BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tifosi vip al Prefetto: “Chievo sfida salvezza Riapra lo stadio a tutti”

Dodici noti sostenitori atalantini scrivono al Prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino per invitarla a prendere in considerazione l'opportunità di riaprire lo stadio a tutti i tifosi per la fondamentale sfida contro il Chievo Verona di domenica prossima.

Più informazioni su

Dodici noti sostenitori atalantini, tra cui il presidente della Provincia, il democratico Matteo Rossi, condannando gli incidenti post Atalanta-Roma, scrivono al Prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino per invitarla a prendere in considerazione l’opportunità di riaprire lo stadio a tutti i tifosi per la fondamentale sfida contro il Chievo Verona di domenica prossima:

Ill.mo Sig. Prefetto,

condanniamo gli incidenti del dopogara con la Roma e ribadiamo che i violenti vanno individuati, condannati e allontanati dallo stadio. Gli episodi di violenza, inoltre, penalizzano la società, i tifosi, la città, ma anche la squadra, perchè il clima di tensione che si viene a creare intorno all’ambiente nerazzurro si fa sentire anche sul campo oltre che sugli spalti.

Chi sbaglia è giusto che paghi, ma chi non ha responsabilità, perchè deve essere penalizzato? Tre mesi senza i nostri tifosi in trasferta, mentre in casa, con Cesena e Palermo allo stadio mancavano un sacco di nostri sostenitori che non posseggono la Dea Card.

Atalantini sugli spalti, altri nell’antistadio (con un voucher in mano), altri ancora a casa perchè non hanno potuto acquistare il biglietto. Una situazione che speriamo non si ripeta in futuro, a cominciare dalla sfida fondamentale col Chievo. Per superare questo momento difficile, infatti, c’è bisogno del sostegno di tutti i tifosi. Dentro lo stadio e non fuori.

Sig. Prefetto, nella Sua pur breve permanenza nella nostra provincia siamo certi che abbia compreso l’importanza che riveste l’Atalanta per gran parte dei bergamaschi quindi se sul campo si perde, o peggio si retrocede, non perdono solo i tifosi e la società, ma pure Bergamo.

Il Ministero dell’Interno ha emanato una disposizione in cui La invita “a valutare l’opportunità, di volta in volta, per le partite casalinghe di vietare la vendita dei biglietti per tutti i settori dello stadio ai non possessori della tessera del tifoso rilasciata dalla medesima società di calcio, nonché di disporre la sospensione, per il solo settore della Curva Nord, di carnet di biglietti e di abbonamenti precedentemente rilasciati a non possessori di tessera del tifoso”.

Preso atto che la valutazione non può che dipendere dal grado di rischio incidenti con la tifoseria avversaria e che quindi l’inesistente rivalità con il Chievo prevede la totale assenza di tale rischio, il nostro auspicio è di vedere domenica il nostro stadio pieno di nostri tifosi, perchè per raggiungere l’obiettivo salvezza è fondamentale che squadra, società, tifosi, stampa e istituzioni siamo tutti uniti.

In tal senso la presa di distanza della stessa Curva Nord dagli incidenti e l’impegno preso di far sì che episodi simili non accadano mai più rappresenta un segnale che merita di essere tenuto in considerazione.

Grati della Sua attenzione, Le porgiamo cordiali saluti. Forza Atalanta!

Amedeo Amadeo

Daniele Belotti

Umberto Bortolotti

Giuliana D’Ambrosio

Antonio Gavazzeni

Xavier Jacobelli

Marino Lazzarini

Mario Mazzoleni

Gigi Petteni

Roberto Selini

Matteo Rossi

Franco Tentorio

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pippo

    Parlare a nuora perchè suocera intenda. La “punizione” va bene così.

  2. Scritto da VIP?

    A parte il fatto che questi siano VIP, non capisco perchè in questo paese, non si riesca mai a colpire i colpevoli, un centinaio di delinquentelli da strada e si spari sempre nel mucchio, certo è molto più facile. Io non vado allo stadio, seppur tifoso dell’Atalanta, a me comunque piacerebbe un paese dove le persone per bene, in possesso di biglietto oppure lo acquistino possano entrare liberamente allo stadio e i teppisti paghino le loro colpe.

