BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Strage di Parigi: si è arreso nella notte il terrorista più giovane

Nella serata di mercoledì si era diffusa la notizia che la polizia aveva identificato i tre killer della strage al Charlie Hebdo, il giornale satirico, provocando 12 morti, tra cui il direttore e tre dei principali vignettisti, e 11 feriti di cui uno molto grave.

Più informazioni su

Nella serata di mercoledì si era diffusa la notizia che la polizia aveva identificato i tre killer della strage al Charlie Hebdo, il giornale satirico, provocando 12 morti, tra cui il direttore e tre dei principali vignettisti, e 11 feriti di cui uno molto grave.

Nella notte uno di loro si è arreso: il più giovane dei tre sospettati di aver compiuto il massacro assassinando gli autori del giornale da tempo minacciati per aver pubblicato vignette dissacranti su Maometto e la religione islamica.

Secondo diversi media francesi si tratta di Amid Mourad, 18 anni, che si è consegnato alla polizia a Charleville-Mezières, vicino al confine con il Belgio, dove era in corso un’operazione di polizia che ha portato all’arresto anche di un familiare dei sospettati. Il premier francese Manuel Valls ha riferito che le forze dell’ordine hanno effettuato anche altri arresti nella notte. 

Secondo le prime ricostruzioni è un "senza fissa dimora" che ha fatto da autista e non era uno dei due che hanno compiuto materialmente la strage.  

I due killer, identificati nei fratelli Said e Cherif di 32 e 34 anni – reduci della guerra in Siria da cui sono tornati in Francia quest’estate – in un’operazione da commando militare hanno ucciso a colpi di kalashnikov 8 persone all’interno della redazione del giornale satirico (ferendone 5) e i due agenti di guardia alla redazione.

Sono stati ripresi dalle telecamere all’esterno dell’edificio mentre finivano un agente ferito e gridavano Allah Akbar (Dio è grande). L’identificazione è stata resa possibile dal ritrovamento di una carta d’identità ritrovata dalla polizia in una Citroen C3 abbandonata dagli attentatori durante la fuga.

Subito è iniziata una massiccia caccia all’uomo in tutta la Francia e in particolare nella zona di Reims – nel nord della Francia – dove la polizia ha individuato il covo degli attentatori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tino

    alcuni giornali hanno già ribattezzato l’evento come “11 settembre dell’Europa” … e questi 3 disperati lasciano la carta d’identità in auto …
    andiamoci piano con i titoli apocalittici … e portiamo via ogni esercito straniero dal Medio Oriente, anche se ormai i danni sono stati fatti.