BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Animali, stop alla strage dei botti di Capodanno: Bergamo capofila

Partita la petizione promossa da Change.org per vietare i botti a Capodanno. Secondo le stime ogni anno muoiono circa cinquemila animali. La normativa al momento prevede che la decisione sia dei comuni: la provincia più virtuosa è la nostra, con il numero maggiore di comuni in cui vige il divieto.

Sui social l’hashtag è già partito: #Salviamolaforestale. E’ la sigla della petizione promossa dagli esperti riuniti nella campagna apartitica attiva su Change.org per vietare i botti a Capodanno, che ha già raccolto 25.000 firme ed è molto seguita anche su internet.

La percezione del suono del cane supera i 60.000 hertz mentre quella dell’uomo si limita ai 15.000 hertz, questo provoca negli animali un disagio che non possiamo neanche immaginare, spiegano gli esperti.

E nel testo della petizione si legge: “L’attivazione di petardi, botti, fuochi d’artificio e simili può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti di cani, gatti, animali domestici e uccelli.”  

Secondo le stime ogni anno muoiono circa cinquemila animali, molti altri per lo spavento scappano dalle loro case o recinti e finiscono sulle strade causando incidenti o rifugiandosi nei posti più impensabili. 

Molti padroni di cani o gatti hanno il problema di trovare una sistemazione sicura al loro animale domestico perché non possono lasciarlo solo o in un posto potenzialmente pericoloso, e sono costretti a ricorrere a pensioni private o a rinunciare al tradizionale cenone fuori da casa.

La lettera indirizzata al Presidente del Consiglio ricorda che esistono delle tipologie di fuochi artificiali che non danno fastidio agli animali e invece di produrre un forte scoppio generano musica, i fuochi piromusicali sono altrettanto belli di quelli classici e non creano i disagi di quelli tradizionali.  

La petizione vorrebbe che nei prossimi anni fosse più importante la sofferenza di milioni di animali rispetto al divertimento di alcuni in tutto il territorio italiano. La normativa al momento prevede che la decisione sul vietare o meno i fuochi di Capodanno sia dei comuni.

Milano, Bari, Venezia e Torino già hanno deciso di aderire, mentre la provincia più virtuosa è quella di Bergamo con il numero maggiore di comuni in cui vige il divieto.

Ora è il governo che deve decidere sulla questione, già nel 2012 Matteo Renzi tenuto a scegliere se applicare il divieto nel comune di Firenze giudicò inutile adottare un provvedimento di questo tipo, vedremo se la petizione tanto amata dai social gli farà cambiare idea.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    Fatemi capire: si chiedono e concedono ordinanze “antibotti” per salvaguardare la salute degli animali (e i botti delle bottiglie di champagne? Quelli vanno bene?) invece che per evitare il solito carosello di infortunati al pronto soccorso? Il mondo funziona veramente al contrario…

    1. Scritto da Luisa

      Beh, magari anche con la motivazione degli animali alla fine si sensibilizza un numero maggiore di persone, che poi non finiscono al pronto soccorso

  2. Scritto da Lassie come home

    Addio ai fuochi artificiali di Borgo S. Caterina, delle feste nelle località turistiche e sagre di paese, del Capodanno cittadino? Ritengo che cani, gatti, uccelli stanziati in aree abitate, non soffrano in particolare gli alti rumori “ordinati” come fucilate in battute di caccia, camion per strada, temporali, aerei in decollo, quanto l’improvviso sconvolgimento del “loro mondo usuale” da parte di esplosioni ovunque, lampi, fumi e puzze. È da ciò che fuggono terrorizzati.

  3. Scritto da Selene

    Come ogni anno trascorreremo ultimo dell’anno a casa perché’ l’idea che il cane possa risentirne per i botti e’triste e
    Inquietante !anche i volatili percepiscono l’ usanza Umana dei botti come una terribile minaccia .Che si ritrovi il Rispetto per tutte le forme Viventi …

  4. Scritto da PAOLO

    cani o non cani, a me i botti danno parecchio fastidio (sono un umano).

    1. Scritto da TT

      Brao Paol,ma occhio alle manine ed agli occhietti,non si sa mai…

  5. Scritto da Piero

    Smetteró di sparare botti il giorno in cui tutti i possessori di cani si degneranno di raccogliere gli escrementi.

    1. Scritto da Arianna

      Forse un giorno raccoglieranno anche te…

    2. Scritto da Daniele

      Se scoppi i botti, fai del male ai cani, non ai padroni incivili

    3. Scritto da cane

      Ecco il commento più stupido, egoista e senza senso del 2014 !
      Complimenti Piero !

      1. Scritto da Stefano

        i Neandertal non sono dunque estinti??!!

  6. Scritto da Groucho

    Un animale chiuso in casa per la mezz’ora in cui scoppiano i botti forse si spaventerà un po’ (e sta ai padroni rassicurarlo), dubito fortemente che possa morire. A questo punto vietiamo anche i temporali perchè i tuoni sono ancora + forti….

