BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Divieto di fumare anche in parchi, stadi e film Sei d’accordo? Vota

Riuscite ad immaginare James Dean in gioventù bruciata senza la sua sigaretta? Oppure Humphrey Bogart in Casablanca? Con le nuove direttive decise dal ministero della Salute italiano non sarebbe più possibile girare quelle storiche scene. Sta per scattare un nuovo giro di vite sulle sigarette con l'estensione di alcuni divieti: non sarà più possibile fumare in alcuni spazi pubblici come parchi, stadi, spiagge e anche mezzi di trasporto privati con a bordo minori.

Riuscite ad immaginare James Dean in gioventù bruciata senza la sua sigaretta? Oppure Humphrey Bogart in Casablanca? Con le nuove direttive decise dal ministero della Salute italiano non sarebbe più possibile girare quelle storiche scene. Sta per scattare un nuovo giro di vite sulle sigarette con l’estensione di alcuni divieti: non sarà più possibile fumare in alcuni spazi pubblici come parchi, stadi, spiagge e anche mezzi di trasporto privati con a bordo minori. E tornando nel campo cinematografico, il ministero vorrebbe mettere al bando le “bionde” anche nei film e nelle serie televisive prodotte in Italia.

Si tratta di un ulteriore passo in avanti nella lotta al fumo. Dopo la norma di Girolamo Sirchia del 10 gennaio 2005, da tempo accettata e metabolizzata, ci sono state nuove restrizioni. Di recente, ad esempio, è stato posto il divieto di consumare le sigarette negli spazi esterni delle scuole e si è alzato fino a 18 anni il divieto di vendita di prodotti del tabacco.

"Il fumo uccide, dobbiamo essere tutti consapevoli di questo  –  spiega il ministro della Salute Beatrice Lorenzin  –  Sono convinta che sia fondamentale agire sui giovani in via prioritaria per evitare che entrino nella spirale di questo vizio. L’Oms ha rilevato come si determini una oscillazione a favore dell’abitudine al fumo quando vengono meno le campagne di sensibilizzazione ". Il ministero avvierà una serie di iniziative di comunicazione rivolte ai giovani non solo contro il fumo ma anche contro alcol, droga e malattie sessualmente trasmissibili. "Le statistiche dicono che c’è stato un incremento importante tra i fumatori giovanissimi, in età 11-12 anni, e questo vuol dire che si è abbassato il livello di guardia e di consapevolezza ma anche di una stigmatizzazione del fumo ", ha spiegato il ministro.

Tu sei d’accordo con i nuovi divieti? Vota il sondaggio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da romeo

    Spegni quella sigaretta prima che lei spenga te, gettala prima che lei getti te, dimenticala prima che lei dimentichi te, sprofondala prima che lei sotterri te in un futuro che non ti apparterrà più. Solo perchè lo hai voluto tu! http://www.smettoadesso.it/report-gratuito.html

  2. Scritto da Ncole

    D’accordissimo!!! Finalmente!! Io ho 25 anni e da quando sono nata lotto contro l’inciviltà e il menefreghismo dei fumatori! Sono nata con una malattia che purtroppo mi rende i polmoni deboli. Non ho deciso io di essere malata, non ho potuto scegliere sulla salute dei miei polmoni e vedere questa gente che consapevolmente danneggia i propri polmoni, ma non solo, se ne frega della gente che sta attorno e respira il loro schifosissimo fumo senza desiderarlo, mi fa arrabbiare moltissimo!!

  3. Scritto da Anna

    io non sono d accordo. Ma oggi da fastidio solo il fumo? E i ragazzini che rompono i giochi e bevono birra nei parchi vanno bene. Sono ragazzate!

  4. Scritto da Isa Omacini

    L’eccesso di divieti non fa bene a nessuno, non sono una fumatrice ma cerco di essere tollerante

    1. Scritto da ru

      Condivido. Ma nei film e negli stadi ci sta. Nei parchi solo se non c’è la contrarietà di chi sta vicino., direi.

