BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Camicie verdi, chiesto il processo: “Associazione militare”

Il pubblico ministero di Bergamo ha chiesto il rinvio a giudizio per 34 esponenti delle camicie verdi con l'accusa è di "aver promosso, costituito, organizzato o diretto un'associazione di carattere militare" reato che comporta una pena compresa fra uno e dieci anni di reclusione.

Era il 2 giugno, Festa della Repubblica, 1996 quando sul pratone di Pontida, al raduno dei leghisti non certo promosso per celebrare la Repubblica italiana nasce ufficialmente il "Comitato di liberazione della Padania" dotato di un servizio d’ordine denominato "Camicie verdi".

Folclore? No, secondo il pubblico ministero di Bergamo che ha chiesto il rinvio a giudizio per 34 esponenti delle camicie verdi con l’accusa è di "aver promosso, costituito, organizzato o diretto un’associazione di carattere militare" reato che comporta una pena compresa fra uno e dieci anni di reclusione.

Nel 1996 l’allora procuratore di Verona, Guido Papalia, comincia a indagare sulla neonata Guardia nazionale padana. Un’organizzazione, secondo il magistrato, che avrebbe avuto "caratteristiche paramilitari" e l’intenzione di "disciogliere l’unità dello Stato".

Un primo rinvio a giudizio è arrivato 14 anni più tardi, nel 2010 a Verona, dopo due lunghi momenti di pausa in attesa del pronunciamento della Corte di Strasburgo e della Corte costituzionale sulla posizione degli indagati che a quei tempi ricoprivano cariche parlamentari.

Nel 2009 la Corte costituzionale, riconoscendo l’immunità parlamentare, fece uscire dall’inchiesta Umberto Bossi, Roberto Maroni, Roberto Calderoli, Francesco Speroni, Giancarlo Pagliarini e Mario Borghezio, in un primo momento coinvolti.

Per gli altri militanti il tribunale veronese prospetta un’accusa pesantissima, costituzione di banda armata, a cui si arriva in base a una serie di intercettazioni telefoniche in cui, almeno secondo la Procura, sarebbe stato chiaro l’obiettivo di pianificare la secessione anche con l’uso delle armi.

Ma il percorso processuale ha continuato a essere accidentato, anche a causa di due decreti risalenti al 2010 promossi dall’allora ministro Calderoli che in pratica depenalizzavano il reato di associazione militare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vito

    Inorgogliti da cotanti capi di accusa ( addirittura associazione militare) rifilerei ai presunti secessionisti la peggiore delle condanne : archiviare il tutto considerandolo come una goliardata.

  2. Scritto da Luca Lazzaretti

    Il reato contestato è una cosa seria. Per chi è interessato il bel documentario “Camicie verdi” di Claudio Lazzaro fornisce molti spunti interessanti anche di testimoni di prima mano.

    1. Scritto da La verità fa male

      Qui ahimè la vicenda non è per niente seria, semmai è grottesca e assurda. Diciotto anni (18 anni!!) per stabilire se la competenza era della procura veronese o bergamasca: già questo dovrebbe bastare per licenziare e mandare a casa senza articolo 18 quei burocrati incapaci che hanno commesso questo scempio giuridico. Per il resto se come dice lei il reato è serio …. era talmente serio che ci hanno messo 18 anni per capire che Pontida è in provincia di Bergamo e non di Verona!

      1. Scritto da Drin Drin

        E secondo te perchè ci han messo 18 anni ?

        1. Scritto da La verità fa male

          Lo chieda a Papalia e ai suoi colleghi il motivo per cui ci hanno messo 18 anni ….

      2. Scritto da Padania Celtica

        Bè calma. Per sfasciare un partito sulla base di calunnie infamanti ci hanno messo 6 mesi. Salvo poi dire “scusate ci siamo sbagliati” (Boni,Monica Rizzi,Rosy Mauro. Manca il Senatur perchè “casualmente” anche quel processo durerà non meno di 18 anni,in modo da poter rigirare la frittata delle calunnie a piacimento).

        1. Scritto da La verità fa male

          Io parto dal presupposto che la giustizia italiana (rigorosamente con la “g” minuscola) fino a prova contraria non è seria, ma non sono io a dirlo, sono la marea di multe e di condanne che la U.E. infligge annualmente all’Italietta per gli scempi di certe sentenze sciagurate. Beati gli stolti che hanno creduto alle panzane sulla “strega nera” Rosy Mauro e sui gioielli e sulla Tanzania, poveri fessi anche loro che si bevono senza riflettere il Verbo di Repubblica!

          1. Scritto da paolo

            quindi erano tutte balle? i soldi e la laurea del trota, belsito, il cerchio magico, gli appalti affidati agli amici ed alle fidanzate.. ah! che polli siamo stati… anche noi che non siamo iscritti al PD e non siamo abbonati a Repubblica. Grazie, grazie per averci aperto gli occhi. Ma perchè non fondi anche tu un bel giornale? ci vuole qualcuno che non si beva tutto quel che scrive la padania!!! dai, fallo per il popolo bue.

    2. Scritto da Daniele

      L’ho visto quel documentario, e la “banda armata” ne esce con un ritratto piuttosto ridicolo. Giusto procedere in giudizio se ce ne sono gli estremi, ma ricordiamoci che si è pur sempre trattato di una pagliacciata… un po’ come il carrarmato fatto in casa etc. etc.

