BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il ministro Martina cameriere alla cena del Banco alimentare

Il ministro bergamasco Maurizio Martina cameriere per un giorno, per beneficenza. Il titolare delle Politiche agricole, Alimentari e Forestali ha partecipato a Torino alla cena organizzata dal Banco Alimentare, fondazione creata da don Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione. Alla serata hanno partecipato circa mille ospiti tra cui come l’Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia e il Sindaco Piero Fassino.

Più informazioni su

Il ministro bergamasco Maurizio Martina cameriere per un giorno, per beneficenza. Il titolare delle Politiche agricole, Alimentari e Forestali ha partecipato a Torino alla cena organizzata dal Banco Alimentare, fondazione creata da don Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione. Alla serata hanno partecipato circa mille ospiti tra cui come l’Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia e il Sindaco Piero Fassino. “Sono 6 milioni gli italiani che soffrono di povertà alimentare – ha dichiarato Martina -, con più di 400mila bambini. Le cifre danno il segno di quanto sia grave il problema”. A cucinare i prelibati piatti quattro chef stellati: Marco Sacco, presidente dell’associazione Charming Italian Chief e cuoco con due stelle Michelin, Andrea Alfieri, Andrea Ribaldone e Ivano Ricchebono, tutti premiati con una stella Michelin. "Abbiamo voluto condividere con le persone meno fortunate un momento di festa per farle sentire accolte e degne di poter gustare una cena bella – ha detto durante la serata il Presidente del Banco Alimentare, Salvatore Collarino -, curata non solo nel cibo, ma anche nell’allestimento, in un clima di serenità e gioia".

IL TWEET

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    e mentre il ministro dell’agricoltura martina fa il cameriere,i produttori di latte bergamasco rischiano di chiudere per il mancato rinnovo del contratto sul latte che per il citato ministro sembra non sia prioritario non avendo tempo per occuparsene

    1. Scritto da Riccardo

      I produttori di latte hanno già avuto in passato un bel regalino, da parte nostra, per le quote latte, multe comprese. Che adesso piangano dopo che i tuoi amici della Lega li hanno aiutati a metter via un bel po’ di soldi,- naturalmente nostri,- non mi fa nessuna pena, solo rabbia.

      1. Scritto da il polemico

        se ti riferisci a quelli che hanno sabilito che le mucche italiane campano 80 anni a 20 litri al giorno,chissa se sono ancora al loro posto.comunque vedo che a favore della morte del settore latte bergamasco,ghe dirti?’io e te e altri ci toccherà bere latte olandese per la felicità della loro economia,i nostri lavoratori invece ingrosseranno le file dei disoccupati..ma quello che scrivi lo pensi veramente o scrivi solo cosi per fare zizzania??da uno come te non si può che rimanere allibiti

        1. Scritto da Riccardo

          http://it.wikipedia.org/wiki/Cobas_del_latte
          Ghe dirti? prova a informarti un po’ meglio e prova ad andare almeno al sito qui sopra. Non scrivo per fare zizzania e se uno come me ti allibisce, rileggiti quello che hai scritto tu e leggi anche quello che dice Wikipedia sulla storia delle quote latte. Per conto mio difenderò i produttori di latte onesti che le quote le hanno pagate e non, come fai tu, quelli che le multe le hanno fatto pagare a noi e anche a te e adesso piangono miseria.

          1. Scritto da il polemico

            onesto è il produttore che per leggi assurde gli viene impedito di ingrandirsi l’attività con magari aumento della occupazione?e non dimentichiamo che quando con il governo d”alema vennero aumentate le quote latte,risultò che molti beneficiari di queste quote,che poi vendettero a produttori veri,risultarono personaggi che vivevano in centro a roma e avevano amicizie influenti nella politica.dove si creano veti,si crea sempre un mercato illegale ..di che ci si lamenta adesso?

  2. Scritto da ru

    Buffonata, e Rep web riprende la “notissia”. Ma va là.

  3. Scritto da sommo

    Si conferma: Martina, cdo, cl.

  4. Scritto da Luigi

    I politici dovrebbero fare quello per cui sono pagati, di queste buffonate ipocrite non so che farmene, propaganda sulla pelle dei poveri che fa solo pena. Il banco alimentare c’è anche in tanti paesi della bergamasca,con persone serie e per bene che non hanno bisogno di farsi i selfie per dare una mano a chi non ce la fa, Martina prenda esempio.

    1. Scritto da Cri

      Concordo ,politici e vip queste cose lo fanno solo per pubblicita ,vi ricordo la moda dei secchi pieni di acqua …..

    2. Scritto da renato

      condivido al 100%

      1. Scritto da giulio

        Condivido, solo squallida ipocrisia, come per aver letto farà tra poco anche Gori!!!

        1. Scritto da Riccardo

          Ho capito, preferite tutti cose molto più serie come il matrimonio celtico, l’adorazione dell’ampolla di acqua del Po e il suo trasporto in pompa magna da Pian del Re a Venezia.

          1. Scritto da Sergio

            No, non è così: sono politici anche quelli e li manderei all’inferno! Si può biasimare e detestare TUTTI i politici?

  5. Scritto da franca

    i politici dovrebbero guadagnarsi lo stipendio così, e poi fare politica per pochi euro