BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lorenzo morto nel lago Il ricordo degli amici Il pm apre un fascicolo

Cordoglio degli amici sulla pagina Facebook di Lorenzo Canini, il sub 39enne morto sabato 3 gennaio nelle acque del lago d'Iseo: nel frattempo il pm Letizia Ruggeri ha aperto un fascicolo e disposto l'autopsia per chiarire le cause del decesso.

E’ rimasto intrappolato in una rete da pesca abusiva, a oltre 30 metri di profondità nelle acque del Sebino: Lorenzo Canini, 39enne originario di Villa d’Ogna e residente a Ponteranica, è morto così sabato 3 gennaio, lasciando la moglie Paola e il suo bimbo Carlo, di tre anni.

Lorenzo frequentava spesso le acque del lago d’Iseo, come testimonia l’ultima fotografia postata sulla propria pagina Facebook mentre nuotava in acque non troppo limpide: un ultimo ricordo della sua passione, che gli è stata fatale per colpa di una rete alta due metri che lì non doveva esserci e che è diventata la trappola per le pinne del sub.

Ora, sul profilo Facebook di Lorenzo, rimangono solamente i messaggi degli amici, tra aneddoti e semplici saluti che confermano tutti la grande passione che il 39enne di Ponteranica aveva per il mondo subacqueo: un mondo che aveva studiato, che lo aveva appassionato e ancora tutto da esplorare.

Gli occhi ti brillavano e felicità assoluta quando mi parlavi di un nuovo mondo ancora tutto da scoprire” scrive il suo amico Alessandro. “Ciao Lollo, rimarranno impressi nella mente i fotogrammi degli anni che abbiamo condiviso lavorando insieme – gli fa eco Francesca – e più di tutti le poche ore trascorse a Ventotene, tu là sotto a coltivare la tua passione, io là sopra, in barca, ad ammirare il panorama. Fai buon viaggio”.

“È stato un immenso piacere averti conosciuto ed essere stata in uno dei posti più belli al mondo nel Blu che tanto amiamo – scrive Jessica – Ci rivedremo sicuramente in uno dei canali di Suvadiva ad inseguire qualche squalo. Fa buon viaggio e proteggici dal Blu”.

Con lui nelle acque del Sebino a Tavernola c’era l’istruttore Fabio Bozzato, scampato per un pelo alla trappola della rete, che ha provato in tutti i modi ad aiutare Lorenzo: ha chiesto aiuto riemergendo dall’acqua e dirigendosi a riva, prima di tornare in profondità e lasciare le proprie bombole al compagno di immersioni.

Il corpo del sub è stato recuperato solamente alle 17.30 dai vigili del fuoco di Ravenna, giunti sul posto con un elicottero, e poi è stato trasportato al cimitero di Tavernola: il pm Letizia Ruggeri, che si occupa del caso, ha aperto un fascicolo a carico di ignoti e ha disposto l’autopsia sul cadavere per chiarire le cause che hanno portato al decesso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Franco

    L’illegalità (pescatori e cacciatori) sul lago d’Iseo è ormai fuori controllo… purtroppo gode dell’appoggio anche di certa politica! Non lasciamo ai nostri figlio un mondo basato sull’egoismo e l’illegalità! Proteggiamo la natura e l’ambiente, il nostro mondo , patrimonio di tutti….

  2. Scritto da V

    Una preghiera per Lorenzo;e un augurio per il bracconiere che ha posato la rete,ti auguro notti insonni per il resto della tua vita,spero che la tua coscienza(se ne hai una…)non ti permetta più di dormire finchè campi.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Io mi auguro che qualche suo amico o collega lo denunci ai carabinieri, perché mi sembra molto improbabile ancorare una rete a 32m di profondità senza l’aiuto di nessuno e senza che nessuno abbia visto o saputo niente. Ma già, siamo nella provincia di Ester Arzuffi: aveva avuto un figlio da una relazione con Giuseppe Guerinoni; quel figlio era ricercato per aver ucciso Yara; eppure lei, la madre, per tre anni e mezzo ha taciuto, e nega tutto persino di fronte al Dna.

  3. Scritto da Narno Pinotti

    Riposi in pace Lorenzo Canini, e possano trovare pace, se e come sarà possibile, la moglie ora vedova e il figlio ora orfano. Vedo che nel frattempo riposano e tacciono anche certi commentatori: riprenderanno vita e voce se si scoprisse che la rete abusiva era stata posata da un cittadino extracomunitario. A quanto pare, un assassino bergamasco o bresciano tiene le bocche cucite.

    1. Scritto da il polemico

      che commento idiota,almeno nella parte finale,ma non c’è da stupirsi leggendo chi l’ha scritto…….che si deve commentare se non si sa ancora nulla si chi l’ha messa?e che forse sicuramente non si saprà mai ?