BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cavillo pro Berlusconi nella riforma del fisco? Renzi smentisce

Il premier Matteo Renzi dichiara che non gli risulta, ma sembra che nel decreto approvato alla vigilia di Natale dal Consiglio dei ministri e centrato sui rapporti tra fisco e contribuente ci sia un cavillo che consentirebbe a Silvio Berlusconi di ribaltare il suo destino giudiziario di fatto cancellando la condanna a quattro anni nel processo Mediaset.

Più informazioni su

Il premier Matteo Renzi dichiara che non gli risulta, ma sembra che nel decreto approvato alla vigilia di Natale dal Consiglio dei ministri e centrato sui rapporti tra fisco e contribuente ci sia un cavillo che consentirebbe a Silvio Berlusconi di ribaltare il suo destino giudiziario di fatto cancellando la condanna a quattro anni nel processo Mediaset.

Sarebbe una norma salva Silvio, che però Renzi, dopo il clamore della notizia, commenta così: "Non mi pare realistico che una nuova legge possa cancellare una condanna passata in giudicato. Ma se davvero dovesse essere possibile sono pronto a bloccare la legge e a cambiarla".

E’ polemica tra ministero dell’Economia e palazzo Chigi, ma anche tra gli avvocati dell’ex premier. A parere di Franco Coppi "la legge si può ben applicare a Berlusconi", di diverso parere Nicolò Ghedini.

Così come è pubblicata sul sito del governo la legge dà uan gramde mano a Berlusconi: se si facesse il processo adesso il reato del cavaliere non esisterebbe più. Quindi è possibile un "incidente di esecuzione". A quel punto può cadere la sentenza e con lei anche l’interdizione dai pubblici uffici. Se cade la sentenza, cade anche l’esclusione dalle candidature della legge Severino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianluigi

    Patrizio cosa ci vuoi fare….. gli Italiani non vogliono aprire gli occhi…..è rimaniamo sempre nella ………..

  2. Scritto da mario59

    Tutto sto marciume serve a far allontanare ulteriormente i cittadini dalla politica, cosicché loro possano fare ancora di più i loro porci comodi.
    In democrazia è previsto anche l’astensionismo, ma quando lo stesso assume proporzioni esagerate, la stessa democrazia è a rischio..loro lo sanno molto bene, pertanto continuano sulla stessa strada…del resto sono tre anni che non abbiamo più un governo eletto dai cittadini…e i tempi duri, non sono ancora iniziati..purtroppo!

  3. Scritto da La verità fa male

    Invece di cercare teorici cavilli fiscali, sarebbe meglio licenziare all’istante tutti i “malati immaginari” del 31 dicembre e del 1° gennaio a Roma, Palermo e a Napoli, e insieme a loro i sindacalisti che li giustificano e li coprono

    1. Scritto da kurt Erdam

      Quando si vuole essere rigoristi bisogna esserlo per tutto quanto non solo per qualcuno.Il malcostume dell’assenteismo indebito(e quasi sempre retribuito)è antico e dipende soprattutto dal comportamento disinvolto dei vertici e dei superiori che hanno dato da sempre un pessimo esempio ai loro subalterni(e da sempre si trovano in difficoltà a punire qualcuno che commette le stesse mancanze che commettono loro).Trattiamo tutti come meritano e cominciamo da chi evade le tasse e fa”il nero”

      1. Scritto da La verità fa male

        Gli uffici pubblici devono essere trattati come quelli privati: obbligo di ottenere risultati (standard di qualità del servizio misurabili) e di contenere l’assenteismo entro limiti ragionevoli salvo casi di conclamata eccezionalità, altrimenti “tutti a casa” a partire dagli alti dirigenti dell’ufficio. Non si farà mai: troppi sindacalisti fanno carriera e tessere difendendo gli assenteisti e i dirigenti pubblici incapaci, troppi politici pensano solo ai voti degli assenteisti

