BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Autostrade, con il 2015 aumentano (ancora) i pedaggi

Puntuale come un orologio svizzero, con l'arrivo del 2015 ecco l'aumento del pedaggio autostradale. Mediamente, per l'intera rete, sarà dell'1,32%, ma per alcune autostrade si arriverà a pagare l'1,5% in più. Lo comunica il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Più informazioni su

Puntuale come un orologio svizzero, con l’arrivo del 2015 ecco l’aumento del pedaggio autostradale. Mediamente, per l’intera rete, sarà dell’1,32%, ma per alcune autostrade si arriverà a pagare l’1,5% in più. Lo comunica il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Da Capodanno, «in attuazione di quanto previsto nei vigenti atti convenzionali stipulati da Anas ora ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con le Società Concessionarie di autostrade, nonché dalla vigente normativa, maturano specifici adeguamenti dei pedaggi autostradali, da determinarsi in applicazione delle formule tariffarie previste negli atti convenzionali approvati e vigenti», spiega il ministero.

Ecco gli adeguamenti in particolare: Asti-Cuneo 0,00%; ATIVA 1,50%; Autostrade per l’Italia 1,46%; Autostrada del Brennero 0,00%; Autovie Venete 1,50%; Brescia-Padova 1,50%; Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%; CAV 1,50%; Centro Padane 0,00%; Autocamionale della Cisa 1,50%; Autostrada dei Fiori 1,50%; Milano Serravalle Milano Tangenziali 1,50%; Tangenziale di Napoli 1,50%; RAV 1,50%; SALT 1,50%; SAT 1,50%; Autostrade Meridionali (SAM) 0,00%; SATAP Tronco A4 1,50%; SATAP Tronco A21 1,50%; SAV 1,50%; SITAF 1,50%; Torino – Savona 1,50%; Strada dei Parchi 1,50%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    Ad eccezione di Brebemi e Pedemontana, le restanti autostrade sono in funzione da oltre 30 anni, pertanto i costi di costruzione sono stati ampiamente ammortizzati e la manutenzione è pagata dalle tasse automobilistiche e accise sui carburanti: cosa si aspetta a renderle gratuite?

    1. Scritto da Luigi

      Si aspetta (vanamente) che gli onesti governino il paese. Finché governano i cialtroni e i ladri, campa cavallo…..

  2. Scritto da pendolara bg-agrate

    Spero di riuscire a cambiare lavoro e tornare a lavorare a BG nel 2015, dopo che la vecchia ditta ha chiuso, ho trovato in Brianza ma il costo del trasporto incide troppo e i mezzi pubblici non ci sono, costruiscono solo strade e niente treni. Sperem.

  3. Scritto da Sergio

    Effetto collaterale trascurabile del job-act….. Gioia nel mondo!

  4. Scritto da kappa

    Purtroppo le autostrade italiane costano una follia, basta andare in svizzera dove con un costo irrisorio si posson fare migliaia di km, qua dopo averle regalate ai privati si continuano a spremere gli automobilisti che magari quotidianamente devono usarle ! Una vergogna che in paesi civili non durerebbe, qua invece ti dicono che aumentano meno dell’inflazione, vergogna vergogna !