BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A4 Bergamo-Milano Il rincaro più alto in tutta Italia: 3%

Non è un record di cui andar fieri: dal 1 gennaio 2015 l'autostrada A4 Bergamo-Milano ha registrato l'aumento maggiore in tutta Italia. Altroconsumo ha paragonato tutti i rincari decisi dalle società autostradali e approvati dal governo: l'A4 si percorre pagando il 3% in più rispetto allo scorso anno, segue la Napoli-Salerno con un +2,4%. Ma il dato che spaventa è quello relativo all'ultimo triennio: le tariffe autostradali per queste tratte sono aumentate rispettivamente del 10 e dell’11%.

Non è un record di cui andar fieri: dal 1 gennaio 2015 l’autostrada A4 Bergamo-Milano ha registrato l’aumento maggiore in tutta Italia. Altroconsumo ha paragonato tutti i rincari decisi dalle società autostradali e approvati dal governo: l’A4 si percorre pagando il 3% in più rispetto allo scorso anno, segue la Napoli-Salerno con un +2,4%. Ma il dato che spaventa è quello relativo all’ultimo triennio: le tariffe autostradali per queste tratte sono aumentate rispettivamente del 10 e dell’11%.

L’unica regione in cui non si sono verificate quest’anno modifiche nelle tariffe autostradali è la Sicilia, dove negli ultimi tre anni le tariffe sono cresciute solo del 3%. Secondo l’associazione dei consumatori l’aumento medio scattato il 1° gennaio 2015 è pari allo 0,6%, tre volte in più rispetto all’inflazione, e con evidenti differenze territoriali. Le tratte brevi, ad esempio, sono rimaste pressoché invariate.

“Si tratta di voci di prezzo che – avverte Altrocosumo – , con tutta probabilità, incideranno pesantemente su tutti i beni di consumo, dal momento che il loro trasporto avviene su strada e quindi passa in buona parte per le nostre autostrade”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Aumenta la A4, diminuisce la A35, cosa stanno cercando di dirci?

    1. Scritto da Eh Già

      Figurati se qui sotto “paga” e A.Z.bg si pongono la domanda ……

  2. Scritto da paga

    Paga e taci somaro bergamasco!

  3. Scritto da A.Z. BG

    Finchè i Lombardi non capiranno che devono andarsene da questa italia ladra che spreme i Lombardi premiando gli spreconi romani e del sud(A4 + 11% in 3 anni,Sicilia + 3% in 3 anni,dove già si paga poco),saranno sempre derubati. Evidentemento ai Lombardi piace essere costantemente derubati dei frutti del loro lavoro(tasse,tariffe,ecc.)dato che a roma mandiamo ogni anno dai 50 ai 70 mld di € in più di quanto ci torna ed tagliano ulteriormente i fondi alla regione!INDIPENDENZA,SECESSIONE!!

    1. Scritto da incompreso

      Le tariffe vengono riscosse dalle società concessionarie e vanno a loro totale vantaggio – tassazione a parte. Temo che la sua invettiva non colga il bersaglio più corretto.

      1. Scritto da Sicuri?

        Quindi secondo lei sono le società concessionarie a decidere l’aumento delle tariffe?? A me non sembra che sia cosi’,a me sembr ache lo decida il governo con il ministro dei trasporti no?

    2. Scritto da Vincenzo

      Giusto.. i conti sballati di BREBEMI dobbiamo pagarli noi LOMBARDI.. soltanto NOI.. Secessiù!

      1. Scritto da pablo

        certo certo, infatti la brebemi è un’opera che collega caltanisetta con cagliari. ma mi faccia il piacere.

      2. Scritto da giovanna

        Ma se alla Brebemi Maroni ha appena regalato 60 milioni di Euro di tasse dei lombardi? Di cosa stai parlando?