BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La madre di Bossetti: “Non ha ucciso Yara, ho scritto anche al Papa”

Gli assassini si facciano avanti o, se c’è qualcuno che sa qualcosa, lo dica". A parlare ai microfoni di Quarto Grado è Ester Arzuffi, la mamma di Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere da sei mesi con l'accusa di avere ucciso Yara Gambirasio

"Voglio far capire alle persone com’era mio figlio da piccolo, da adulto, da sposato.Che modello di papà è e che marito è. Che gli assassini si facciano avanti o, se c’è qualcuno che sa qualcosa, lo dica".

A parlare ai microfoni di Quarto Grado è Ester Arzuffi, la mamma di Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere da sei mesi con l’accusa di avere ucciso Yara Gambirasio.

La 67enne si dice sicura dell’innocenza del figlio da lei giudicato incapace di tenere nascosto un crimine tanto efferato.  

Neppure dopo che il test effettuato sulle tracce di Dna trovate sul corpo senza vita della tredicenne di Brembate, la prova più grave contro Massimo.

Ester Arzuffi, quasi in lacrime, si dice fiduciosa nella giustizia al di là di ciò che pensa l’opinione pubblica: "Io spero nella giustizia, non la temo. Spero faccia la cosa giusta. Perché ormai la gente ci ha giudicato e massacrato. Non so come facciamo a stare in piedi perché è dura. Io voglio affrontare tutto fino alla fine".

Alla domanda della giornalista che gli chiede se ha paura, la donna risponde con decisione: "No, di cosa dovrei aver paura? Di niente. Nemmeno mio figlio. Lui ha paura per i figli, che facciano qualcosa ai bambini.

Tornando all’arresto del figlio e al suo rapporto con Giuseppe Guerinoni, la donna afferma: "Non sono rimasta sorpresa quando mi hanno chiamata per il prelievo del Dna. Tanto chiamavano tutte.

Quando avevo 19 anni, appena sposata, Guerinoni mi trasportava solo per andare a lavorare e basta, amicizie non ne avevo. Venivo trasportata da lui con la macchina. Poi c’era un altro signore, una settimana l’uno e una settimana l’altro.

È durato poco, perché sono stata a casa quasi subito dall’azienda in cui lavoravo. A Guerinoni davo sempre del lei, non mi sono mai permessa di dargli del tu. Poi non l’ho più visto. Quando dicevano Guerinoni aveva l’amante non l’avrei mai pensato. E quando è uscito il mio nome sono rimasta di stucco".

"Ho scritto al parroco di Brembate dicendo che mi piacerebbe incontrare la famiglia di Yara, ma non in questo momento, magari più in là li incontrerò sicuramente", conclude la madre di Bossetti.

"Ho scritto anche al Santo Padre: gli ho scritto che mio figlio è in carcere accusato della morte di Yara, ma gli ho detto che, essendo mamma, capisco che mio figlio non è colpevole. Le sto provando tutte, perché mio figlio è innocente e i veri assassini sono fuori e lo dirò sempre"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.