        1. Scritto da kurt Erdam

          Giù dalla pianta ragazzo lei di lavoro non ne conosce e nel privato a livello di fabbrica non ne sa assolutamente NULLA.Se avesse provato a lavorare in fabbrica saprebbe che col taglio del fieno l’assenteismo nelle zone agricole si impenna come quando passa il giro d’Italia a 10 km.A gente come lei si raccontano tutte le palle che si vuole e voi ci credete,come che con l’articolo 18 non si licenzia,infatti tutti i disoccupati che hanno perso il lavoro vengono da Marte.Si istruisca un pochino

          1. Scritto da La verità fa male

            Io di fabbrica ne so quanto lei. Di assenteismi e giochini con le malattie ne ho visti una marea. I lazzaroni tutelati dai sindacati non sono licenziabili: l’unico modo per cacciarli è quello di “indurli alle dimissioni” con metodi a volte assai feroci (cambi improvvisi di mansione, trasferimenti punitivi in sedi scomode). Quelli che hanno perso il lavoro lo hanno perso quasi sempre perchè l’impresa ha chiuso attività oppure è fallita

          2. Scritto da kurt Erdam

            Lei le fabbriche le ha viste al cinema altrimenti non direbbe le fesserie che dice;Non me ne compiaccio ma io stesso,da direttore,ho licenziato gente che si era messa in condizione di farsi licenziare ed i sindacati,pur facendo la loro difesa d’ufficio,negli incontri all’unione industriali hanno onestamente dovuto accettare i fatti in base alle normative vigenti.Chiacchieri fin che vuole ma io credo a ciò che ho vissuto personalmente e non alle storielline volte a convincere qualche massaia.

    2. Scritto da mario59

      Come no…a casa tutti i disonesti che usano la malattia come pretesto per non lavorare.. e si mandino immediatamente in prigione tutti gli evasori fiscali, che da decenni stanno rubando al fisco, in pratica, a tutti gli Italiani.

    3. Scritto da Vito

      Tra lei e il polemico (stesso soggetto ?) mai un dubbio, solo certezze.

  4. Scritto da Patrizio

    Sono più di 20 i partiti Italiani. Solo il M5S è contro i mafiosi, contro la mafia lombarda che fa e ha fatto affari con Brebeni expo ecc. la mafia veneta con affari del mose a Venezia ecc. con la mafia Romana. Vi siete chiesti perchè solo il M5S è contro chi fa affari personali affondando l’Italia? Perchè in tutti gli altri partiti la mafia è all’interno o comanda. E’ questo il motivo che tutti i partiti vogliono fermare il M5S! L’avevate capito? Verificherò al prossimo voto.

    1. Scritto da kurt Erdam

      Il “partito” dei 5 stelle non è una cosa seria,si raccoglie attorno ad un panzuto miliardario che ha fatto i soldi(pubblici)sparlando di alcuni politici delle sua epoca fin quando ha fatto comodo a chi comandava il vapore.E chiamando a raccolta tutti i fancazzisti possibili li invita a prendersela coi pensionati.Io sono pensionato,ho cominciato durante le vacanze estive a fare pratica(gratis)in fabbrica,ho fatto caterve di ore,sabati,domeniche sempre gratis.

    2. Scritto da kurt Erdam

      In tutta la mia vita di lavoro ho fatto 7 giorni di malattia divisi in 4 volte;all’estero(lavorando per una ditta italiana)mi sono preso pidocchi e dissenterie,ho SEMPRE pagato tutte le tasse ed i contributi dovuti,eppure dai ragazzini del movimento 5 stelle che vogliono il “salario di cittadinanza”per stare a casa a giochicchiare con l’Ipad nUovo(tipo crimi durante incontri ad alto livello)mi sento dare del bugiardo,del privilegiato, del ladro di futuro dei giovani.NON SIETE UNA COSA SERIA

    3. Scritto da roberta

      Il partito di Grillo è, dopo la Lega, il più vecchio partito d’Italia. Si è presentato alle elezioni infatti già nel 2007. Non mi pare che abbia fatto granchè, pur avendo preso milionate di voti. Hanno fatto (nel bene o nel male) molto di più SEL e NCD con una frazione di quei voti

      1. Scritto da giovanna

        ..continua a vedere il tg1 e il tg5. ..intanto ci tolgono il terreno da sotto i piedi!

