BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

International Jazz Day Bergamo e i suoi talenti sul sito dell’Unesco

Bergamo è sul sito web dell'Unesco per l'International Jazz Day. Dal 5 gennaio cliccando sul link dedicato a questa manifestazione dall'organizzazione mondiale per lo sviluppo della cultura, la formazione e la scienza è possibile conoscere tutte le iniziative organizzate dalla nostra città grazie al CDpM.

Bergamo, i suoi talenti musicali e il Centro Didattico produzione Musica sono sul sito web dell’Unesco, l’organizzazione mondiale per lo sviluppo della cultura, la formazione e la scienza, in occasione dell’International Jazz Day 2015.

Dal 5 gennaio cliccando sul link dedicato a questa manifestazione è possibile conoscere tutte le iniziative organizzate dalla nostra città grazie al CDpM. A partire dal 2011 la giornata mondiale del jazz celebra il 30 aprile di ogni anno questo genere musicale come patrimonio immateriale dell’umanità, avvalendosi come testimonial dell’evento del famosissimo pianista Herbie Hancock, seguito da migliaia di jazzisti da ogni parte del mondo in innumerevoli attività concertistiche, didattiche e divulgative.

Anche Bergamo ha aderito a questa importante manifestazione grazie al Centro Didattico produzione Musica, col patrocinio di importanti istituzioni cittadine, dal Comune al Consiglio Notarile di Bergamo, dalla Fondazione Istituti Educativi ai Festival Internazionale della Cultura, Notti di Luce della Camera di Commercio e Bergamo Jazz, allestendo un cartellone di iniziative che prenderà il via l’11 gennaio e si concluderà il 30 aprile, giorno dell’International Jazz Day e vigilia dell’apertura dell’EXPO.

La CDpM Europe Big Band inaugurerà l’edizione 2015 al Blue Note di Milano domenica 11 gennaio alle 21, dimostrando il livello dei corsi di perfezionamento jazz del CDpM di Bergamo a un anno dall’istituzione del progetto di interscambi europei con docenti e allievi provenienti da Leeds, Parigi, Malta, Spagna e Stati Uniti. L’orchestra è composta da studenti del CDpM di età compresa tra i 16 e i 30 anni, con la vocalist Simona Zambetti, Carlo Barcella, chitarrista, vincitore della borsa di studio della masterclass del Festival Internazionale di Malta insieme al pianista Ermanno Novali, Simone Pagani al basso e Marco Marini alla batteria. La sezione di sassofoni è composta da Nicholas Lecchi, 16 anni sax alto, Giuseppe Generoso, Matteo Mesiti mentre Cristian Bosio, Pietro Scotti e Rinaldo Ghelli costituiscono la sezione delle trombe. Per il concerto si aggiungeranno all’orchestra in qualità di solisti alcuni docenti del CDpM: Gabriele Comeglio e Giulio Visibelli ai sassofoni, Andrea Andreoli al trombone, Claudio Angeleri al pianoforte e Sergio Orlandi prima tromba e direttore da diversi anni.

A febbraio la manifestazione dell’International Jazz Day prosegue con la prima del video “Soundcheck” del regista Adriano Merigo, girato al Blue Note e al CDpM. Per marzo sono previsti i consueti incontri col jazz inseriti nel cartellone di Bergamo Jazz dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo a cui hanno già confermato la partecipazione 2400 studenti. Il noto musicologo Marcello Piras, Presidente della dell’Associazione ADAM di Puebla (Mexico) terrà una conferenza sulle “vere” origini del jazz il 30 marzo, mentre in aprile sono previsti tre incontri in tre giovedì consecutivi. Il primo, il 16 aprile, prevede il concerto al Centro Congressi Giovanni XXIII della Big Band della Conard High School di Hartford (Connecticut, USA), il secondo, una performance tra ricerca antropologica e jazz con Elena Bogleaux, Raffaella Trigona e il duo di Gabriella Mazza e Marco Gamba, per concludere il 30 aprile, sempre al Centro Congressi Giovanni XXIII, con il concerto non stop dell’International Jazz Day con decine di jazzisti bergamaschi e lombardi tra cui Trovesi, Visibelli, Manzolini, Faiella, Angeleri, Esposito, Marinoni, Milzani, D’Avino, Gentilini, Andreoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CDpM

    Forse non hai letto tutto l’articolo perché proprio Vittorio Marinoni e’ uno dei “talenti” citati insieme a decine di altri musicisti. Massimiliano Milesi, inoltre oltre a essere bravissimo, ha studiato tanti anni al Cdpm avendo l’opportunità di perfezionarsi anche con Bob Mintzer, Franco Ambrosetti, Emanuele Cisi.

  2. Scritto da Giggi

    Vorrei evidenziare che “…Bergamo e i suoi talenti…” è una definizione errata e limitativa in quanto i musicisti coinvolti sono solamente quelli legati al CDpM. Ci sono molti altri talenti, forse a livello anche più alto, quali Massimiliano Milesi, Filippo Sala, Rottoli, Marinoni, ecc…