BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vigili di Roma “malati” di diritti acquisiti I silenzi dei sindacati

Di fronte alle assenze del Capodanno a Roma e Pompei c'è da chiedersi dove sia finito l'urlo del sindacalista Maurizio Landini, sempre così vigoroso in televisione nel gridare ed invocare la parola "diritto del lavoratore", senza specificare che a questo ci sia anche un dovere. L'altra pesante assenza, in termini di silenzio, è quella di Susanna Camusso, segretario generale della Cgil e con lei di tutti i sindacati, nessuno escluso.

A Natale e Capodanno gli scavi di Pompei sono rimasti chiusi. Nella notte del 31 dicembre a Roma su mille agenti previsti in servizio si sono dati per malati in 835 (l’83,5%). Numeri che gridano da soli l’indignazione di un’Italia dove oltre il 30% dei giovani non ha un’occupazione e migliaia persone hanno perso il lavoro.

Nell’anno 2014 l’Italia che viene celebrata dal film “La Grande Bellezza” – un Oscar che è un biglietto da visita che vale oro per il turismo italiano – e alla vigilia dell’Expo di Milano questi dati di assenze dal lavoro sono il vero scandalo. Il nostro Bel Paese non ha risorse naturali come petrolio o gas naturale, oro e diamanti, ma vanta un patrimonio artistico che permetterebbe di vivere di turismo a migliaia di persone.

Eppure qui si è persa e si perde un’occasione, un’opportunità per ripartire.

Perché?

È amaro constatarlo nelle pieghe di diritti acquisiti e tutele. I tour operator campani davanti ai cancelli chiusi di Pompei hanno tuonato: “Un’altra figuraccia internazionale”.

Eppure proprio il ministro della Cultura, Dario Franceschini ha risposto loro: “Sono polemiche estemporanee. La chiusura è stata decisa con i sindacati e dettata dalla bassa affluenza di turisti durante le festività”. Insomma l’ordine di chiudere gli scavi di Pompei nei giorni di Natale e Capodanno è venuto dalla Soprintendenza perché mancano i soldi per pagare lo straordinario festivo. Un argomento che fa infuriare i sindacati.

Il 31 dicembre a Roma a fronte della iniziale disponibilità di 1000 agenti della polizia locale che avrebbero dovuto entrare in servizio, hanno mandato il certificato di malattia o prelievo del sangue 835 vigili. In servizio sarebbero rimasti 165 agenti in una capitale con il concerto in piazza e affollata di turisti. Sempre nella capitale su una delle linee metropolitane aperte anche dalle 23.30 alle 2.30, si sono registrate attese anche di mezz’ora perché l’azienda dei trasporti, l’Atac, a fronte di una necessità di 24 macchinisti per coprire lo straordinario, ha avuto la disponibilità solo di sette persone. Gli altri 17 macchinisti erano in malattia.

Ora, di fronte a questi numeri che sono scandalosi, alla vigilia dell’Expo e al suo afflusso di turisti c’è da chiedersi dove sia finito l’urlo del sindacalista Maurizio Landini, sempre così vigoroso in televisione nel gridare ed invocare la parola "diritto del lavoratore", senza specificare che a questo ci sia anche un dovere. L’altra pesante assenza, in termini di silenzio, è quella di Susanna Camusso, segretario generale della Cgil e con lei di tutti i sindacati, nessuno escluso.

Forse si è perso per strada il concetto che accanto ad un diritto c’è anche un dovere, che va rispettato.

Dopo sette anni di crisi economica, a fronte di migliaia di posti di lavoro persi, attaccarsi alle tutele e ai diritti acquisiti sarebbe davvero fuori luogo. Questo Paese ha bisogno di tornare a crescere, ma forse prima di tutto ha la necessità che si rimetta ordine nel campo dei diritti e dei doveri. Non vogliamo fare un parallelo tra un’azienda pubblica e una privata, ma tra un Paese civile ed uno no.

