BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Beffa di Lazarevic E l’Atalanta non passa neanche col Chievo fotogallery

Una prodezza dell'esterno veronese regala al 90' il pareggio ai gialloblù. Grande rammarico per una partita che andava assolutamente vinta e che sembrava già in tasca grazie al grande gol di Zappacosta. Il Cagliari batte 2-0 il Cesena: ora la zona retrocessione è a -2.

Più informazioni su

Una magia di Lazarevic al 90′ frena la corsa-salvezza dell’Atalanta e lascia tanta, tantissima amarezza. Doveva essere un match da non sbagliare per i nerazzurri di Colantuono che dopo il grandissimo gol di Zappacosta sembravano aver messo in cassaforte quei tre punti importantissimi che avrebbero potuto regalare serenità e tranquillità. Invece no. Una punizione per un fallo piuttosto dubbio (che ha anche portato all’espulsione per somma di ammonizioni di Bellini) e una destro da cineteca dell’esterno appena mandato in campo da Maran fermano un’Atalanta incompiuta, che non è del tutto piaciuta ma che stava per portare a casa – seppur col minimo sforzo – quanto doveva.

Poco, troppo poco è stato fatto in avanti dagli uomini del tecnico di Anzio, che ha deciso di puntare sin dal 1′ sulla coppia Pinila-Denis senza ottenere i risultati sperati: i due non si sono cercati più di tanto ma entrambi si sono dati da fare senza però riuscire a incidere, in nessun modo. Solo il Tanque ha avuto sul destro, sul finire del primo tempo, una ghiotta palla-gol ma l’intervento provvidenziale in scivolata di Dainelli ha strozzato in gola l’urlo di gioia del bomber argentino e del pubblico del Comunale. Insomma, il mal d’attacco non è ancora stato superato. E neppure l’ingresso in campo di Bianchi è servito a molto.

Nel frattempo il Cagliari batte il Cesena nell’altro scontro-salvezza di giornata e complica ancor di più i piani di Colantuono e dei nerazzurri: ora la zona retrocessione è a due sole lunghezze di distanza e domenica prossima i bergamaschi sono attesi da un match abbastanza difficile, a San Siro contro il Milan di Inzaghi e di Menez.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jimmi

    Nemmeno contro le squadre uscite dall’oratorio riusiamo ad imporci ah ah ah ah SERIE B- è una SQUADRA di BROCCHI

  2. Scritto da nino cortesi

    Abbiamo regalato al Chievo una ventina di corner e una decina di punizioni dal limite.ci ha graziato Schelotto e non fischiato un rigore fatto da Stendardo.

  3. Scritto da micio

    al di la’ del gol irregolare subito la Dea ha fatto l’ennesima partita orrenda, Genova a quanto pare e’ stata un illusione. Giocando cosi’ giusto retrocedere

  4. Scritto da ste

    Non abbiamo fatto una e dico una partita su 18 convincente,dove abbiamo fatto risultato convincendo e meritando.
    Si è sbagliato a considerare alcuni (sia giocatori che membri dello staff)indispensabili,tramite contratti lunghi e faraonici.
    Oltre al Cesena (a cui noi abbiamo fatto fare un figurone)non vedo una squadra che ha piú difficoltá di noi

  5. Scritto da claudio

    Questi due punti persi li pagheremo cari. l’arbitro ci ha messo tanto di suo ma si e’ giocato male.

  6. Scritto da digeo

    Non è stata una grande atalanta ma la partita era vinta. L’arbitro non vede un fuorigioco e fischia un fallo assurdo: Bellini è in anticipo e copre il pallone, liscia il rinvio ma non compie alcun fallo. assurdo.

  7. Scritto da Jeanpaul

    Ora trasferte con Milan e Verona, poi Cagliari in casa e quindi Fiorentina,Inter,Juventus. Da brividi….Chi ci salva quest’anno?

  8. Scritto da Narno Pinotti

    Il 29 novembre un certo “solodea” scriveva qui: «vinciamo le prossime quattro partite, prima della sosta natalizia, e più nessuno parlerà di esonero o altro». A bocce ferme contiamo i punti delle ultime sei partite: sette. Una vittoria, una sconfitta, quattro pareggi. Di questo passo, per accumulare 12 punti serviranno 14 gare.

    1. Scritto da Andrea1984

      Rubo questo spazio solo per salutare il mio professore preferito. Sono stato suo studente ai Salesiani. Le faccio i miei più sentiti auguri per un sereno 2015.

    2. Scritto da aedolos

      Ah, mi scusi, dunque adesso prendiamo sul serio anche i pronostici? Le profezie da bar sport? …

  9. Scritto da squallidi

    E poi fanno gli offesi se vengono fischiati. Ridicoli

  10. Scritto da aldo

    il chievo non ha beffato nessuno..sarà stato aiutato anche dall’arbitro sul fallo di bellini..ma l’atalanta cosa ha fatto per vincere la partita…niente visto che in tutta la partita l’unico e veramente il solo tiro in porta è stato quello di Zappacosta….
    al mercato di gennaio non si può vendere colantuono???????

    1. Scritto da Gio da PV

      Vendere Il Cola ? E chi lo compra?

    2. Scritto da alex

      Ho capito ma se i giudici di gara non vedono un fuorigioco al 90 e si inventano una punizione con annessa espulsione. …la colpa è del Cola….