BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Brebemi, dal nuovo anno pedaggi scontati del 15% per aumentare il traffico fotogallery

Gli sconti, anche commisurati al numero di viaggi, sono rivolti agli autotrasportatori e ai pendolari muniti di telepass, i quali dovranno autocertificare residenza e posto di lavoro. L'obiettivo è quello di aumentare notevolmente il traffico lungo le proprio carreggiate e contrastare la A4

Con l’anno nuovo pedaggi scontati del 15% sulla nuova austostrada Brebemi e sulla tangenziale Teem. Da gennaio partiranno le riduzioni per i possessori di Telepass che sceglieranno Brebemi e Teem (per quest’ultima sul tratto aperto al traffico per collegare la A35 alle provinciali Rivoltana e Cassanese).

Lo sconto sul pedaggio sarà fra il 10 e il 15%. Una decisione che era stata anticipata dal presidente della Brebemi spa Francesco Bettoni fin dal giorno dell’inaugurazione, lo scorso 23 luglio a Fara Olivana, nella Bassa Bergamasca. Una misura attuata dopo le numerose critiche sui pedaggi, giudicati troppo cari da automobilisti e associazioni.

L’obiettivo di Brebemi è quello di aumentare notevolmente il traffico lungo le proprio carreggiate e contrastare l’altra autostrada che porta da Brescia a Milano, la A4, che offre pedaggi con prezzi inferiori del 50%.

Oggi il collegamento veloce, lungo poco più di 62 km, ospita circa 17 mila mezzi al giorno. Gli sconti, anche commisurati al numero di viaggi, sono rivolti agli autotrasportatori e ai pendolari muniti di telepass, i quali dovranno autocertificare residenza e posto di lavoro.

Le agevolazioni dovrebbero contribuire a rendere la A35 più appetibile in attesa dell’apertura completa della Teem, la Tangenziale Est Esterna di Milano, prevista per la fine di aprile.

Nel frattempo, alla società che ha costruito l’opera (costata 2,2 miliardi di euro in project financing, quindi teoricamente senza contributi pubblici) tende la mano la Regione Lombardia: grazie a un emendamento al bilancio approvato ieri, il Pirellone garantirà alla Spa 60 milioni di euro, 20 all’anno, utili per far fronte alle difficoltà finanziarie.

Di altro tenore le notizie provenienti da Roma: nei giorni scorsi, il governo ha confermato che l’opera non sarà defiscalizzata (un’operazione dal valore di 430 milioni), anche se la società spera comunque di ricevere un contributo da 270 milioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maxjava

    Hanno fatto qualcosa e l’hanno finita. Basta polemiche sarà la più cara d’Italia ci andrà solo chi può permetterselo i poveracci andranno altrove. Raddoppiano triplicano la mi ve e cosa cambia?

  2. Scritto da Gabriele

    sprechi, solo tanti sprechi come minimo dovrebbe costare come l’ A4 invece per mantenere tanta Gente ecco la risposta, un FALLIMENTO sarà sempre peggio

  3. Scritto da G.Comi

    Il flop BreBeMi è servito! I soliti ambientalisti rompi… lo dicevano un’opera costosa, inutile, dannosa. Si son sottratti migliaia di ettari di territorio agricolo per nulla se non per le parate e le foto di rito dei papaveri regionali come apparso sul Corriere giorni fa. Ora arrivano anche 300 ml di € da Roma per tappare il buco nell’acqua. Con quel che è costato si sarebbero sistemate arterie provinciali disastrate come la Bg-Lc e tante altre situazioni simili. Prosit!

  4. Scritto da klaus

    È la fotocopia dello stato .come si fa ad aumentare le tasse e pretendere che l economia ne giovi.così è l autostrada si aumentano le tariffe rispetto all a4 e si pretende di avere più clienti.qui almeno posso scegliere.

  5. Scritto da angelo m

    Io spero che si decidano a pagare gli espropri che dopo un anno e mezzo penso sia ora ,

  6. Scritto da mario

    esatto proprio teoricamente senza contributi pubblici( scusate ma la cassa depositi e prestiti di chi è) se il sottoscritto apre un attivita e sbaglia la prospettiva e si trova molti ,meno clienti di quelli che si aspettava non chido che i mancati introiti li paghi la colletività. hanno sbagliato se li paghino loro i propri errori. pantalone è stanco di pagare

  7. Scritto da il polemico

    scelte pagliative di vertici che si stanno rilevando di una incapacità unica.come si può pretendere di far funzionare una soluzione più costosa delle alternative e sperare che sia più appetibile delle alternative?se davvero vogliono aumentare il traffico,devono avere tariffe più basse della concorrenza e rivolte pure agli usufruitori occasionali,non solo ai pendolari…una grande opera con grandi potenzialità gestita in modo sconsiderato da persone non al pari….mahh

    1. Scritto da Jim

      Come si può mettere in campo un’autostrada dove ci sono delle alternative in concorrenza …… mica è un detersivo !