  7. Scritto da claudio

    solo chi non possiede un cane scrive certe cose. il cane va amato e rispettato. guardatevi il film io e Marley e poi capirete

  8. Scritto da Daniele

    A breve vieteremo la circolazione con autoveicoli e motocicli su strade extraurbane per salvaguardare la salute degli animali che attraversano la strada.

  9. Scritto da Mauro

    Domanda non polemica ma solo per capire meglio:
    Cosa c’entra la frequenza massima udita (Hertz) con il volume del botto (Decibel) ?

    Grazie a chi mi chiarisce le idee.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Dal poco che ne capisco, i decibel misurano il rapporto fra le pressioni sonore prodotte sul nostro orecchio da due diversi suoni: ad es. un suono di 23dB è circa il doppio di uno di 20dB (corrispondente al respiro umano). Ma un suono a basse frequenze (misurate in Hertz) è più difficilmente udibile per noi. In soldoni, un cane percepisce anche frequenze molto alte, perciò al suo orecchio i botti producono suoni molto forti ed effetti dolorosi che il nostro orecchio non percepisce.

  10. Scritto da giovanni

    Il mondo è malato !anche io voglio un bene dell’ anima agli Animali ma restano sempre animali !quanta gente che conosco che tratta i cani come fossero bambini e poi non sanno minimamente relazionarsi con gli esseri umani !Impariamo a volerci bene tra esseri umani e poi si vedra !

    1. Scritto da AV

      A parte che alcuni cani raggiungono lo sviluppo cerebrale e di comportamento paragonabile a un bambino di tre anni, non si tratta di considerare (non solo i cani) come fossero bambini, piuttosto di eliminare una pratica stupida oltre che fastidiosa anche agli esseri umani e in alcuni casi pericolosa. Anche questo è voler bene a noi stessi e ai nostri amici a quattro o due zampe.

    2. Scritto da AV

      Qua non si tratta di considerare i cani (e non solo) come bambini – a parte che effettivamente alcuni cani raggiungono lo sviluppo cerebrale e quindi il comportamento paragonabile a quello di un bambino di tre anni – si tratta di evitare una pratica stupida e fastidiosa anche agli esseri umani oltrechè in alcuni casi pericolosa. Il volersi bene qua non centra nulla.

    3. Scritto da Daniele

      Trovo il suo post contraddittorio, cosa vuol dire volere un bene dell’anima agli animali e poi non interessarsi se delle cose INUTILI come i botti di capodanno ne fanno morire a miglialia? trovo inoltre che il discorso di trattare cani come bambini non sia pertinente all’argomento trattato.

  11. Scritto da Lellina

    se avessimo politici seri il problema sarebbe già risolto…..non facendo più nulla di ste pagliacciate sudiste INVECE

  12. Scritto da Fido

    Premetto che non sono assolutamente appassionato di botti di capodanno, che ritengo un’usanza del sud piuttosto penosa. Ritengo però altrettanto irritante questa mania di difendere i cani in tutto e per tutto, oramai sono quasi più importanti dei bambini. Se amate davvero i cani non comprateli per poi avere tutti i problemi del mondo, compreso quest’ultimo dei botti di capodanno, siete ridicoli e anche un po’ egoisti ….

    1. Scritto da claudia

      Appunto perché amiamo i cani , e li rispettiamo che trovo giusto evitar i botti ! Alcuni sono veramente pericolosi ! E come ogni anno ci saranno dei feriti !

    2. Scritto da aris

      è come dire non fate bambini se avete paura che finiscano sotto le auto. Complimenti

      1. Scritto da Fido

        Mi dispiace ma lei cade male. Di figli ne ho tre, e me ne guardo bene di prendere un cane, che resterebbe in giardino rinchiuso tutto il giorno ad aspettare che arrivino a casa i padroni. Ma guardatevi intorno ! Io vedo solo poveri cani in ostaggio dei padroni, per lo meno qui in città, in campagna è un’altra cosa, lì si hanno un senso e sono anche utili

    3. Scritto da Gaetano Bresci

      “Se amate davvero i cani non comprateli”…questa frase la dice lunga sulla sua conoscenza della cinofilia. Botti, roba da dementi!

    4. Scritto da dark

      Capisco l’irritazione con le “animalo-filie”, ma è indiscutibile che i cani e altri animali (non solo i cani) soffrano per i botti prolungati. Se si può evitare, perché no? Per giunta condivido con lei, che quest’usanza sudista, oltre che estranea a noi, non ha senso.

    5. Scritto da stefano

      Assolutamente d’accordo con te!

      1. Scritto da Omar mercandelli

        Concordo pienamente!!!! Si stà veramente esagerando.

  13. Scritto da Giulia Manzoni

    Basta botti!

  14. Scritto da V

    Petizione giustissima,gli animali hanno diritto al nostro massimo rispetto. Chi proprio ama questo tipo di cose,le faccia esplodere all’interno della sua abitazione,che poi vediamo che effetto gli fa.

    1. Scritto da Carlo

      Io direi all’interno del proprio organismo……ci siamo capiti….,