BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Usiamo la democrazia”: il centrosinistra invita i bergamaschi in piazza

Dopo le drammatiche notizie arrivate da una Parigi messa sotto assedio dai terroristi il centrosinistra cittadino invita tutti i bergamaschi in piazza: "Perché tutti sentiamo il bisogno di reagire, ma dobbiamo farlo con democrazia, con più apertura, con più diritti".

Dopo le drammatiche notizie arrivate da una Parigi messa sotto assedio dai terroristi il centrosinistra  nvita tutti i bergamaschi in piazza: "Perché tutti sentiamo il bisogno di reagire, ma dobbiamo farlo con democrazia, con più apertura, con più diritti".

Ecco l’invito all’evento che si terrà sabato 10 gennaio a Bergamo, in piazza Vittorio Veneto dalle 15.30.

 

La strage di Parigi ci ha lasciati addolorati, sgomenti, arrabbiati. Tutti sentiamo il bisogno di reagire. Ricordiamo quello che il premier norvegese Stoltenberg disse dopo la strage di Utoya del 2011: "Reagiremo con più democrazia, più apertura e più diritti".

Non vogliamo cedere alla paura e all’odio. Rifiutiamo la logica di chi divide il mondo in base alla religione, al colore della pelle, alla nazionalità. Rifiutiamo la logica di chi specula sulla morte per i propri interessi, alimentando una spirale di odio e violenza. È il momento di stare insieme, di far sentire la voce di tutti quelli, e sono tanti, che di fronte alla morte e alla violenza rispondono con il dialogo, la solidarietà e la pratica dei diritti. Tutti quelli che non fanno distinzione tra le vittime di Utoya e Peshawar, di Baqa, di Baghdad, e Parigi, nel Mediterraneo e a New York. Tutti quelli che credono che diritti, democrazia e libertà siano l’unico antidoto alla guerra, alla violenza e al terrore. Dove l’odio divide, i diritti possono unire.

Vi aspettiamo, sabato 10 gennaio, alle 15.30 in piazza Vittorio Veneto

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ah! ça ira.....

    Speriamo che nessuno a Parigi partecipi alla manifestazione con una maglietta con scritto “J’aime ma famille, naturelle! ” altrimenti vedi che ripassata di libertà manganellare gli danno!

  2. Scritto da nino cortesi

    Quello che non va sono i governi e le religioni così come operano ora. Il popolo, sia che sia cattolico sia che sia islamico, vuole la pace, la democrazia, la libertà, la buona comunicazione, tutte cose che non esistono nè nell’occidente nè nell’oriente. Esiste solo la presa per i fondelli di quanto sopra a danno del popolo ed a benefici dei corrotti.
    M5* mondiale.
    Onestà mondiale, altrimenti anche i kalashnikov diventano ironici.

  3. Scritto da Arturo

    Seguito: Se esistessero i musulmani moderati,perchè non lanciano una fatwa contro gli islamici assassini?Perchè non esistono islamici moderati!Le fatwe le lanciano verso chi li critica,come S.Rushdie,per loro non esiste la libertà di espressione.Chissà quanti dei muslim a Bergamo hanno esultato per Parigi e Baka.

    1. Scritto da Giovanni

      Salve mi chiamo Souad Sbai, sono nata in Marocco e parlamentare PdL.

  4. Scritto da Arturo

    Delle strage nominate nell’articolo, solo una è di un non musulmano, tutte le altre commesse da islamici.Non si può ne si deve nasconderlo.Se la manifestazione fosse seria e non il solito modo sinistro di difendere gli amici islamici,non confonderebbe le due cose e direbbe chiaramente che oggi i morti delle stragi nel mondo sono causati da islamici(Nigeria,Sudan,Siria,Irak,Afghanistan,Australia,Canada,
    New York,Madrid,Londra,Parigi,ecc.).Se fosse contro i veri omicidi parteciperei.

  5. Scritto da coerente

    giusto! più libertà e diritti! no alla generalizzazione! abolizione immediata dei reati di apologia di fascismo: mica tutti i fascisti uccidono!

  6. Scritto da A.Z. BG

    Maggiori diritti a i musulmani per trattare le donne come gli animali o vestirle nei sacchi di patate?Più diritti di inventare moschee in cantine e garage? Più diritti di mentirci in base alla”dissimulazione”?Più diritti di sottometterci?più diritti per toglierci la libertà di espressione?

    1. Scritto da Giovanni

      Che accozzaglia di luoghi comuni. Si parla di diritti sanciti dalla Costituzione. Con il permesso per la costruzione di una moschea questa dovrà sottostare a regole urbanistiche e via dicendo. Non glielo dai? Evvai con gli abusi, bravo furbo.