      2. Scritto da La verità fa male

        Cosa mi dice del PD ex PDS ex “Ulivo” ex Democratici di Sinistra ex Margherita ex PCI? Cambiano il nome ogni quattro o cinque anni ma i personaggi che menano il torrone (in politica seduti su poltrone pubbliche e con stipendi pubblici da oltre 20-30 anni) sono sempre gli stessi. I risultati da loro ottenuti sono stati disastrosi altrimenti l’Italia non sarebbe in queste condizioni. Che c’entra Grillo con i disastri della trojka, della U.E. o dei governi Monti, Letta e Renzi?

        1. Scritto da kurt Erdam

          Vedo che non è ancora maturato e non ha ancora la capacità di capire che i maggiori danni all’Italia li ha fatti berluska con le corna,il cucù,il bunga bunga,gli aerei pieni ed i ristoranti esauriti,grazie alla gente come lei ci vorranno generazioni per risollevarci,pensi a far pagare le giuste tasse ai ladri compresi quelli che condannati “menano il torrone” per tornare a candidarsi e completare l’opera.Prima di voi crescevamo poi,nonostante ci siamo “fatti il mazzo”ci avete rovinato

      3. Scritto da Piero

        Gli altri sono partiti nuovi nel nome, ma collaudatissimi nei loro personaggi e sistemi di devastatori dell’Italia. Non sono certo i grillini ad aver affossato il paese, è palese anche ad un bimbo!

  5. Scritto da Patrizio

    Siamo in un tunnel che non si vede uno spiraglio di luce!
    Nazzareno-renzi-berluska sono una persona sola. Eppure ci sono ancora Italiani che dormono. Lo rivoterebbero il nano. Per loro non ha fatto alcun reato. per loro primeggia che da lavoro. Non gli passa per la mente che anche la mafia da lavoro. Che tipo di lavoro? Per fare cosa? Troppi Italiani sono abituati a non farsi domande. Seguono ciecamente il proprio lider o lader. Poverini sono vuoti.

    1. Scritto da Rino

      E lo spiraglio di luce sarebbe grillo ? Ma lassa pert ! Il cumulo di sciocchezze messe insieme da m5s in questi anni è da far accapponare la pelle. A partire dal programma elettorale fino al no a Bersani. M5s : voto che non serve a nulla .

      1. Scritto da TT

        Roberta laga pèrt:il M5S prima o poi malgrato te trionferà!

      2. Scritto da La verità fa male

        Mamma mia, ma in che mondo vivete voi piddini? credete per caso all’asino che vola? l’elenco delle ladronerie e delle leggi sciagurate votate da TUTTI i partiti romani di destra e di sinistra è interminabile, gli episodi di “Roma capitale” e della Napoli eternamente sommersa dalla munnezza dovrebbero avervi insegnato qualcosa. Invece nulla: fette di salame sugli occhi e giù a credere senza fiatare al Verbo della sede centrale del partito!

      3. Scritto da Piero

        Disinformatore: i 5 stelle continuano a proporre leggi contro la casta (oltre a dimezzarsi la diaria) che la maggioranza collusa e corrotta pro-casta regolarmente boccia. Ma l’onestà verrà di moda, anche nel paese più corrotto d’Europa. Stai sereno……

  6. Scritto da il polemico

    se si facesse il processo adesso,il reato non esisterebbe più…..ma se il processo è stato fatto prima ed essendo il berlusca stato gia condannato per un reato fatto da un suo dipendente,come lo stesso giudice affermò nella condanna,cosa significa questo articolo?se si cambia una legge,chi è stato condannato prima della legge gli viene condonato tutto?d’accordo che quando si parla di tasse,ogni legge è retroattiva,ma pure in questo caso lo sarebbe?bohhh

  7. Scritto da TT

    Ma va la… Io non ci ero ancora arrivato… Pensavo che il”patto del nazzareno”non servisse per queste bazzecole.

  8. Scritto da Luigi

    Strano……. Sarà sicuramente una cosa casuale e involontaria….

  9. Scritto da normale

    pappa e ciccia .. poi fanno finta di litigare.. questa è la politica italiana una mano lava l altra MAFIA!

  10. Scritto da coniatore

    Finalmente si capisce perchè regge il patto del Nazareno.