BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le gesta di Salvini ispirano poesia, ecco: “Il Presepe Padano” fotogallery

Un nostro lettore osservando le gesta di Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, ha avuto un'ispirazione. Carta e penna ed ecco "Il presepe Padano", l'ironica poesia che termina con l'omaggio ai Re Magi: "Baldassarre l’era u’ niger e l’ho madat a ca”.

Salvini può ispirare poesia. La conferma arriva da un nostro lettore, Fabrizio Cabrelli, che scrive: "Sono stato all’estero e non mi sono perso l’occasione di fare considerazioni sulle uscite di Salvini a proposito del presepe (si riferisce alla polemica alla scuola della Celadina, ndr): questo il mio pensiero". Pubblichiamo la sua ironica poesia.

 

“Il Presepe Padano”

 

Me l’ha detto la Befana

e anche Babbo Natale

Sotto l’alberto quest’anno grandi novità!

 

Tra regali e dolcetti

In mezzo a splendidi pacchetti

Un presepe tutto nuovo

queste feste arriverà.

 

Con la felpa colorata

Sulla pancia un po’ tirata

Con la barba padana,

c’è Salvini in città.

 

Rit. Viva viva il presepe,

il presepe padano,

che il bambino mussulmano

lo “sciopone” gli verrà.

Ma che bello il presepe,

il suo messaggio cristiano,

“Torna a casa mussulmano

o il leghista arriverà”.

 

Con il Trota a fare l’asino

E l’Umberto il bue

Il bambino nella culla

al calduccio starà.

 

Un peccato che sia nato

In fondo a destra, il “Palestina”,

ma certamente nelle vene sangue celtico avrà.

 

Dopo arrivano i Re Magi

Gaspy e Melchy sul cammello,

Baldassarre “l’era u’ niger e l’ho madat a ca”.

 

Rit. Viva viva il presepe,

il presepe padano,

che il bambino mussulmano

lo “sciopone” gli verrà.

Ma che bello il presepe,

il suo messaggio cristiano,

“Torna a casa mussulmano

o il leghista arriverà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    uno vuole difendere le tradizioni secolari in italia,un preside vuole eliminarle perchè pensa che ad alcuni possa urtare,senza che alcuni ne abbiano fatto esplicita richiesta,e ora gente poetica parla di razzismo ma non prende posizione sulla questione…ma poi perchè deve essere razzismo tenere il presepe che piace a milioni di italiani in italia?

  2. Scritto da paolo bariani

    Certo che per pubblicare 4 rime sconnesse di un tizio qualunque dovete veramente essere a corto di notizie eh…

  3. Scritto da Rerato

    Battute alla tastiera? Tante, ma non quante ne fai tu sui …………… e sui ??????? e sulle gggggggg e sui wow, wow, wow e sui !!!!!!!!!! Occhio al callo dei polpastrelli. È invalidante.

  4. Scritto da Padania Celtica

    Aggiungo invece che l’improvviso “fiorire” di presepi, davanti a molti piccoli negozi e abitazioni private in Lombardy, fanno molto piacere: segnale che qualcuno che non ha intenzione di calare le braghe c’è ancora. Ed è anche un’ottima pubblicità per un negoziante

    1. Scritto da giggi

      certo il polemico, certo…. soprattutto pubblicità, che è l’anima del commercio

      1. Scritto da Padania Celtica

        il polemico è più area pdl! Io casomai posso essere un altro polemico.

  5. Scritto da Padania Celtica

    La metrica, questa sconosciuta..

  6. Scritto da Che ridere!

    A me fa ridere di più il ponte made in coop crollato dopo pochi giorni dall’inaugurazione. Ah ah ah ah ah ah!

  7. Scritto da Erato

    Se uno ce l’ha con Salvini, perché deve prendersela con la poesia? Che le ha fatto di male la già sfortunata Melpomene? Chi rientra dall’estero, mica appena passa la frontiera deve mettersi a far versi! Non è educazione! Un po’ di self control farebbe più british, non trova?

    1. Scritto da giggi

      erato… melpomene…. uè abbiamo uno che ha fatto il liceo classico e ci tiene a dimostralo. wow!!! ma quante ne sai???

      1. Scritto da Giorgio La Spocchia

        Immagino che ne sappia altre sette, stante che le muse erano nove. E per saperlo, caro Giggi invidiosetto, mica serve la maturita’ classica: basta la “Settimana Enigmistica”. Quanto alla poesia, mi secca dirlo ma fa veramente pena: oltre a non far ridere, non c’e’ un verso che non sia fuori metro nè una rima che trovi la propria occorrenza. Se non si è capaci, perchè esporsi al ludibrio? Ah, dimenticavo: uso il termine ‘ludibrio’ perchè ho fatto il classico e volevo lo sapeste.

        1. Scritto da giggi

          nervoso, eh? cavoli, anni di faticoso studio al classico e bastava la settimana enigmistica. scusa, tu e il polemico vi conoscete?

          1. Scritto da Zaccaria

            La Settimana Enigmistica basta per incrociare qualche orizzontale-verticale. Per incrociare invece i grandi, il faticoso e lieto studio al classico è ancora la miglior frequentazione. Non per nulla alle lezioni peripatetiche di Platone per il bosco Liceo, accorreva buona gamba per star dietro a quella splendida mente! Un po’ polemico lui, certo, ma che conoscenze in Atene!

          2. Scritto da giggi

            scusa ma mi scappa un WOW!!!

          3. Scritto da Zanzy Bar

            Appena uno? C’è progresso, dài!

          4. Scritto da giggi

            uno ma urlato, eh!

      2. Scritto da Perato

        Mica ho fatto solo il liceo! Ho fatto anche diversi garages, capannoni, loculi di cimitero e poi piazzali delle ditte. Stavo alla betoniera e quando ho letto questa poesia, mi pareva ancora accesa. Un incubo! giggi, guarda che anche i magütc hanno imparato le poesie dell’asilo all’asilo. Tu no?

        1. Scritto da giggi

          ma quante ne fai??? stra-wow!!!