BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pronta il 30 dicembre” Ma la stazione non è ancora finita

Niente regalo di Natale e nemmeno per Capodanno. La nuova stazione di Bergamo, a dispetto delle promesse, non è ancora conclusa: fili elettrici che penzolano dal soffitto, coperture non ancora installate, piastrelle già rotte, ascensore principale mai entrato in funzione, operai sempre al lavoro per terminare il cantiere il prima possibile. Sicuramente non prima della fine dell'anno, come promesso da Centostazioni ai componenti della commissione che a fine novembre hanno visionato la struttura.

Più informazioni su

Niente regalo di Natale e nemmeno per Capodanno. La nuova stazione di Bergamo, a dispetto delle promesse, non è ancora conclusa: fili elettrici che penzolano dal soffitto, coperture non ancora installate, piastrelle già rotte, ascensore principale mai entrato in funzione, operai sempre al lavoro per terminare il cantiere il prima possibile. Sicuramente non prima della fine dell’anno, come promesso da Centostazioni ai componenti della commissione che a fine novembre hanno visionato la struttura (leggi qui). Già allora c’era qualche dubbio sul rispetto delle date di consegna, ora il ritardo è una certezza. E non è l’unico, visto che proprio sul cartello di inizio e fine lavori è ancora visibile la scritta “30 settembre 2014”.

I mesi passano, i pendolari pressano e nessuno, a partire da Palafrizzoni, si fida più delle rassicurazioni della società. Come se non bastasse, quando verrà concluso l’attuale cantiere, dovranno essere sistemate tutte le magagne di un restyling già “vissuto”. All’ingresso si possono notare piastrelle incrinate, i binari per trasportare le biciclette non sono funzionali (leggi qui), l’ascensore è sempre fermo con la porta sbarrata.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

GUARDA IL VIDEO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pluto

    L’altro giorno ho voluto fare un sopralluogo per vedere la stazione di cui si parla. Ebbene i posti auto degli handicappati erano occupati da estranei, nei girotondo stradali c’era gente che entrava usciva anche contromano perchè sembra una spaghettata; il piazzale della fontana pare una discarica di betoniera che non sapeva che farne del carico. Insomma come si dice a Berghem: öna peciotada. Ma siamo davvero così malmessi da fare le cose così “poveramente” in tutti i sensi?!

    1. Scritto da Sergio

      Siamo così malmessi perché in tutti i gangli strategici e vitali della società non sono stati messi i “capaci”, i migliori (come sarebbe normale), ma gli amici…… E’ del tutto evidente, no?

  2. Scritto da Roberto

    Molto banalmente, cosa aspettano ad attivare l’ascensore che dall’ingresso porta al sotto passo? Tutti i giorni devo portare a mano i passeggini dei miei figli con loro dentro! Sindaco dove guardi quando fai i sopralluoghi?

  3. Scritto da Luisa

    mi chiedo ogni volta che transito chi è quel progettista, e quelli menti che hanno approvato e gradito una realizzazione così brutta e pericolosa, ma non vi ponete il problema della sicurezza con quelle strozzature sui marciapiedi dei treni e sulle scale, se qualcuno dovesse finire sotto un treno per via della scarsa pedonabilità poi si che salterebbe fuori la vera negatività

    1. Scritto da Sergio

      Signora, in Italia non progettano e avallano i migliori…. progettano e avallano gli amici….

      1. Scritto da il ciclista

        Stendendo un velo pietoso su canaline x bici assurde e su suggerimenti esperti e gratuiti non ascoltati, trovo molto pericolosa e scomoda la strozzatura creata calando gli ascensori nel bel mezzo del corridoio centrale … si è come sempre lesinato e le autorità – non solo comunali – della nostra città han permesso un evidente ennesimo sproposito … non serve un cattedratico per capirlo

        1. Scritto da KAPPA

          Ma ci sarà pur stato un avvallo al progetto da parte dei Vigili del fuoco? Speriamo e nel frattempo buttiam via ancora un pò di palanche nel piazzale stazione..giusto per non farci mancar nulla !!! Buon anno

          1. Scritto da Sergio

            Ho visto aziende col “diploma” di idoneità rilasciato dai vigili del fuoco, movimentare solventi col secchio di latta e scaricare i residui nel tombino….. Di che stiamo parlando? Siamo in Italia! Ho visto un sindacalista entrare dalla porta di servizio negli uffici di un’azienda a prendere la strenna natalizia che il direttore gli regalava: chissà poi perché….