BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Assenze, Bergamo sotto la media nazionale Svettano però i vigili

A Bergamo, così come in tutta Italia, le amministrazioni sono obbligate a pubblicare mese per mese i tassi di assenza del personale. Prendiamo il caso di Palafrizzoni: nella sezione trasparenza (clicca qui) si può accedere a tutti i dati dei dipendenti, comprese le percentuali di giorni a casa dal lavoro. Che a Bergamo sono sotto la media nazionale.

Più informazioni su

La notte di Capodanno “assenteista” dei vigili di Roma ha riportato alla ribalta il tema dell’efficienza del pubblico impiego italiano. Lo scandalo suscitato dalle alte percentuali di assenza nella Capitale (83,5% a causa di malattia e permessi per donare il sangue, leggi qui) ha scatenato le reazioni del mondo politico e non solo. Il premier Matteo Renzi ha già annunciato il ”cambio di regole nel pubblico impiego” già dal 2015 e perfino i sindacati hanno criticato l’atteggiamento dei vigili romani (leggi qui). L’indignazione straborda dalle pagine dei giornali e nei post sui social network, eppure controllare le presenze dei dipendenti pubblici è da tempo molto facile.

A Bergamo, così come in tutta Italia, le amministrazioni sono obbligate a pubblicare mese per mese i tassi di assenza del personale. Prendiamo il caso di Palafrizzoni: nella sezione trasparenza (clicca qui) si può accedere a tutti i dati dei dipendenti, comprese le percentuali di giorni a casa dal lavoro. Che a Bergamo sono sotto la media nazionale. Gli ultimi disponibili sono quelli di novembre 2014 (clicca qui per consultarli).

Qualche esempio: il personale degli “affari istituzionali” ha un tasso di assenza del 13%, risorse finanziarie 10%, politiche del territorio 15%, il segretario generale 5%, lavori pubblici 7%. Gli stacanovisti sono segretari e componenti dello staff del sindaco Giorgio Gori: 3% di assenza a novembre, 1% a ottobre e a settembre. Prendendo in esame i dati della Polizia locale, settore incriminato a Roma, si può notare come anche a Bergamo sia tra quelli con percentuali di assenza più alte: 22% a settembre 2014, 16% a novembre e a settembre, ma costantemente sopra il 20% dall’inizio dell’anno fino ai picchi estivi dovuti alle ferie.

Tassi di assenza di settembre 2014

Tassi di assenza di ottobre 2014

Tassi di assenza di novembre 2014

MEDIE NAZIONALI – La media nazionale si attesta sul 20%, almeno secondo gli ultimi dati Inps risalenti al 2013. Nel lavoro privato invece scende al 13%. Solo a causa delle malattie si perdono oltre 108 milioni di giornate di lavoro: 77,6 nel settore privato e 30,8 nel settore pubblico. Le regole antifannulloni non mancano – soprattutto dopo la “cura” Brunetta che ha scanetano molte polemiche – spesso però non vengono applicate oppure si interviene agisce solo a scandalo servito. Come a Roma, dove ora addirittura novanta agenti di polizia locale rischiano “da undici giorni di sospensione fino al licenziamento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Non sistemiamo niente se non partiamo dall’alto.
    Sistemiamo tutti partendo dai politici.
    Ai politici massimo 5000 euro lordi. Devono fare 5 volte di più di quelli che prendono 1000 euro al mese! Non mi sembra una pretesa. Ora che prendono 20000 euro mese, RUBANO.

  2. Scritto da Livia

    Poveracci sempre al freddo e sotto il sole d’estate, è giusto che ogni tanto s’ammalino Provate Voi i politici non
    vanno a lavorare nemmeno e prendono tanti soldini ah ah ah ah ah

  3. Scritto da Rizzè

    Ma come si fa a non capire che è solo una manovrina dettata da un governo inciucione solo per distrarre l’opinione pubblica da quello che stava organizzando ?(vedi articoletto sull’evasione fiscale tollerata fino al 3%) Di fatto a Roma non è successo niente di grave, e chi fa un lavoro come quello del vigile urbano, già sta sulle scatole alla gente, ma deve avere tutto il nostro rispetto. Guardiamo invece a quello che fanno i nostri ministri!!!!

  4. Scritto da L76BG

    -vigli urbani
    +forze di polizia

  5. Scritto da Milly

    Scusate la puntualizzazione. I comuni non sono obbligati a pubblicare mese per mese i tassi di assenza, ma secondo quanto previsto dall’art. 16 comma 3 del d.lgs. n. 33/2013, le pubbliche amministrazioni pubblicano TRIMESTRALMENTE i dati relativi ai tassi di assenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale. Scusate di nuovo la puntualizzazione, ma vorrei evitare che si facciano commenti inutili sui comuni…

  6. Scritto da tex

    alla fine non c’è differenza tra i vigili di roma e quelli di bg ……… anche i ns hanno fatto lo sciopero durante le feste di Natale e anche i nostri continuano a piangere e chiedere più personale perche quello poco che fanno in 150 lo vorrebbero fare in 1500 !

    1. Scritto da max

      A)muratori, operatori ecologici sono gente che lavora all’aperto e quindi più esposti al rischio di ammalarsi.
      B) hanno fatto sciopero? I dati sono di novembre, almeno prima di pontificare fai la fatica di leggere.

      1. Scritto da tex

        A) esatto ma loro non hanno sicuramente quelle percentuali di assenze B) hanno fatto sciopero a dicembre e nessuno se n’è accorto C)se guardiamo al loro operato c’è poco da dire, basta leggere i dati delle multe per capire cosa fanno e non fanno D ) In via gavazzeni al mattino e primo pomeriggio regna l’anarchia, sfrecciano motorini taroccati e con il rosso e i tuoi compari, non si vedono mai. E….. licenziarli tutti , le risorse darli alle forze dell’ordine

  7. Scritto da max

    Che razza di analisi è ? Non vi sfiora neanche il dubbio che fra quelli citati i vigili sono coloro i quali stanno per strada e forse è per questo che si ammalano di più? E da quando le ferie sono assenteismo? Davvero ottimo reportage

    1. Scritto da tex

      mi sembri il vigile di roma che diceva che non era un’impegato ……….. già questa frase li qualifica per ciò che sono, potevano studiare e andare a lavorare in banca o a fare i medici ………… ma allora i muratori, gli operatori ecologici company chi sono ????

      1. Scritto da maurizio

        scusa ma non hai proprio capito niente! i vigili di Roma come quelli di tutta Italia, non chiedono soldi o chissà che, chiedono solo di sapere se sono impiegati oppure poliziotti, il contratto dice che sono impiegati comunali pertanto è inconcepibile utilizzarli come poliziotti. Facciano una riforma seria o impiegato comunale pertanto al venerdì alle 5 te ne vai a casa e riprendi il lunedi oppure Poliziotti allora gli dai tutte le tutele del caso.

    2. Scritto da Poni

      Credo che lo sappiano tutti che coloro che lavorano in amministrazioni pubbliche, qualche licenza se la concedono, a me fa impressione, invece 1per cento dello staff del Sindaco farebbero felicissimi anche datori di lavoro privati complimenti a Gori e ai suoi

  8. Scritto da Paolo

    Chi osa contestare qualcosa a chi indossa una divisa?