BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stadio aperto solo ai tesserati, Rossi: “Rispetto la decisione”

“Rispetto la decisione. Non voglio fare altri commenti al riguardo”. Il presidente della Provincia Matteo Rossi era tra i firmatari della lettera destinata al prefetto Francesca Ferrandino per chiedere la riapertura dello stadio a tutti i tifosi, domenica prossima contro il Chievo. Con lui altri tifosi “vip” tra cui il segretario leghista Daniele Belotti, Marino Lazzarini, l'ex arbitro Mario Mazzoleni, Umberto Bortolotti, Giuliana D’Ambrosio, Antonio Gavazzeni, Xavier Jacobelli, Gigi Petteni, Roberto Selini, Franco Tentorio.

“Rispetto la decisione. Non voglio fare altri commenti al riguardo”. Il presidente della Provincia Matteo Rossi era tra i firmatari della lettera destinata al prefetto Francesca Ferrandino per chiedere la riapertura dello stadio a tutti i tifosi, domenica prossima contro il Chievo. Con lui altri tifosi “vip” tra cui il segretario leghista Daniele Belotti, Marino Lazzarini, l’ex arbitro Mario Mazzoleni, Umberto Bortolotti, Giuliana D’Ambrosio, Antonio Gavazzeni, Xavier Jacobelli, Gigi Petteni, Roberto Selini, Franco Tentorio.

La prefettura ha deciso di continuare con la linea dura: anche Atalanta-Chievo sarà riservata ai possessori della Tessera del tifoso. "Per l’incontro di calcio Atalanta-Chievo Verona, valido per il Campionato di Calcio, serie A, 2014/2015, e in programma a Bergamo domenica 11 gennaio – si legge sul comunicato ufficiale inviato dalla Prefettura -, il Prefetto di Bergamo, Francesca Ferrandino, ha adottato un provvedimento recante le seguenti prescrizioni:

1- divieto per la società Atalanta Bergamasca Calcio di procedere alla vendita dei tagliandi per tutti i settori dello stadio, fatta eccezione per i possessori di tessera del tifoso rilasciata dalla predetta società in data antecedente al 27 novembre 2014;

2- obbligo per la società Atalanta Bergamasca Calcio di sospendere la validità di biglietti, carnet di biglietti ed abbonamenti già rilasciati per l’accesso ai settori “Curva Nord” e “Curva Sud” dello stadio a tifosi non fidelizzati della citata società.

Il provvedimento è stato adottato sulla scorta degli elementi forniti dal Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive ed in base all’orientamento espresso dal Questore di Bergamo ed al parere favorevole reso dai rappresentanti delle Forze di Polizia nel corso della riunione tecnica di coordinamento".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da claudio

    Palafrizzoni propone ( leggere le dichiarazioni di tal Angeloni, assessors ) e la prefettura dispone. Anziche’ andare alla ricerca Dei veri colpevoli si sparsa nel mucchio.

  2. Scritto da valter agliati

    Non capisco perché non sia possibile richiedere la tessera del tifoso al fine di acquistare il biglietto. Sarebbe un modo per permettere alle persone “normali” di accedere allo stadio nonostante il blocco …..

    1. Scritto da Lucky

      Ha letto bene gli articoli? La limitazione vale anche per chi sottoscrive, oggi, la tessera. Solo chi aveva la tessera prima della partita con la Roma, può continuare ad andare allo stadio.

      1. Scritto da valter agliati

        La mia sarebbe una modesta proposta, forse non mi sono spiegato bene (o forse si legge troppo alla svelta nella speranza di trovare un qualsiasi appiglio per fare polemica).

    2. Scritto da pier

      basterebbe una fotocopia della carta d’identità per accedereallo stadio e tutto sarebbe registrato e schedato,….INVECE TROPPO DIFFICILE ah ah ah ah ah solo in Italia e solo a Bergamo ah ah ah ah

      1. Scritto da L76BG

        si vede che non conosce.. già i biglietti “comuni” sono nominali ed emessi dopo aver presentato carta d’identità.. la Tessera del tifoso già è una bufala, in quanto già si ha nome e cognome di chi accede..l’assurdità poi è che chi (come me) ha la tessera non possa andare in trasferta per casini creati a BG (cmq fuori dallo stadio) da chi la tessera non l’ha..

        1. Scritto da lucio

          ma alura..Oter cosa ulì amò, desdif fò po dopo i se lamenta che la zet a la và mia o stadio, ,,andì tocc a spass che l’è mei, e risparmi anche i solc…… per et chi quater broc, a fò bè me andà mia e sbatim i bale de tot,

          1. Scritto da L76BG

            e alura? deve decidere Lei come voglio spendere (o buttare) il mio tempo o denaro?
            il suo commento è l’esempio limpido del perché in Italia niente funziona..c’è un principio che è la libertà di scelta e la punibilità di chi compie atti vandalici e/o illegali.

  3. Scritto da Edo

    Semplicemente ridicoli: prima non impediscono la trasferta ai Romani e ora visto che non riescono a beccare i colpevoli se la prendono con chi non c’entra niente e ha pagato x andare allo stadio. Siamo proprio in Italia

  4. Scritto da V

    Ma ol Petteni erel mia ndac a Roma…?

  5. Scritto da Vito

    Non entro nel merito della decisione del Prefetto, sarebbe bello che i firmatari dell’ appello si mettessero d’ accordo per questioni più’ nobili che in questa tormentata società’ non mancano.

  6. Scritto da silvio

    Ben fatto

  7. Scritto da pavel

    “Rispetto la decisione. Non voglio fare altri commenti al riguardo”…e ci mancherebbe altro, non ha già fatto abbastanza casino?

    1. Scritto da Gianni

      Qui gli unici che hanno o fatto casino sono quelli cha hanno preso la decisione assurda di punire indiscriminatamente chi non ha la tessera del tifoso, decisione che non risolve assolutamente il problema della violenza negli stadi e invece colpisce chi non ha colpe