BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mercatino dell’usato per le missioni di Cuba contro i bambini-soldato

I ragazzi della scuola secondaria di Petosino, a fine dicembre, hanno realizzato un mercatino dell'usato: il ricavato è stato devoluto alle missioni di Cuba che recuperano i bambini-soldato.

Hanno rovistato in soffitta, recuperato gli oggetti in buono stato e hanno improvvisato un bellissimo mercatino dell’usato. Il tutto a favore delle missioni di Cuba che seguono il recupero dei bambini-soldato.

Protagonisti di questa singolare iniziativa sono gli studenti della scuola secondaria "Antonio Lanfranchi" di Petosino, che seguiti dalla docente Miriana Genuessi, hanno proposto nei giorni 22-23-29-30 dicembre scorso al Centro civico di via Martiri della Libertà il mercatino dell’usato. Una trentina di ragazzi si sono improvvisati commessi e hanno venduto i biglietti che metteva in palio cesti di alimentari con anche alcuni prodotti realizzati dagli studenti. Ad affiancare i ragazzi il Gruppo Pensionati di Petosino.

Tutto il ricavato è stato devoluto alle missioni di Cuba che seguono il recupero dei bambini soldato.

Nella foto alcuni degli studenti con la professoressa Mirianna Genuessi, il gruppo Pensionati e il sindaco di Sorisole Stefano Gamba.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca nava

    A Cuba i bambini soldato non ci sono…..i bambini a Cuba vanno a scuolacome in ogni altro paese civilizzato del mondo.Il fatto che sia un paese povero,non vuol dire che non tenga da conto i propri cittadini e soprattutto sebra strano che un paese con la più bassa mortalità infantile del sud america,fra l’altro anche più bassa degli stati uniti,mandi i propri bambini a combattere.