A Parigi, Londra, Berlino, Madrid questi episodi di malattie collettive dei dipendenti pubblici nei momenti di massima allerta o di grande afflusso non ci sono. Perché? Non è possibile che una nazione intera paghi caro le tutele delle caste. Anche quelle minori. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Non mi stupisco che il sindacalista di turno dichiari che i pubblici dipendenti possano avvalersi del (giusto) diritto di rifiutare lo straordinario anche quando tale rifiuto possa provocare la cancellazione un servizio essenziale per la salute e per la sicurezza delle persone. Alla burocrazia criminale basta rispettare la correttezza formale della norma indipendentemente delle sue conseguenze. L’amministrazione è nelle mani di logici malati di mente.

  2. Scritto da kurt Erdam

    Se tutti quelli che cadono dal fico scandalizzandosi per un caso pilotato avessero lavorato in fabbrica saprebbero che l’assenteismo c’è sempre stato e si concentra in certi periodi od in occasione di certe situazioni.Quando la fabbrica che dirigevo era in una zona agricola l’assenteismo aumentava nei periodi di taglio del fieno,se invece c’erano tanti campi di asparagi aumentava nei periodi della raccolta,o quando passava il giro d’Italia vicino,per la festa di carnevale ecc..ecc…ecc..

  3. Scritto da cristiano

    la solita spazzatura nel soito mondezzaio che è l’italietta di oggi.DIRITTI-DIRITTI-DIRITTI!!!al di làdel contesto romano è ora di mettere mano nella P.A. e fare piazza pulita di gentaglia che vive di assistenzialismo e costa milioni di euro in un periodo di totale sfinimento del mondo del lavoro.

  4. Scritto da cocchi

    A pensarci bene se mettiamo le ferie vuol dire che le assenze a vario titolo sono del 97%.

  5. Scritto da cocchi

    non so come matematicamente e abitualmente si faccia però per me se ci sono 6000 vigili in servizio e ne sono assenti 850 la percentuale è del 15% circa.

    1. Scritto da Ringo

      La % è sui vigili che avrebbero dovuto fare il servizio , abitualmente e matematicamente si fa così. O no ?

  6. Scritto da cocchi

    cominciamo a dire che su quasi 6000 vigili erano in servizio solo 1000. Di solito la forza lavoro è almeno del 50% specialmente con 600000 persone che festeggiano

  7. Scritto da nino cortesi

    Mi risulta che quelli che stanno a casa a Capodanno siano quelli giusti tutto l’anno e sia un giusto, meritato, intelligente riposo.
    Strano che se la prendano con gli ultimi giapponesi rimasti e neanche un virgolettato per i politici marci sino al midollo che stanno facendo fallire l’Italia in tutto.

  8. Scritto da oscar

    Il certificato medico fa fede fino a prova di falso, se sono sicuri del fatto loro procedano con le denunce all’ a.g. se no mutismo e rassegnazione. Proceda quindi l’autorità comunale preposta ai controlli, se non era anche quella in malattia e vediamo come finisce.

  9. Scritto da Luigi

    Ahahah, e pensare che i vigili sono tutori della legge e dei cittadini. Nulla di strano, siamo in Italia…. Sappiamo che i ladri vengono premiati e gli onesti mazziati!

  10. Scritto da grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Trovo la parte dell’articolo che chiama in causa landini estremamente faziosa, primo perchè landini è segretario dei metalmeccanici quindi non c’entra niente col pubblico impiego, secondo se ci sono dei lavoratori che si comportano male non è certo colpa del sindacato, è come dire che se un datore di lavoro si comporta male la colpa è di confindustria.
    Tanto in questo periodo qualsiasi cosa accade è colpa del sindacato, invece i padroni sono tutti dei santi vero?

