BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cineteatro Gavazzeni festeggia dieci anni con una rassegna speciale

Cineteatro Gavazzeni di Seriate compie dieci anni e festeggia proponendo “2004-2014 – 10 anni di passioni”, una rassegna speciale di film da rivedere. Verranno riproposte alcune tra le pellicole che hanno riscosso maggior successo nell’ultimo decennio, con biglietti di ingresso ridotti.

A Seriate il Cineteatro Gavazzeni compie dieci anni e festeggia proponendo “2004-2014 – 10 anni di passioni”, una rassegna speciale di film da rivedere. Verranno riproposte alcune tra le pellicole che hanno riscosso maggior successo in questo decennio, con biglietti di ingresso ridotti.

Ecco tutti i titoli proposti con le relative informazioni:

Giovedì 8 gennaio il film biografico “Neverland” (102min), di Marc Forster, con Johnny Depp, Kate Winslet, Julie Christie e Nick Roud. Il protagonista del film, il noto commediografo scozzese J.M. Barrie, genio letterario annoiato dagli argomenti del suo tempo, ha bisogno di una nuova fonte di ispirazione. La trova, inaspettatamente, durante una passeggiata pomeridiana in compagnia del suo fedele San Bernardo Porthos, nei giardini londinesi di Kensington. Lì Barrie incontra la famiglia Llewelyn Davies: quattro ragazzi senza padre e la loro bellissima madre, da poco rimasta vedova. Malgrado la disapprovazione della nonna dei ragazzi, Emma du Maurier e il risentimento della moglie di Barrie, questi diventa amico di tutta la famiglia, coinvolgendo i ragazzi in una serie di giochi, scherzi, travestimenti e monellerie, creando mondi fantastici popolati da castelli e da re, da cowboy e da indiani, da pirati e da naufraghi…

Giovedì 22 gennaio il film commedia “Volver” (120min), di Pedro Almodovar, con Penélope Cruz, Lola Dueñas e Blanca Portillo. Nel film, tre generazioni di donne sopravvivono al vento "solano", al fuoco, alla pazzia, alla superstizione e perfino alla morte grazie alla bontà, alle bugie e ad una vitalità infinita. Queste donne si chiamano Raimunda (Penélope Cruz), sposata con un operaio disoccupato e con una figlia nel pieno della adolescenza; Sole (Lola Dueñas), sua sorella, che si guadagna da vivere come parrucchiera, e la madre delle due (Carmen Maura), morta in un incendio accanto a suo marito. Questa appare dapprima a sua sorella (Chus Lampreave) e successivamente a Sole, anche se le persone con cui ha lasciato in sospeso le questioni più importanti sono Raimunda e la vicina di casa, Agustina (Blanca Portillo).

Giovedì 5 febbraio il film drammatico “La ricerca della felicità” (117min), di Gabriele Muccino, con Will Smith e Jaden Smith. Il protagonista, Chris Gardner è un padre di famiglia che fatica a sbarcare il lunario. Nonostante i lodevoli e coraggiosi tentativi di tenere a galla il matrimonio e la vita famigliare, la madre del piccolo Christopher, che ha solo cinque anni non riesce più a sopportare le pressioni dovute a tante privazioni e, incapace di gestire la situazione, decide di andarsene. Chris, trasformato in un padre single, continua a cercare un impiego meglio retribuito utilizzando le sue notevoli capacità di venditore. Alla fine riesce ad ottenere un posto da praticante presso una prestigiosa società di consulenza di borsa, e sebbene si tratti di un incarico non retribuito, lo accetta con la speranza che alla fine del praticantato avrà un lavoro e un futuro promettente. Privato dello stipendio, Chris e il figlio, vengono sfrattati dall’appartamento e costretti a dormire nei ricoveri per i senza tetto, nelle stazioni degli autobus, nei bagni pubblici o ovunque trovino un rifugio per la notte…

Giovedì 19 febbraio il film drammatico “Il cacciatore di aquiloni” (131min), di Marc Forster, con Khalid Abdalla e Homayon Ershadi. Al centro delle vicende narrate è l’amicizia tra due bambini appartenenti a etnie e classi sociali differenti: Amir, figlio di uno degli uomini pashtun più influenti di Kabul, e Hassan, il suo piccolo servitore azara. Sullo sfondo le vicende storiche che, in trent’anni, hanno portato alla progressiva distruzione e devastazione della cultura e del paese afgano: la caduta della monarchia, l’invasione sovietica, l’esodo di massa verso il Pakistan, l’avvento del regime talebano e la sua eliminazione dopo la caduta delle Torri Gemelle. Amir e Hassan sono inseparabili, accomunati anche dalla passione per le gare di aquiloni. Ma un tragico evento irrompe e sconvolge le loro vite: Amir assiste di nascosto allo stupro del suo giovane compagno di giochi da parte di un gruppo di teppisti. Quando le truppe sovietiche invadono il suo Paese, il bambino è costretto a fuggire negli Stati Uniti con il padre Baba, ma il senso si colpa per non aver aiutato il suo piccolo amico non lo abbandonerà più. Negli Stati Uniti cresce, si diploma, conosce Soraya, la donna che diventerà sua moglie, e pubblica il suo primo libro, coronando il sogno di diventare uno scrittore. Quando un giorno riceve nella sua casa di San Francisco una telefonata inattesa, Amir capisce che è giunto il momento di rimediare ai propri errori. Rahim Khan, un vecchio amico di Baba, lo prega di fare rientro nel suo paese: Sohrab, il figlio di Hassan ha bisogno del suo aiuto…