  3. Scritto da Mauro

    Da tanti messaggi capisco che tanta gente della questione non è neanche informata.Il divieto purtroppo colpisce tante persone che non appartengono al mondo ultras ma che sono guidate da una sana passione chiamata ATALANTA!! In altre città come ad esempio Roma certi provvedimenti non sono mai stati attuati nonostante la tifoseria romanista si sia macchiata addirittura di omicidio, lasciando perdere tutti gli accoltellati che hanno lasciato per strada.La giustizia non è uguale per tutti!!!

    1. Scritto da tex

      diventa romanista ………

  4. Scritto da lola

    siamo diventati schiavi di un sistema di potere gerarchico, amiamo la libertà, condanniamo la violenza ,ma non sopportiamo la dittatura, agendo così s’infiammerà sempre più odio e rabbia

  5. Scritto da tarci

    Finalmente” Qualcuno ” si muove. Speriamo che il BUON SENSO prevalga. Comunque vada Grazie nei dire che il 99%
    dei tifosi bergamaschi NORD COMPRESA non centra col teppismo.

    1. Scritto da pietro

      senti Tarci, in curva nord si conoscono esattamente i nomi dei teppisti, finchè quel 99% di tifosi onesti non li isola, sarà in qualche modo responsabile. dovete dimostrare in qualche modo di essere diversi da quel 1%, non basta scriverlo sui forum.

  6. Scritto da alex

    Ma finiamola. .io andavo allo stadio 30 anni fa e forse era pericoloso oggi vado con mio figlio da qualche anno e non dico che sia educativo ma non pericoloso!!! Basta divieti inutili i delinquenti sono fuori .

  7. Scritto da paolo

    cari frequentatori della curva, fate saltar fuori i responsabili… almeno una volta dimostrate che esistono davvero “quelli buoni”, altrimenti siete complici e la partita ve la guardate a casa. non mi pare che “andare alla partita” possa essere considerato un diritto fondamentale ed inalienabile. sveglia!

  8. Scritto da tino

    Gigi Petteni….ma e’ lo stesso che partecipo’ a giugno 2011, insieme ad altri duri e puri, alla marcia dì sostegno al truffatore Doni ?

  9. Scritto da paolot

    Adesso so chi NON votare la prossima volta.

  10. Scritto da stroke

    DELIO ROSSI S U B I T O

  11. Scritto da robynes

    Sarebbe ora, anche senza firme vip di lasciar andare allo stadio gente che a pagato soldi e non noccioline per andà a èt la dea….e chi parla tròp al se pìe la lengua…bla bla bla

  12. Scritto da claudio

    Plaudo, da abbonato da 53 anni, all’iniziativa. Non vedo cosa ci sia da vergognarsi. Dai commenti che si leggono viene evidenziato che a parecchia gente dell’Atalanta e delle ragioni dei tifoso onesti non gliene importa una beata mazza

  13. Scritto da Ric

    Condivido assolutamente la richiesta, il divieto imposto non risolve assolutamente il problema, ma punisce indiscriminatamente buoni e cattivi per l’incapacità punire i soli cattivi. Tipico esempio di incapacità italiana. Basterebbe vietare le trasferte a rischio, esiste già un Osservatorio che ha questo compito!

  14. Scritto da Gigi

    Finalmente qualcuno che prende posizione contro la decisone assurda di impedire indiscriminatamente l’accesso allo stadio a tutti quelli senza tessera del tifoso, che per il 99% non hanno commesso alcun reato e si vedono negare il diritto di entrare allo stadio (molti pur avendo già pagato il voucher)

  15. Scritto da Franco

    Ma sono l’unico a non capire perchè se esiste la regola della tessera del tifoso, e tutti se la son dovuta fare, ad alcuni tifosi era stato dato questo voucher per aggirare la norma?
    La tessera del tifoso serve ad identificare in caso di disordini, farla fare in tribuna e non in curva dove c’è il tifo più acceso è davvero demenziale.
    Un po’ come i controlli asfissianti nei settori tranquilli mentre in curva entra di tutto.