  5. Scritto da claudia

    Sono d’accordo perché nei parchi ci devono essere i bambini e basta
    Ne alcolici, ne fumo, o altro.
    E tutto questione di rispetto e buon costume.
    I fumattori (per celta propria) devono fumare in casa propria .

    1. Scritto da doctor

      ….si solo a casa, ma solo dalle 7,00 alle 9,00 ovviamente….

    2. Scritto da Pietro

      I dolci , le bevande gassate, il panino con l’hamburger li lasciamo per la prossima tornata ?

    3. Scritto da Ullapeppa

      Ex kapo ?

  6. Scritto da Flaminio

    Contrario, anche perché oggi per il fumo (che certamente non fa bene alla salute) domani per qualcosa d’altro, man mano crescono i divieti e si vive in una società sempre più castrante.
    Recentemente una delle figure di spicco della medicina inglese ha scritto che la morte di cancro è una delle migliori possibili ed una prestigiosa rivista scientifica ha evidenziato che la più parte dei casi di cancro (2/3) è dovuta a semplice “sfiga” (se mi è consentito il francesismo).

    1. Scritto da Nicole

      Informati meglio e evita di scrivere pericolose cavolate. E se tu decidi di suicidarti non coinvolgere me. Non si tratta di proibizionismo ma di norme a tutela della salute e della vita.

  7. Scritto da Jack

    Estendere il divieto in spiaggia lo trovo giustissimo. I mozziconi piantati nella sabbia dai tanti fumatori ignoranti e cafoni non si contano più, se uno si vuole ammazzare fumando che lo faccia a casa sua.

    1. Scritto da L76BG

      e lei mi dica..non è meglio multare e controllare chi in spiaggia le butta?
      siamo alle solite in Italia, non c’è controllo e cosi si vieta, vieta , vieta..poi se sei civile lo prendi in quel posto 2 volte e l’incivile (che on è controllato) continua i suoi porci comodi..

      1. Scritto da Groucho

        Quindi secondo lei dovremmo mettere centinaia di poliziotti nelle spiagge italiane per multare i fumatori. Proposta arguta e soprattutto fattibile. WOW.

  8. Scritto da TT

    Bene bene,poi pero VIETIAMO anche il consumo di bevande alcoliche nei parchi,stadi etc…

    1. Scritto da L76BG

      bevande alcoliche allo stadio già c’è..in curva naturalmente perché in tribuna VIP c’è pure servizio catering con varie etichette..

    2. Scritto da Luna

      obblighiamo i politici a frequentare , basta parassiti mantenuti e stipendi da € 1000 mensili

  9. Scritto da L76BG

    ma naturalmente lo smog ed i fumi di fabbriche, auto e/o aeroporto resteranno..

    1. Scritto da Patrizio

      Iniziamo a togliere quello che possiamo fare subito. Le sigarette si può da subito, se non ce la fate finite il pacchetto. Così togliamo dagli ospedali quella percentuale di malati più o meno gravi. Creiamo più piste ciclabili, ci saranno meno auto in strada e meno inquinamento. Miglioriamo tutto il possibile invece di sentirci il dito puntato o delle vittime che fanno cose inutili. Non è sempre colpa degli altri!

      1. Scritto da Eccheè ?

        Patrizio che due marroni !!!! Mettiamo una legge che controlli quanta pancetta mangi (fa malissimo se ne mangi tanta !), un’altra per le bibite gassate , particolarmente se fornite ai bambini nei parchi , con carcerazione preventiva se sorpresi ad averne nello zainetto . Patrizio, se proprio vuoi fare il manicheo ci sono tante belle organizzazioni fondamentaliste ……. P.S se togli il carico agli ospedali lo metti all’Inps ……..

      2. Scritto da L76BG

        e la pancetta che fa male ..no? o le bibite gassate.. io fumo, finchè rispetto gli altri, lontano da minori o all’aperto a voi che frega?

      3. Scritto da V

        Un mondo perfetto il tuo… Purtroppo quelli”che pagano”poi son sempre quelli!