  7. Scritto da Mory

    La Francia? Una paese dove vai in galera se regali un paio di scarpine a una mamma che vorrebbe abortire? Libertà di pensiero? Quello proprio! Comunque contro ogni forma di violenza anche contro gli indifesi!

  8. Scritto da Andrea

    invece di fare ste ca..te e andare in piazza dite ai vostri colleghi in parlamento di fare le leggi e di farle applicare… l’Italia è allo sbando… gentaglia (ovviamente non tutti) arrivano fanno disfano distruggono e non gli succede nullla…ma dove stiamo andando???

  9. Scritto da claudio

    Prima gli permettete di invaderci, poi costringete noi a rinunciare alle nostre usanze e Ora che sta iniziando la mattanza chiamate Il popolo a salvare la democrazia. Vergognosi

  10. Scritto da Marcello

    Comincerei a lasciar fare il presepe a scuola, tanto per rispettare identità culturali inoffensive agli altri e nostre….. Quelli che per falso buonismo cominciano a cancellare le proprie di tradizioni, sono solo dei sepolcri imbiancati.

    1. Scritto da Giovanni

      Ha notizie che il Pd propone l’abolizione del presepe nel suo programma politico? Scommetto che non lo trova nemmeno in quello di SEL.

      1. Scritto da il polemico

        guarda che il signore non ha accusato ne pd ne sel,ma solo certi personaggi che autonomamente si permettono di giudicare cosa è bene o male,tipo il famoso preside di scuola

        1. Scritto da Giovanni

          Il tutto in un thread che informa su una manifestazione del centrosinistra. Su, che sappiamo leggere tra le righe.

  11. Scritto da Sergio

    Nella sinistra albergano le femministe: come fanno a parteggiare per culture dove impongono alle donne di circolare col viso nascosto? Misteri italiani……

    1. Scritto da Giovanni

      Parteggiano? E dove, quando? Porti fatti, non le cialtronate che si sentono nei bar. Lei è un destro, immagino. Prenda le distanze dai nazisti alla Brevik.

      1. Scritto da Sergio

        Da noi si propongono corsi di cucina etnica, corsi di lingua italiana per stranieri, corsi vari ed eventuali; proposti e tenuti ovviamente da gente acculturata e affiliata ad associazioni umanitarie o della macchina pubblica, non certo tenuti da operaie o da casalinghe. Acculturate = vicino al mondo della scuola. Mondo della scuola = normalmente sinistra e femminista. Femminista = diritti donne. Chiudiamo il cerchio? Coccolano in Italia culture che opprimono la donna!

        1. Scritto da Giovanni

          Ma dai? Corsi di italiano per stranieri in Italia? Poffarbacco! Insomma, Sergio odia la cultura, la scuola ecc. Gli tocca stare in cantiere alla betoniera assieme a colleghi… musulmani. Torna a casa stanco e picchia la moglie. È così?

          1. Scritto da Sergio

            La cultura e l’arte, già ce l’abbiamo in Italia al 70% rispetto a tutto il mondo. Ce l’hanno sputtanata gli pseudo intellettuali con la tessera politica in tasca. La scuola italiana (costituita prevalentemente da donne) è tra le ultime del mondo occidentale. Non c’è bisogno di picchiare la moglie: ci pensano le femministe a fregarle! Le mogli vanno difese dalle intellettualoidi pseudo-buoniste che vogliono integrare le culture che ammettono prevaricazioni su donne e bambine!

  12. Scritto da Gino Strombi

    Dal Mali all’Indonesia il mondo E’ diviso in base alla religione. L’islam,o il fanatismo islamico, o lo scisma islamico, o come vi va di chiamarlo è in guerra con tutto il resto. 2000 morti in Nigeria ieri, 150’000 nella guerra civile Algerina, 500’000 di musulmani ammazzati da altri musulmani in Iraq, quelli di Francia oggi. E’ terrorismo islamico. Non è altro. E’ una gigantesca dimensione d’odio che coinvolge centinaia di milioni di individui, prima di tutto, musulmani. Non altro: musulmani.

    1. Scritto da Giovanni

      In Ruanda si massacrarono tra cristiani. 1 milione. Non altro: cristiani.

  13. Scritto da Integrazione

    Apritevi, apritevi con l’integrazione. Che poi ci pensano loro ad integrarvi

  14. Scritto da bruno

    inostri padri hanno fatto la guerra x liberarci dagli invasori voi con la vostra politica (da cialtroni)fate l’opposto……..