  16. Scritto da sabrina

    Io sono tifosa abbonata e mamma; per colpa di questo assurdo divieto non posso più portare mio figlio di 8 anni, che non ha la Deacard, all’Atalanta. Altro che ultras. Un altro es: cosa pensereste se tutta la classe di vs figlio/a, studente modello, fosse sospesa per colpa di un solo bullo su 25 alunni? Allo stadio i teppisti saranno 50 su 13000 spettatori. Generalizzate meno e meditate prima di commentate. Grazie di cuore ai 12 firmatari a nome di chi non può più portare i figli allo stadio

    1. Scritto da Ha sempre funzionato

      Tema in classe per tutti, compiti a casa, interrogazioni, sempre funzionato perché trattasi di questione di educazione, non voler far punire tutti per colpa di uno. Ma qui si parla di milioni di euro di danni ed indotti, asini uniti a conigli che non sapendo cosa fare devastano la città e guarda bene le altrui proprietà… Andassero questi vip a fermare i lanciatori di sanpietrini… Ma vergognatevi. Spieghi a suo figlio invece perché non può più portare suo figlio

  17. Scritto da ordine pubblico

    mettiamogli un elmetto, diamogli uno scudo e mandiamoli a fare ordine pubblico. Oppure giochiamo le partite fuori da casa loro.

  18. Scritto da matteo angeloni

    Penso che le persone cha hanno firmato la lettere dovrebbero preoccuparsi a fa in modo che gli scontri non accadano piu ….invece di pensare di riaprire lo stadio a persone che vanno allo stadio solo per far casino …e’ da piu di 20 anni che la storia si ripete

    1. Scritto da KAPPA

      Lo stadio va lasciato aperto , le partite vanno giocate a Pantelleria dove forse soli i 12 vip potranno andare, poi partite solo a subbuteo sempre a casa dei vip che essendo tali metteranno a disposizione le loro lussuose dimore….

  19. Scritto da Giovanni

    Certezza della pena! E’ quello che molti firmatari sostengono, o sbaglio? Invece no, piagnucolano clemenza accampando scuse.

  20. Scritto da Mauri

    Ok….. Ad una condizione….che alla prossima partita casalinga i 12 vip saranno impiegati nei servizi di ordine pubblico…..
    Grazie

  21. Scritto da Pacifista

    Siamo alle solite: richieste di condoni … fiscali, penali, ma tutti paranormali e poco seri!

  22. Scritto da giulio panza

    Condivido l’iniziativa.
    Giulio Panza

  23. Scritto da mario59

    Ma ci mancherebbe…si vergognino certi personaggi a firmare una simile lettera.
    Gente senza lavoro ovunque e questi si preoccupano di aprire lo stadio a tutti.. no no a la.

    1. Scritto da RR

      Se se a la

  24. Scritto da vic

    Non vedo la firma di Gori? A certo, lui è andato a Roma, con i suoi “compagni” parlamentari bergamaschi, per chiedere sanzioni pesanti e lo hanno accontentato.

    1. Scritto da Umberto

      Bravo Gori da persona seria qual ‘é non firma questa pagliacciata …….

      1. Scritto da Luca

        Condivido. Pagliacciata. Che certi presunti VIP pensino a cose serie.

    2. Scritto da Gianni

      E ti stupisci? Faceva finta di essere tifoso atalantino solo quando voleva raccattare voti allo stadio..

      1. Scritto da Irene Bruscolo

        Perché, scusa, essere contrari alla richiesta significa non essere tifosi atalantini? Strano concetto di sportività….

  25. Scritto da Giosuè

    La lettera ha perso credibilità (semmai ne avesse avuta prima…) con il secondo firmatario.

    1. Scritto da formager

      Proprio un inquisito per appoggiare i tafferugli, che firma la lettera.
      Al ga mia ergogna?
      Poera ItaGLia.