BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ping call, la telefonata con l’audio porno che prosciuga il credito

Squilli e chiamate effettuate a qualsiasi ora del giorno, anche di notte, da numeri stranieri, alle quali non si riesce a rispondere per via della breve durata della chiamata stessa. Richiamando scatta la truffa, con una linea a pagamento molto costosa, precisamente 1,50 euro ogni 10 secondi di chiamata per non ascoltare nulla se non l'audio confuso di un film (pare di un film porno in lingua russa).

E’ stata soprannominata ping call l’ultima modalità per mettere a segno una truffa telefonica. Squilli e chiamate effettuate a qualsiasi ora del giorno, anche di notte, da numeri stranieri, generalmente preceduti dal prefisso +373 (Moldavia), alle quali non si riesce a rispondere per via della breve durata della chiamata stessa.

Il malcapitato, se proverà a richiamare quel numero sconosciuto per capire di chi si tratta, farà scattare la truffa: un meccanismo semplice ed efficace per i truffatori.

Nel momento in cui si effettua la chiamata verso il numero straniero, si viene automaticamente reindirizzati a una linea a pagamento molto costosa, precisamente 1,50 euro ogni 10 secondi di chiamata per non ascoltare nulla se non l’audio confuso di un film (pare di un film porno in lingua russa).

Mentre si cerca di capire con chi si sta parlando e chi ha effettuato quella telefonata, il truffatore si arricchisce lentamente al ritmo di 1,50 euro ogni 10 secondi e il credito telefonico viene rapidamente consumato.

Qualora si riuscisse a rispondere alla telefonata al primo squillo, il truffatore interrompe volutamente la telefonata per attendere una chiamata da colui che sarà truffato.

Molto spesso questi sistemi sono completamente automatizzati, computer collegati alla rete che effettuano telefonate in serie tutto il giorno per truffare quanti più utenti possibili.

Gli esperti invitano a non effettuare mai telefonate verso numeri sconosciuti, sia italiani che stranieri, per evitare brutte sorprese. Il vero problema, però, è la mancanza di leggi per la tutela degli utenti, normative che tengono conto della tecnologia odierna e che permettono di combattere questo tipo di truffe purtroppo molto diffuse.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.