Giovedì 5 marzo il film commedia “The millionaire” (120min), di Danny Boyle, con Anil Kapoor, Dev Patel, Freida Pinto e Mia Drake. Nel film, è il momento della verità negli studi dello show televisivo in India "Chi vuol esser milionario?". Davanti ad un pubblico sbalordito, e sotto le abbaglianti luci dello studio, il giovane Jamal Malik, che viene dagli slum di Mumbai (Bombay), affronta l’ultima domanda, quella che potrebbe fargli vincere la somma di 20 milioni di rupie. Il conduttore dello show, Prem Kumar, non ha molta simpatia per questo concorrente venuto dal nulla. Avendo faticosamente risalito la scala sociale, provenendo lui stesso dalla strada, Prem non ama l’idea di dover dividere la ribalta del Milionario con qualcuno come lui, e rifiuta di credere che un ragazzo dei quartieri poveri possa sapere tutte le risposte. Arrestato perché sospettato di imbrogliare, Jamal viene interrogato dalla polizia. Mentre ripassa le domande una per una, inizia ad emergere la storia straordinaria della sua vita vissuta per le strade, e della ragazza che ama e che ha perduto.

Giovedì 19 marzo il film d’azione “Gran Torino” (116min), di Clint Eastwood, con Clint Eastwood, Cory Hardrict e John Carroll Lynch. Il protagonista, Walt Kowalski (Clint Eastwood) è un reduce della guerra di Corea, di carattere burbero e spavaldo, prova una grande passione per la propria Ford Torino, modello classico del 1972, custodita in garage. Walt non mostra pudore nel manifestare il proprio sentimento anticoreano, nato durante la sua campagna in Corea, quando vide morire suoi amici per mano dei nemici. A peggiorare la situazione, il quartiere da lui abitato negli ultimi anni è diventato il principale centro suburbano della comunità coreana, e le bande giovanili danno molto fastidio a Walt. Anche se frustrati e maltrattati da Kowalski, i coreani aiuteranno l’uomo a risolvere i problemi personali che tiene con la famiglia, per diventare amici e aiutarlo a ripudiare il razzismo.

Giovedì 9 aprile il film drammatico “Il discorso del re” (11min), di Tom Hooper, con Colin Firth e Guy Pearce. Nel film, dopo la morte di suo padre Re Giorgio V (Michael Gambon) e l’abdicazione di suo fratello Edoardo VIII (Guy Pearce), Bertie (Colin Firth), che soffre da tutta la vita di una forma debilitante di balbuzie, viene incoronato Re Giorgio VI d’Inghilterra. Con il suo paese sull’orlo della II Guerra Mondiale e disperatamente bisognoso di un leader, sua moglie, Elisabetta (Helena Bonham Carter), la futura Regina Madre, organizza al marito un incontro con l’eccentrico logopedista Lionel Logue (Geoffrey Rush). Dopo un inizio burrascoso, i due si mettono alla ricerca di un tipo di trattamento non ortodosso, finendo col creare un legame indissolubile.

Giovedì 23 aprile il film commedia “The artist” (100min), di Michel Hazanavicius, con Jean Dujardin, Bérénice Bejo e John Goodman. Il film The Artist ha inizio a Hollywood nel 1927. Georges Valentin è un divo del cinema muto. La vita sembra sorridergli finché l’avvento dei film sonori lo condannerà all’oblio. Peppy Miller, giovane comparsa, sta invece per esssere lanciata nel firmamento delle star.

Giovedì 7 maggio il film commedia “Quasi amici” (112min), di Olivier Nakache, con François Cluzet, Omar Sy e Anne Le Ny. Il film, ispirato ad una storia vera, racconta l’incontro tra due mondi apparentemente lontani. Dopo un incidente di parapendio che lo ha reso paraplegico, il ricco aristocratico Philippe assume Driss, ragazzo di periferia appena uscito dalla prigione, come badante personale. Per dirla senza troppi giri di parole, la persona meno adatta per questo incarico. L’improbabile connubio genera altrettanto improbabili incontri tra Vivaldi e gli Earth, Wind and Fire, dizione perfetta e slang di strada, completi eleganti e tute da ginnastica. Due universi opposti entrano in rotta di collisione ma per quanto strano possa sembrare prima dello scontro finale troveranno un punto d’incontro che sfocerà in un’amicizia folle, comica, profonda quanto inaspettata.

Giovedì 21 maggioil film drammatico “La migliore offerta” (124min), di Giuseppe Tornatore, con Geoffrey Rush, Jim Sturgess e Donald Sutherland. Nel film, il protagonista è Virgil Oldman, un genio eccentrico, esperto d’arte, apprezzato e conosciuto in tutto il mondo. La sua vita scorre al riparo dai sentimenti, fin quando una donna misteriosa lo invita nella sua villa per effettuare una valutazione. Sarà l’inizio di un rapporto che sconvolgerà per sempre la sua vita.

Le proiezioni iniziano alle 21 con un biglietto di ingresso di 4 euro.

Il Cineteatro “Gavazzeni” è a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40. Per avere ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero 035 452 3057 oppure consultare la pagina Facebbok di Cineteatro Gavazzeni Seriate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.