e ricchi di avvenimenti nella storia moderna della Chiesa , d’Italia e del mondo. L’ampio materiale è opportunamente corredato da immagini, fotografie e spezzoni cinematografici provenienti dallo archivio della Fondazione Giovanni XXIII. Il tutto è letto anche attraverso i contributi video delle Teche Rai.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.