BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Soldipubblici.gov.it Clicca e controlla online le spese del tuo Comune

Quanto sono costati i dipendenti del Comune di Bergamo nell'ultimo mese? E in tutto il 2014? Quelli del Comune di Albino, di Dalmine, di San Pellegrino? Basta un clic. Bastava anche prima, a dire la verità, però ora grazie a www.soldipubblici.gov.it è tutto più semplice. A pochi minuti dal lancio da parte del premier Matteo Renzi, qualche giorno fa in diretta tv a “Che tempo che fa”, è andato in tilt a causa dei troppi accessi.

Quanto sono costati i dipendenti del Comune di Bergamo nell’ultimo mese? E in tutto il 2014? Quelli del Comune di Albino, di Dalmine, di San Pellegrino? Basta un clic. Bastava anche prima, a dire la verità, però ora grazie a www.soldipubblici.gov.it è tutto più semplice. A pochi minuti dal lancio da parte del premier Matteo Renzi, qualche giorno fa in diretta tv a “Che tempo che fa”, è andato in tilt a causa dei troppi accessi. Un inizio con il botto per uno strumento che ha come obiettivo “promuovere e migliorare l’accesso e la comprensione dei cittadini sui dati della spesa della Pubblica Amministrazione, in un’ottica di maggiore partecipazione”. 

La trasparenza era garantita anche da altri portali come il SIOPE (già ricordare il significato dell’acronimo non è impresa da poco), con tabelle piuttosto complicate per i tanti italiani ancora alle prime armi con mouse e www. Soldipubblici.gov.it è invece più immediato, nonostante ci siano ancora molti aspetti da migliorare. Ad esempio, non sono indicati i destinatari dei fondi. Saranno pubblici e consultabili solo quando il sistema di fatturazione elettronica sarà operativo al 100%, da marzo 2015 (almeno secondo le previsioni).

Per ora ci si deve accontentare di scoprire “quanto spende chi e per cosa”. In concreto: quanto spende il Comune di Bergamo per il personale – 14 milioni 299 mila 494,57 euro. Oppure quanto spende il Comune di Blello per “Carta, cancelleria e stampati” – 3.209,59 euro. E’ un primo passo, decisivo, verso il controllo totale delle spese da parte dei cittadini. Per evitare o quanto meno cercare di prevenire scandali che troppo spesso sconvolgono le amministrazioni pubbliche.

IL PROFILO TWITTER

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    senza bisogno di pubblicare,è risaputo che il quirinale ha oltre 2000 dipendenti e oltre 230 milioni di spese…è in assoluto la presidenza più costosa al mondo….è cambiato qualcosa saperlo?ovvimanete no,tutto è rimasto come prima

    1. Scritto da Elio

      Il Quirinale ha parecchie centinaia di dipendenti in meno rispetto a una decina di anni fa e ben oltre la metà dei costi del quirinale (oltre di tanto tanto) sono dovuti alle pensioni pagate dal quirinale stesso per i dipendenti andati in pensione da quando esiste. Sempre tanto ma ….. smettila di leggere giornalucoli caciapalle che nei tanti anni dei loro amici al governo non hanno mai aperto bocca su certi temi !

      1. Scritto da il polemico

        bene,ora so che 230milioni di euro sono ben spesi e 2000 dipendenti sono il giusto per far funzionare la baracca ,sono rasserenato….nemmeno la tenaris nell’enorme stabilimento di dalmine ha 2000 dipendenti ,ma sono comunque rasserenato ,perchè al quirinale non ci sono persone in più,ma solo il necessario, come evidenziato e giustificato dal sig elio…..

    2. Scritto da pasquale

      mettiamola così: io posso decidere chi mi amministra (almeno nel piccolo, diciamo a livello comunale). adesso esiste uno strumento in più per sapere come l’eletto gestisce il denaro pubblico e non vedo come questo possa essere un male. ovvio che se il mio sindaco appalta ai suoi amici, gonfia le spese, non fa le manutenzioni ed io lo rivoto, la colpa è mia, non certo dello strumento democratico di trasparenza.

  2. Scritto da democrazia

    Tutti a lamentarsi che manca la trasparenza, che i politici nascondono tutto, per una volta che finalmente gli elettori possono sapere cosa fanno i comuni con i soldi pubblici, i primi commenti sono di un cinismo desolante! A mio avviso è un passo decisivo per poter poi esprimere il proprio voto, è la democrazia, informati per decidere!

    1. Scritto da Sandro

      E’ una presa per i fondelli e ci considerano scarsi di comprendonio! Io spendo e spando coi soldi tuoi, te lo comunico, poi tu non potrai mai “riavvolgere il nastro” e chiedermene conto….. E io non pago mai nessuna penale…. Comoda fare i grandi col portafogli degli altri!

    2. Scritto da ru

      Concordo. L’ottimismo è/e pragmatismo.

  3. Scritto da Andrea

    E quando abbiamo saputo che il nostro comune ha speso 3000 euro cadauno per dei barilotti arancio fuorilegge, che ci facciamo? Ce li restituisce il sindaco i soldi? Ci abbassa l’imu? Dai che è tutto fumo e niente arrosto! Amministrazione pubblica sempre più indecente. Estinguiamola!

    1. Scritto da dark

      Questi son argomenti politici. Non dimentichiamo che questi sono campagna elettorale, in cui i politici sono permanentemente. Non sono proprio inutili, anzi.

      1. Scritto da Andrea

        E’ la carota in cima al bastone per i somari…… Tanto non cambia nulla, ti diranno sempre che una spesa era necessaria. E se non gli credi e voti un altro alla prossima tornata elettorale, anche lui spendaccionerà alla più bella, tanto non sono soldi suoi. Ci vorrebbe la restituzione e la confisca dei soldi pubblici sprecati, allora ne parleremmo con serietà! Qui ci vuole la responsabilità individuale, altrimenti ne non ne veniamo mai fuori!

        1. Scritto da dark

          La responsabilità individuale c’è. Si chiama giustizia e giudici. Mi dirà che non funziona bene. Beh, anche qui l’opinione pubblica può fare. Certo, finché i giudizi cono solo “rossi” e interessati (o collusi), non andiamo lontano, e lo dico riferendomi a giudizi slogan ampiamente diffusi, sia chiaro.

  4. Scritto da Sandro

    Non me ne frega niente di sapere a posteriori quanti soldi e come li hanno spesi. A quel punto non ci si può fare più niente. Sappiamo tutto (o gran parte) degli sprechi della p.a.: qualcuno li ha fatti restituire ai cittadini???? Ci danno il placebo per lenirci il cancro! Da galera!

    1. Scritto da Bah !?

      E allora non guardarli, dov’è il problema ? a me interessa ECCOME ! Se vuoi sapere quali sono i costi PRIMA mettiti in lista e vinci le elezioni.
      Mi sembri Pierino che piange perchè vuole le caramelle e quando gliele danno le rifiuta perchè dice che preferisce piangere.

      1. Scritto da Sandro

        Incredibile: contento di sapere a posteriori come spendono i soldi anche tuoi, quando (notoriamente, dato lo stato delle cose) li spendono in maniera ballerina….. Preferirei mi chiedessero il permesso prima di spendere i miei soldi. Sei uno di loro, ammettilo!