BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Provincia, liberi tutti Un super ponte “per risparmiare”

“Pronto, qui è la vigilanza”. “Come? Non è la Provincia di Bergamo?”. “No, non c'è nessuno. Le chiamate vengono dirottate qui, riprovi il 7”. Venerdì 2 gennaio. I cancelli di via Tasso sono chiusi, al citofono non risponde nessuno, il centralino è disattivato. Che il governo abbia già abolito le Province smaterializzando i lavoratori? No, è stato solo varato un super ponte delle feste. Il presidente Matteo Rossi, con un decreto ad hoc, ha ordinato il “liberi tutti” almeno fino a lunedì 5 gennaio.

Più informazioni su

“Pronto, qui è la vigilanza”. “Come? Non è la Provincia di Bergamo?”. “No, non c’è nessuno. Le chiamate vengono dirottate qui, riprovi il 7”. Venerdì 2 gennaio. I cancelli di via Tasso sono chiusi, al citofono non risponde nessuno, il centralino è disattivato. Che il governo abbia già abolito le Province smaterializzando i lavoratori? No, è stato solo varato un super ponte delle feste. Il presidente Matteo Rossi, con un decreto ad hoc, ha ordinato il “liberi tutti” almeno fino a lunedì 5 gennaio. "In alcune giornate dell’anno, in particolare nelle giornate feriali di ponte fra due festività, si riduce notevolmente l’afflusso di pubblico e la richiesta di servizi agli Uffici".

La chiusura delle sedi, si legge nel testo, comporterà "un risparmio sui costi di gestione, tenuto conto che in tale giorno feriale risulterebbe in servizio un esiguo numero di unità di personale". Vista la carenza di risorse economiche, meglio tenere tutto chiuso per evitare sprechi.

IL FUTURO DEI DIPENDENTI – Alla ripresa del lavoro, settimana prossima, i dipendenti torneranno ancor più agguerriti. Obiettivo: avere qualche certezza sul loro futuro. Dal 1 gennaio 2015 infatti la legge di Stabilità impone agli enti un taglio del 50% delle dotazioni organiche. Nelle prossime settimane inizierà il dibattito, anche con i sindacati, per verificare quali lavoratori saranno in sovrannumero, cioè operativi ma non più rientranti nei parametri fissati dalla legge. Saranno i primi ad essere trasferiti a Regione Lombardia e Comuni a seconda delle funzioni e delle disponibilità di spesa.

Un risparmio per le casse dello Stato e quindi per le tasche dei cittadini? Qui viene il bello, anzi il brutto della faccenda. I tre miliardi tagliati a Province e città metropolitane infatti non si traducono in minore pressione fiscale. Finiranno in altri capitoli di spesa dello Stato. Difficilmente verranno garantiti tutti gli attuali servizi e in più i cittadini dovranno pagare le stesse tasse.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Tagliare subito dalle provincie chi ha già un incarico.
    Tagliare subito i politici di tutti gli uffici inutili: media pianura, bassa pianura, valli, montagna ecc.
    Portare gli stipendi dei parlamentari a 5000 euro lordi, sono già troppi per un mucchio di incompetenti che non sanno risolvere i problemi più facili. Cosa faranno? Niente! Cosa rimane agli Italiani? Alle prossime votare M5S. Tutti i politici ne parlano male. Preferiscono parlare degli espulsi del M5S cosi non parlano dei mafiosi!

    1. Scritto da Come No

      Già, m5s è pieno di competenti a 5000 euro al mese. Buonanotte

  2. Scritto da il polemico

    il governo risparmia sulle provincie,ma nessun risparmio è stato fatto nei confronti del governo e dei politici….e poi se ne vanta e lo sbandiera come nuovo corso

  3. Scritto da Luca

    Ma no….ma non le avevano cancellate?

  4. Scritto da giuseppe

    non se ne accorgerà nessuno che sono chiusi…

  5. Scritto da Racomandat

    Questo e`il classico segnale che le province non servono a nulla, se non a mantenere i soliti amici degli amici……….

  6. Scritto da c

    Ma vogliamo parlare del CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA.
    Io pago la tassa tutti gli anni e abito a Ponteranica dove la pianura non esiste nemmeno nei sogni, in tutto il paese ci saranno si e non 2 o 3 strade pianeggianti.
    VIVA L’ITALIA!!!!!!!

  7. Scritto da gio

    un palazzo piu lussuoso di un hilton la regina victorin in gran bretagna non ha mai permesso la creazione di enti inutili e lussuosi quale provincia di bergamo per sistemare parenti e amici ei politici , ma ha sempre sfamato il suo popolo e 200 mila italiani in mezzo a una strada insomma insomma victoria ha fatto quello che non hanno mai fatto i politici italiani

    1. Scritto da il polemico

      però dimentichi che i discendenti di victoria godono tutti di un supervitalizio da sempre.gli amici non saranno sistemati,ma tutta la famiglia si…quindi dove è tutta sta differenza con i politici italiani??sono simili

  8. Scritto da TT

    E poi ci sono enti come il Parco delle Orobie che fanno i calendari personalizzati. Ansa capes piö!

  9. Scritto da Aldo

    Vediamo in questo super ponte senza sposta-carte della provincia quali disastri immani ci potranno capitare: altrimenti sarà la conferma che possiamo farne tranquillamente a meno. Pensate quanti anni a pagare ‘sti burocrati inutili che ci complicano la vita con le loro cervellotiche invenzioni.

  10. Scritto da calore

    bhe, chiudiamole definitivamente allora