BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mancato rinnovo del prezzo: latte bergamasco addio?

Per l'agricoltura bergamasca il 2014 si chiude con una grave incognita: il mancato rinnovo del prezzo del latte alla stalla. Gli incontri a livello regionale con gli industriali infatti si sono conclusi tutti con una fumata nera perché non si è riusciti a raggiungere un'intesa condivisa

Per l’agricoltura bergamasca il 2014 si chiude con una grave incognita: il mancato rinnovo del prezzo del latte alla stalla. Gli incontri a livello regionale con gli industriali infatti si sono conclusi tutti con una fumata nera perché non si è riusciti a raggiungere un’intesa condivisa. Le proposte delle aziende trasformatrici, orientate a un pesantissimo ribasso rispetto al procedente accordo, sono state giudicate inaccettabili dagli allevatori e quindi respinte al mittente. “La fase di stallo in cui ci troviamo – sottolinea il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio – é molto preoccupante ma non possiamo accettare che il nostro lavoro venga messo in pericolo da chi mortifica il prodotto di alta qualità dei nostri allevamenti, per poi comprare in ogni parte del mondo latte con cui produrre formaggi da spacciare sul mercato come italiani, danneggiando i produttori e ingannando i consumatori”.

La situazione ha ormai raggiunto livelli insostenibili e le difficoltà delle zootecnia provinciale sono chiaramente messe in evidenza dai numeri. Le stalle da latte sono passate dalle 783 del 2013 alle attuali 764 e la continua e inesorabile contrazione é il sintomo evidente che la loro redditività é in caduta libera a causa di un aumento esponenziale dei costi di produzione che ormai vanno ben oltre la remunerazione del latte alla produzione.

“Stiamo correndo il rischio di pregiudicare in modo irreversibile un comparto fondamentale della nostra agricoltura – spiega Brivio -; nelle nostre stalle si produce l’8 per cento del latte lombardo, una realtà che purtroppo é diventata via via più fragile. Se continuiamo con il trend di chiusura degli allevamenti degli ultimi anni arriveremo presto all’azzeramento di un patrimonio strategico per il nostro territorio, con gravi contraccolpi per la produzione agricola e l’aspetto occupazionale”.

A pesare è anche l’iniqua distribuzione del valore lungo la filiera (del valore complessivo prodotto dal settore lattiero caseario poco più del 18 % al lordo dei costi di produzione è rappresentato dalla quota agricola, il 38% dalla quota industriale mentre il 43,5% è costituito dai margini di distribuzione che si formano tra il cancello dell’azienda agricola e l’acquisto da parte del consumatore) con il consumatore che continua a pagare il latte fresco oltre 4 volte il prezzo corrisposto alla produzione. Vale a dire che agli allevatori finora sono andati in media 0,39 centesimi di euro al litro mentre il consumatore é arrivato a pagare anche 1 euro e 60 per la stessa quantità di prodotto.

Non deve trarre in inganno il fatto che la differenze tra la proposta degli industriali e le richieste del mondo agricolo stia tutta in pochi centesimi al litro, gli interessi in gioco sono tutt’altro che di poco conto. infatti il latte è uno degli alimenti di più largo consumo ed é presente nel 99% delle famiglie italiane che nel 2013 ne hanno consumato oltre 3 milioni di tonnellate, circa 53 chili pro capite.

“La situazione del mercato del latte e dei trasformati – conclude Brivio – non è tale da giustificare la decisione degli industriali di erodere ulteriormente il margine di redditività della parte agricola. Chissà perché quando il prezzo del latte diminuisce alla stalla non diminuisce anche al consumo. Noi siamo pronti a fare la nostra parte ma una proposta responsabile non può ignorare che produrre un litro di latte in Lombardia costa in media 45 centesimi. Un valore che è ben al di sopra dei 36 centesimi al litro proposti dagli industriali nell’ultimo incontro della trattativa. Per scongiurare la definitiva scomparsa del latte bergamasco, auspichiamo l’intervento delle Istituzioni affinché questa grave situazione trovi al più presto una concreta soluzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da livio

    Sinceramente mi dispiace per questa situazione e non ritengo sia giusto, purtroppo queste sono le conseguenze di quelli che ritenevano il libero mercato una conquista importante ,poi ci mancava l’Europa con le quote latte a fare il resto.

  2. Scritto da livio

    Sinceramente mi dispiace per questa situazione e non ritengo sia giusto, purtroppo queste sono le conseguenze di quelli che ritenevano il libero mercato una conquista importante ,poi ci mancava l’Europa con le quote latte a fare il resto.

  3. Scritto da Sergio

    Cosa volete che gliene freghi a un politico? Lui ha la pancia piena e la copertina dei giornali grazie a expo…. Eppure quando l’agricoltura aveva meno burocrati e politici attorno, tirava…. Chissà chi li ha autorizzati a metterci il becco e a rovinarla…..

  4. Scritto da Ernesto

    Non si potrebbe creare una cooperativa agricola che si occupi della distribuzione del latte bergamasco?

    1. Scritto da angelo m

      O salviamo la nostra filiera con tutti annessi e connessi vedi mangimifici concessionari macchine agricole edilizia agricola ecc oppure andiamo avanti a fare l altalena del prezzo finche cadiamo

    2. Scritto da angelo m

      Bastetebbe tutelare il latte italiano il prezzo lo fa lactalis che a il monopolio della trasformazione importando latte da chi lo fa pagare meno mettendo in ginocchio chi a costi di produzione piu alti e’ una regola di mercato. scegliamo

      1. Scritto da Ernesto

        Ma l’articolo dice che i margini tra produttore e consumatore esistono, ma se li mangiano tutti i grossisti e la distribuzione. A questo punto ci si potrebbe organizzare per creare le strutture adatte.

  5. Scritto da il polemico

    e il tanto decantato ministro bergamasco dell’agricoltura dove si trova?altro settore destinato a sparire dopo l’edilizia??ma da quando i governi sono a guida pd ne stanno facendo di danni..e non è finita qui

  6. Scritto da vade retro

    MARTINAAAA ! DOVE SEI ? IN CAMPAGNA NON CI SEI MAI …PENSA UN PO’ ANCHE AL LATTE ITALIANO E NON SOLO AI 60 MILIONI DI EURO PER L’ EXPO E CERCA DI FARE IL MINISTRO AGRICOLO ,NON IL FIGURINO DEL GOVERNO RENZIANO.

  7. Scritto da angelo m

    Visto che eravamo il comparto sopravvissuto alla crisi hanno pensato bene di metterci in pari con gli altri ,mettiamo in cassa integrazione le vacche finche non si rialza il prezzo .