    1. Scritto da A.Z. Bg

      come avevo detto giorni fa in un altro commento sui sindacati(ridicoli)italiani,oggi queste associazioni private non difendono affatto i lavoratori.Difendono solo i diritti acquisiti,il posto fisso degli statali,le super pensioni e le pensioni baby.Infatti come non ha detto nulla su questa vicenda il sig.Landini,lo stesso hanno fatto Camusso e gli altri tizi di cisl e uil.zitti anche sulla truffa di bonanni per la pensione.Se Landini avesse difeso gli operai dai privilegi dei dipend.pubblici…

    2. Scritto da Redazione Bergamonews

      Landini, segretario della Fiom Cgil, commenta anche contro la Tav: può farlo anche in un campo non suo. Oggi la notizia è che l’83,5% dei vigili di Roma era malato per la notte di Capodanno. Per uno che mastica di lavoro e di diritti, forse era il caso di dire qualcosa. Non crede? Come ha fatto Luigi Bresciani della Cgil Bergamo e Dettori della Cgil.

  11. Scritto da tex

    beh i vigili di bergamo non sono da meno, sono 150, constano una cifra ai cittadini e scioperano nei giorni di Natale, …….. non che la loro presenza cambi la situazione ma almeno fargli prendere un pò di freddo e inquinamento rende meno pesante sfamarli !

  12. Scritto da Daniele

    Guardate che questa notizia sta venendo rilanciata nella veste sbagliata. Non si tratta di assenteismo per fannulloneria, ma molto probabilmente di una protesta che i vigili hanno messo in atto per una vertenza in corso da mesi riguardante l’assunzione di altro personale. Si può discutere sulla richiesta, si può discutere sulla forma di protesta adottata (a mio avviso sbagliata) ma liquidare la questione con una falsità dando dei fannulloni a queste persone è… idiota?

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Caro Daniele, la notizia sta in questo assenteismo per protesta o per una vertenza. Non le sembrerà logico che su mille agenti della polizia municipale che dovrebbero essere in servizio, 835 si diano per malate nello stesso giorno che a Roma sono attesi 600mila spettatori per il concerto. Provi a riflettere: se ci fosse stato un attacco terroristico o un incidente, trarrebbe le stesse conclusioni a difesa di questi vigili? Non crede che ci siano modi e tempi adeguati per le proteste?

  13. Scritto da tex

    roma è il tumore dell’italia

  14. Scritto da Bertoldo

    Ma un medico che rilascia una falsa certificazione? La polemica sull’articolo 18 non andava neanche sollevata se si fosse cominciato a guardare chi rilascia CERTIFICAZIONI false. Le possibilità sono solo 2: palese incapacità o corruzione. In entrambi i casi il medico indegno andrebbe radiato. Oppure prevedere una alternativa al certificato medico: “il lavoratore si dichiara malato, ma io medico non certifico”.

    1. Scritto da Piero

      Sacrosanto. Troppi i medici complici di questa prassi indegna che nemmeno ti guardano e chiedono solo: “quanti giorni vuoi?” sputtanando così anche i colleghi onesti.

  15. Scritto da LUCIANO

    troppi lazzaroni in circolazione!!!!!

  16. Scritto da Patrizio

    Non ha citato Bonanni o il suo successore come mai? le sono più simpatici? Bonanni ha fatto una truffa legalizzata, ora si prende 10.000 euro al mese di pensione. Nessuno ha mosso un dito e i poveri operai della cisl continuano a pagare la tessera.
    Condivido che siano problemi da risolvere con richiami, multe e se recidivi licenziamenti, denunciati i medici se hanno fatto giustifiche di malattia false. L’articolo non mi piace nemmeno un poco.

  17. Scritto da Patrizio

    E’ un articolo che vuole dare colpe a persone non simpatiche a lui. Cosa centra Landini o Camusso con l’assenza dei vigili di Roma? Sono loro che hanno fatto il certificato medico? Sono loro che devono controllare se sono veramente malati? Sono loro che li hanno fatti assumere? Quanti raccomandati ci sono? Per fare la donazione Avis serve il permesso del responsabile dei vigili, non possono assentarsi troppi insieme!
    Parlate di questo per far dimenticare la mafia che c’è in tutta Italia?

