BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disoccupazione, Fim Cisl: “Per giovani e donne servono politiche mirate”

Rimettere al centro il lavoro, rivedere i tagli agli ammortizzatori sociali e studiare specifiche politiche di inclusione per giovani e donne: sono questi, secondo il neo segretario della Fim Cisl di Bergamo Luca Nieri, i provvedimenti da adottare per contrastare gli impressionanti dati negativi sulla disoccupazione.

“Rimettere al centro il lavoro, con serie politiche industriali, dopo il vuoto creato in questo anni, anche dalla scarsa attenzione di chi dovrebbe decidere”. Così Luca Nieri, segretario generale FIM CISL di Bergamo, commenta i dati sulla disoccupazione divulgati mercoledì in mattinata dall’ISTAT.

Secondo l’Istituto di Statistica, infatti, il tasso di disoccupazione a novembre sale ancora, raggiungendo quota 13,4%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto ad ottobre. Il massimo storico, il valore più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, ovvero dal 1977 (37 anni fa).

Serve attirare nuovi investimenti per nuove opportunità – continua Nieri . Occorre sostenere le aziende in difficoltà con la copertura degli Ammortizzatori Sociali: in questa ottica è assolutamente sbagliata la scelta del governo di tagliare l’integrazione del 10% sui Contratti di Solidarietà”.

“L’aspetto più preoccupante, poi, riguarda i soggetti deboli del mercato: per giovani e donne (di loro, soprattutto si parla troppo poco) servono politiche specifiche di inclusione”.

Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, infatti, a novembre balza al 43,9%, in rialzo di 0,6 punti percentuali su ottobre.

“A Bergamo, infine, la fermata natalizia è stata accompagnata ancora dall’utilizzo della Cassa Integrazione, segnale evidente che le difficoltà nel nostro territorio non sono ancora diminuite. O si rilanciano gli investimenti per lavori stabili – conclude Nieri -, o i nostri problemi aumenteranno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giada

    basta promesse, qui siamo governati da ipocriti, che si diminuiscano i mega stipendioni, la smettano di predicare e poi sfruttare mega aerei per vacanze, la smettano d’illudere, i giovani, e la smettano d’ospitare gente da ogni parte del mondo, e diano lavoro Prima All’Italiano, poi se ve ne sarà bisogno dopo controlli seri potranno invadere il territorio, e sottostare ALLE NOSTRE LEGGI e se non và bene VIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  2. Scritto da Carlotta Dafne Giglioli

    Sono disoccupata da tempo e condivido quanto scritto da Maurizio. Se in più ci mettiamo che ci sono persone (come la sottoscritta) tecnologicamente ancora molto arretrate, temo che rimarrò senza lavoro per ancora parecchio…

    https://dirittideicittadini.wordpress.com/

  3. Scritto da bailino

    Servono nuove figure politiche servono i soldi !! basta parole parole parole parole

  4. Scritto da MAURIZIO

    Per creare lavoro : 1. la pubblica amm. italiana deve sparire e essere sostituita da un sistema sufficientemente onesto che non odi la ricchezza e chi la produce 2. le tasse non devono superare il l 30% per tutti 3. i partiti politici devono dissolversi nel nulla 4.deve comparire all’orizzonte uno stato degno di questo nome.

    1. Scritto da Patrizio

      Capisco la tua disperazione. Devono chiudere anche gli ospedali pubblici? Facciamo a meno della Polizia? Forse vuoi fare ameno del corpo di finanza? Quando colpiamo gli evasori e quelli che portano i soldi nei paradisi fiscali? bonanni da nuovo pensionato prende 10.000 euro al mese, va bene così? Aspettiamo di dimenticare?

    2. Scritto da TT

      É si dovrebbe essere così… Per questo,io restero ancora a lungo disoccupato!