  10. Scritto da Daniel

    Sono un ex fumatore ma non sono daccordo il divieto sui luoghi aperti come parchi e spiagge…mentre assoluto divieto nei luoghi chiusi ed in presenza di minori!!!
    X quanto riguarda li stadi dovrebbe essere diviso per zone chiuse non fumatori aperte fumatori

  11. Scritto da elena bigazzi

    Sono d’accordo chi fuma in spuaggia i nei parchi automaticamente getta la cicca a terra inqyinando moltissimo. Controlli e multe sono impossibili. .allora meglio vietare il fumo.Fumare solo nella propria abitazione o nel proprio giardino. Chi vuol Cristo se lo preghi!

  12. Scritto da Geronimo

    Se nei film e’ per non dare il cattivo esempio, allora vietiamo i film in cui si spara, si uccide, si sgozzano le persone, si violenta, ecc…Sarei assolutamente d’accordo

  13. Scritto da Daniele

    Assolutamente contrario, non sono fumatore e trovo giustissimo il divieto di fumo nei locali pubblici come anche il divieto di pubblicità e l’obbligo delle scritte sui pacchetti. Ma proibire ai fumatori di fumare nei luoghi aperti è ridicolo e ingiusto, vietare le sigarette nei film fuori luogo e sciocco.

    1. Scritto da Paolo

      D’accordissimo con Daniele.
      W la libertà, quando essa non limita la libertà altrui.

      1. Scritto da Nicole

        Forse non avete ancora capito che fumare all’aperto ma a 2 metri (per esser larghi) da un’altra persona, come può succedere in una spiaggia o in uno stadio, è proprio come sparargli il vostro fumo in bocca. Quindi direi che limita pesantemente la libertà altrui.

  14. Scritto da romeo

    Il fumo è la più stupida mortale e costosa trappola che l’uomo si sia mai costruito! Inoltre ha un vantaggio inestimabile: prima o poi porta ad un infarto cardiaco che abbrevia la vita del fumatore tanto da risparmiargli di morire di cancro ai polmoni! Smettere di fumare è la più saggia ed intelligente delle decisioni che una persona possa prendere per se stessa e per gli altri, se non sai come farlo vai qui http://www.smettoadesso.it/report-gratuito.html adesso è più facile!

    1. Scritto da Ennio

      Bene, detto questo mi spieghi cosa te ne importa se uno fuma in un parco ?

      1. Scritto da Nicole

        Importa eccome. Perché sono stufa di dovermene andare da ogni maledetto luogo pubblico ALL’APERTO o dover litigare con gente irrispettosa e maleducata per evitare di avere un attacco asmatico. Provate a riflettere prima di scrivere.

  15. Scritto da Bah !?

    Semplicemente ridicolo . Legge priva di senso che però non costa nulla , non ottiene nulla , fatta solo per ingraziarsi elettoralmente i non fumatori che ormai (e per fortuna) sono la stragrande maggioranza. Accanimento elettorale.

    1. Scritto da AV

      Non sono daccordo: ben venga un ulteriore limitazione al vizio più stupido e dannoso del mondo in un paese come il nostro che troppo poco ha fatto e ancora fa in tema di salvaguardia della salute pubblica.

      1. Scritto da Ale

        Non dev’essere lo Stato a salvaguardare la salute pubblica. In primis tu devi salvaguardare la tua salute e poi mediante quella parola chiamata rispetto salvaguardare quella degli altri. Vuoi distruggerti la vita fumando, fallo pure nel rispetto di chi ti sta vicino, non capisco perché lo Stato invece di pensare a rimettere in piedi l’Italia si debba perdere in questa sciocchezze.

  16. Scritto da angela

    Sono d’accordo nei luoghi chiusi anzi d’accordissimo ma nei luoghi aperti non sono d’accordo

  17. Scritto da Alice

    Totalmente a favore. Più salute e meno inquinamento. Più rispetto verso le persone e l’ambiente.

    1. Scritto da Gulp !

      In un parco ? Ti senti bene ? E pensare a svagarti un po’ di più ?