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Ma Lei ha letto l’articolo? Landini e Camusso, come tutti i sindacalisti che parlano di lavoro e di diritti oggi che si discute su 835 agenti dati per malati su mille in servizio, non hanno detto nulla. Strano per persone abituate a commentare persino la Tav. E non si permetta di scrivere che non denunciamo il malaffare della mafia, perché questo significa non conoscere Bergamonews.

  18. Scritto da mario rossi

    Ci sono gli strumenti per lasciarli a casa:
    Vedi in internet cassazione malattia tattica.

  19. Scritto da M.M.

    Sbagliano i vigili, fanno i furbi i tramvieri…, se ne lavano le mani i dottori…. signori questa è l’Italia che ci meritiamo…
    Si cominciasse a dare adeguata pena a quelli di “Mafia Capitale” (tanto per restare sull’attualità), mentre visto che poi si finirà in un (quasi) nulla di fatto…secondo me anche il semplice lavoratore/stipendiato si sente autorizzato a prendersi qualche licenza (assenza)…tanto e comunque… come sempre…ANNO NUOVO MAGAGNE VECCHIE, auguri a tutti!

  20. Scritto da mario rossi

    Da ricordare alle aziende che una sentenza della cassazione ha respinto il ricorso di licenziamento di un dipendente che era stato licenziato per malattia tattica, ovvero stava a casa a cavallo delle ferie oppure dei giorni di riposo o nei giorni con turno notturno,quindi muovetevi a fare qualcosa e assumere gente che merita, visto che avete i mezzi per farlo!!

  21. Scritto da mario rossi

    Lavoro in una nota e giovane azienda di trasporto pubblico bergamasca come autista e, immancabilmente, come quasi tutti gli anni, natale, capodanno, epifania, pasqua, pasquetta, ogni santi, primo maggio e ferragosto il mio responsabile non riesce a darmi le ferie perché immancabilmente i soliti approfittatori stanno in malattia e guardacaso a lavorare in questi periodi sono sempre i soliti! ! Sempre! Da vergognarsi!

  22. Scritto da Sère

    Da ormai 29 anni (come passa il tempo), lavoro in una società privata e lì pure arrivano i certificati di malattia. Ebbene, in tutti questi anni ho visto due soli certificati finire di giovedì, con ripresa del servizio al giorno successivo: venerdì. DUE SOLI in ventinove anni, VENTINOVE. Ditemi voi se gli altri son tutti certificati veritieri, con virus e batteri sindacalizzati, che smettono di lavorare anche loro di venerdì! Nessuno con guarigione infrasettimanale?

  23. Scritto da Gigi

    Sono d’accordo che i vigili abbiano fatto i furbi è come tali da perseguire, non mi dimenticherei i medici che hanno rilasciato i relativi certificati. Dov’è l’etica di costoro?

  24. Scritto da BATTISTA

    il discorso dei doveri i sindacati con gli operai non lo hanno mai fatto perché troppo impopolare!!!!!!!!
    Quindi non aspettiamo che lo facciano ora.
    Quando il valore del nostro stipendio era diventato la metà, i sindacati silenti. Ora che dovrebbero stare zitti fanno rumore per prendere ancora per il c….o gli operai. OPERAI Svegliatevi!!!!!

  25. Scritto da GIANNI

    Sono d’accordo con i commenti del Giornalista, sul silenzio di tutti i sindatati, ma credo che una piccola cosa sia sfuggita: se un lavoratore presenta un certificato di malattia significa che un medico ha CERTIFICATO che il lavoratore sia malato; se questo è vero il lavorsatore è giusto che stia a casa……ma se non è vero il medico è come minimo complice del falso e nessuno “moralizza” i medici!! …e non dimentichiamo che il costo della malattia è a carico INPS.