  3. Scritto da Rota Bruno

    non sono leghista ma questa è la riprova del mancato funzionamento della giustizia itagliana ! che si rende ridicola di fronte al mondo ripeto semplicemente ridicoli!

  4. Scritto da serio

    Gli stessi che anche a Bergamo sfilavano con forza nuova di Roberto Fiore per anni rifugiatosi all’estero per fuggire dal mandato di cattura. Ora si presenta assieme all’estrema destra nazionalista.

  5. Scritto da serio

    Tutto torna, erano gli stessi che anche a Bergamo sfilavano con forza nuova di Roberto Fiore per anni rifugiatosi all’estero per fuggire dal mandato di cattura.
    Ora la lega ha gettato la maschera e si presenta assieme all’estrema destra nazionalista. Lenta ma inesorabile arriverà anche la condanna della storia.

  6. Scritto da nino cortesi

    L’associazione peggiore è quella che ha fatto sparire l’elettore.
    Qualcuno prima che finisca il mandato dovrebbe essere processato ed arrestato.
    Le camicie verdi, canottiere nere, vanno solo mandati a vita nelle scuole materne.

  7. Scritto da tex

    bisogna sapere chi è pappalia, e sapere da dove viene per capire chi rappresenta

    1. Scritto da Padania Celtica

      Nordafrica

  8. Scritto da Bufale

    Quante scemenze per distrarre l’opinione pubblica dalle reali malefatte di questa pseudo democrazia dei poteri finanziari che indisturbati depredano l’Italia.tra il ‘nero’ di Roma, il carro di piazza San Marco, la cellula abruzzese guidata da un ultra novantenne, e quest’ultima bufala, il popolo beota è servito

  9. Scritto da mario59

    Peccato che tutto finirà in una bolla di sapone.

  10. Scritto da il naggio

    Che inchiesta ridicola. A Roma si stanno stringendo le chiappe a qualcuno per l’ascesa del Matteo giusto forse?

    1. Scritto da rachele

      si stringono le chiappe dalle risate se il metteo giusto è quello con le felpe taroccate o che va nudo su oggi per raccogliere qualche voto.a roma sanno che le menti corte al nord saranno al massimo il 7/8 % e da preoccuprsi non ce prorpio nulla.restera sempre un movimento da costine e salamelle perche il matteo giusto sa farsi capire solo dopo una serata alle feste popolari.tanto per cambiare ieri sera era ad albino a bere vino e fare il solito comizio da lingua felpata.poveracci

      1. Scritto da Gaetano Bresci

        brava Rachele!….”le.menti corte del nord”…..bella definizione, te la rubo e l’accompagno alla mia “pensiero obliquo leghista” (storto, che non sta in piedi)

      2. Scritto da Matteo

        Vede signora lei puo ridere e insultare quante vuole,vedremo chi sarà il Matteo giusto e soprattutto eletto democraticamente. Poveraccia sara lei,che sa solo insultare e farsi i fatti degli altri. Si faccia una bella bevuta pure lei che magari le passa.

      3. Scritto da Padania Celtica

        Non per darti un dispiacere ma le menti corte sono al 12 “pecciento” (come dite voi) con prospettive del 15/20% (dipende quanto ci metteranno i 5stelle a sparire definitivamente). Sulle menti corte parzialmente hai ragione visto che c’è ancora qualcuno tra i votanti che parla di itaglia e di roma in termini di “solidarietà”,federalismo solidale e altre assurdità. Quando l’unica solidarietà accettabile dopo 150 anni di mangerìe sarebbe il gesto dell’ombrello

        1. Scritto da Vito

          Mangerie non interrotte durante i numerosi (9) anni di recente governo con il “mafioso di Arcore” ( definizione di Bossi), mi smentisca, se può, se vuole.

  11. Scritto da DC

    Alla fine pagheranno solo i poveri cristi, i Boss o ras che dir si voglia sono usciti dall inchiesta , in quanto parlamentari.
    Poera ItaGLia…………………..

  12. Scritto da La verità fa male

    Il fatto risale al secolo scorso (era il 1996), nel frattempo uno degli imputati è morto. La giustizia italiana (con la “g” minuscola) ci ha messo solo 18 anni per stabilire che Pontida è in provincia di Bergamo e che quindi la “sede competente” per il processo è Bergamo e non era Verona. Quando il processo sarà finito molti degli imputati avranno più di 80 anni. Questa è una delle tante ridicole assurdità della burocrazia italiana di cui tutti si dovrebbero vergognare

  13. Scritto da Padania Celtica

    Eroi. Voi SIETE la Lega Nord.

    1. Scritto da paciaovi

      Eroi delle costine e delle cadreghe .

      1. Scritto da Luca

        Quanto a costine e cadreghe…tu con Penati, Bersani, d Alema Veltroni e tanti altri…ne hai da insegnare.

  14. Scritto da il polemico

    .si vede che a bergamo non ci sono processi da fare,oppure ce ne sono,ma possono tranquillamente aspettare altri 10 anni….

  15. Scritto da oscar

    a Berghem prope negot de fà?