BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova stazione, insorgono i ciclisti: il ciclobinario è stretto

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviataci da Claudia Ratti del consiglio direttivo di A.Ri.Bi, l'associazione per il rilancio della bicicletta, in cui si lamenta per i lavori di rifacimento della stazione di Bergamo, in particolare del ciclobinario a lato della scale ritenuto troppo stretto e del pavimento scivoloso.

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviataci da Claudia Ratti del consiglio direttivo di A.Ri.Bi, l’associazione per il rilancio della bicicletta, in cui si lamenta per i lavori di rifacimento della stazione di Bergamo, in particolare del ciclobinario a lato della scale ritenuto troppo stretto e del pavimento scivoloso.

 

"Egregio Direttore,

per l’ultima volta approdiamo alla sua rispettabile testata giornalistica per dare voce ai ciclisti di Bergamo che sono davvero indignati per i lavori di rifacimento della stazione di Bergamo, nello specifico per la parte che li riguarda più da vicino, il posizionamento del ciclobinario a lato della scale per lo scorrimento delle ruote delle biciclette.

E’ scandaloso l’iter di presa per i fondelli che Centostazioni RFI ha riservato a questo capitolo, dapprima accogliendo i tecnici di A.ri.Bi che insieme all’allora Assessore Gianfranco Ceci e l’Ingegner Villa, avevano illuso questo tavolo di una sorta di progettazione partecipata, prelevando addirittura un progetto preparato gratuitamente da un noto architetto competente nel merito.

Per oltre un anno il silenzio assoluto e poi la comparsa di un ridicolo manufatto (testato dagli aribini e divulgato da l’Eco di Bergamo con tutte le indicazioni per la risoluzione ottimale) e poi in data 29 novembre, le risposte ridicole e fantasiose di Centostazioni alle gravissime magagne segnalate con doveroso puntiglio dagli attuali amministratori che ben si sono adoperati per la risoluzione a favore dell’utenza.

Da qui nasce il dubbio insinuato nelle nostre testoline che i rappresentanti di Centostazioni Diego Capoano e l’Ing, Villa rispettivamente poject manager e responsabile della sicurezza, non abbiano proprio chiaro il ruolo che rivestono e siano responsabili in prima persona di gravi inadempienze.

Ecco il perchè: alla segnalazione della inadeguatezza del pavimento troppo scivoloso hanno replicato dicendo che quello poroso "non è lavabile" (della sicurezza quindi poco importa), al quesito sul ciclobinario troppo stretto e vicino al muro, hanno risposto che "più grande diventa pericoloso per i bambini".

La nostra domanda è "ma questi ci sono o ci fanno???" e non ci stupisce più nemmeno il fatto che non vogliano cerimonie inaugurali il giorno 30 dicembre 2014, credo che sarebbero presi d’assalto da lanciatori di uova marce e forse assisterebbero a una serie di infortuni a catena di cui sono da ritenere "gli unici responsabili".

Un plauso invece agli assessori e tecnici che hanno seppur invano tentato di aprire un dialogo costruttivo con questo "Ente etereo" che è Centostazioni.

Per il Consiglio Direttivo di A.ri.bi

Claudia Ratti"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    non è mai troppo tardi importante sia finita ma ci vuole cosi tanto capire ( sino a 15 giorni fa oggi non lo so ) che nel sottopassaggio x raggiungere i binari ci sono 3 tabelloni di Partenze con relativi binari ma nessuno degli ARRIVI con relativo numero del binario ? si è obbligati salire nella biglietteria

  2. Scritto da giggi

    eh già le magnifiche sorti e progressive, ci salverà la bicicletta.

  3. Scritto da Narno Pinotti

    “Lo scandaloso iter di presa per i fondelli”, “nasce il dubbio insinuato nelle nostre testoline”, “presi d’assalto da lanciatori di uova marce”? Forse la vibrante indignazione della scrivente richiederebbe una causa e una prosa migliori. Magari l’efficacia sarebbe migliorata allegando un paio di foto e citando documenti invece che parlando di “risposte ridicole e fantasiose”.

  4. Scritto da mauro

    andate sul primo binario a scattare qualche foto. i lavori non sono ancora conclusi e il marciapiede è già rotto.
    guardate bene entrando sulla sinistra verso direzione est

  5. Scritto da giggi

    sì però non è che tutto deve girare intorno alla bicicletta, neanche fosse il centro dell’universo.

    1. Scritto da Patrizio

      Dalla Tua sparata fai capire che non hai la bicicletta e che non capisci i benefici che porterebbe, ti aiuto: ogni macchina in coda se fosse sostituita dalla bicicletta meno inquinamento e meno code…. riesci a proseguire da solo?

    2. Scritto da quiz

      Sarebbe ora che QUALCOSA almeno la contemplasse come si deve. Per ora comandano solo i mezzi a motore. Un po’ fuori tempo il suo