  26. Scritto da Carlos

    quando il malato è grave neanche il miglior professore riesce a guarirlo, e questo è per il sindacato il posto fisso tanto agonato boh

  27. Scritto da ex elettore

    Non trovo differenza fra vigili di Roma netturbini di Napoli e Parlamentari….quindi stupirsi di che cosa?

  28. Scritto da Carlo Pezzotta

    I politici, la politica, il sindacato, Landini che si accorge solo ora che la riforma delle pensioni ha prodotto disoccupazione giovanile, ecc. ecc. Ma fatemi il piacere, come diceva Totò: aldilà delle colpe di quelli che ho citato, la colpa è dell’italiota che rimane un popolino e che non vuole diventare un popolo adulto. Siamo un popolo che contimua a fare l’accattone, a farla franca e che da sempre la colpa agli altri. Un popolo che non vuole diventare adulto. Certo, il sud…….

  29. Scritto da paolo

    vigili indifendibili, ok. ma vorrei far notare al sig. Davide Agazzi che Landini è segretario nazionale della Fiom (metalmeccanici) e quindi non si capisce cosa avrebbe a che fare con questa vicenda. va bene la polemica sul sindacato (ci sta sempre bene), ma se vuole tirare in ballo nomi e cognomi, almeno scelga quelli giusti. Attaccare Landini, in questo caso, è pretestuoso.

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Eppure Landini dichiara su tutto lo scibile dei lavoratori, da anni ormai, in tutti i talk show, caro Paolo. Non si limita a parlare di metalmeccanici. Una battuta su questo argomento sarebbe stata ben accetta, non trova?

      1. Scritto da TT

        Meglio era citare solo la Camusso…

      2. Scritto da Maurizio

        ha ragione Bgnews, bisogna abolire le malattie, i permessi, le ferie. Meglio ancora reintroduciamo la schiavitu’! Ovviamente tranne che per chi scrive su Bergamonews.

        1. Scritto da Redazione Bergamonews

          Bravo Maurizio, il tuo commento lo pubblichiamo giusto perché si sappia a che livello porti la discussione. Non si tratta di abolire nulla, ma nemmeno di approfittarsi di certe tutele. Forse se tu non avessi un lavoro come il 30% dei giovani italiani la penseresti diversamente.

  30. Scritto da Narno Pinotti

    Redazione, il sindacato di polizia locale dichiara che la maggioranza degli assenti aveva preso ferie (un’assenza quindi autorizzata e prevedibile) e che c’è da tempo uno sciopero degli straordinari. Si può verificare?

  31. Scritto da roberta

    Migliaia di giovani laureati senza lavoro.
    Migliaia di dipendenti pubblici fannulloni, che godono di un diritto acquisito in virtù di concorsi vinti negli anni ottanta.
    E’ ora di scambiare di ruolo questi gruppi di persone.

  32. Scritto da Luigi

    Articolo che fa vergognare e indignare, soprattutto per lo squallido e imbarazzante silenzio del sindacato proteggifurbetti, ma credo sia giusto anche segnalare che esiste un’altra Italia, e pubblicare le percentuali di vigili e non solo, infermieri, medici, poliziotti ecc… che a capodanno, Natale, Pasqua, Ferragosto lavorano, perchè non siamo tutti romani o napoletani!

    1. Scritto da davide

      E perche’mai bisognerebbe pubblicare dati di gente che fa il suo DOVERE!!!!! Ma piantiamola di elogiare chi e’ pagato per fare cio che deve fare.

  33. Scritto da maurizio

    ” accanto a un diritto c’è un dovere ” appunto nel momento che togli tutti i diritti non puoi pretendere che rimangano solo i ” doveri “

    1. Scritto da Epidemia

      Quali doveri? A Roma e Napoli evidentemente conoscono solo i diritti,oltre che epidemie che non hanno riscontro in nessun altro paese della terra…scuse patetiche di cui ci si dovrebbe vergognare!

  34. Scritto da TT

    A me sto fatto(vigili assenti)non stupisce,visto quello che li é accaduto(coop etc)era sottinteso che li si vigilasse poco…