Regione lombardia

Trasporto pubblico, tagli per 50 milioni di euro Rischio aumento tariffe

L'associazione dei trasporti lancia l'allarme dopo i tagli decisi a cascata da governo e Regione Lombardia al trasporto pubblico locale. Rispetto ai 150 ipotizzati nelle scorse settimane si è scesi a 50 milioni, cifra comunque importante per le aziende lombarde che negli ultimi anni hanno già aumentato le tariffe e razionalizzato il servizio. Le stesse misure, a svantaggio dei cittadini, potrebbero essere adottate anche nel 2015.

L’associazione dei trasporti lancia l’allarme dopo i tagli decisi a cascata da governo e Regione Lombardia al trasporto pubblico locale. Rispetto ai 150 ipotizzati nelle scorse settimane si è scesi a 50 milioni, cifra comunque importante per le aziende lombarde che negli ultimi anni hanno già aumentato le tariffe e razionalizzato il servizio. Le stesse misure, a svantaggio dei cittadini, potrebbero essere adottate anche nel 2015.

Asstra Lombardia e Anav Lombardia hanno partecipato alla “Consulta Regionale del Trasporto Pubblico in Lombardia” tenutasi in data odierna, unitamente ai rappresentanti delle Province, dei Comuni capoluogo, delle Organizzazioni Sindacali e delle Associazioni dei Consumatori, convocata dal neo Assessore alla Mobilità, Alessandro Sorte, sull’argomento dei tagli individuati dalla Giunta a carico del trasporto pubblico locale, conseguenza di una manovra governativa che diminuisce nel 2015 le risorse destinate alle Regioni – si legge nel comunicato -. Nella riunione sono stati confermati tagli delle risorse destinate al TPL pari a 50 milioni di euro rispetto a quelle destinate alla copertura dei contratti di servizio e degli affidamenti in corso. Le Associazioni Asstra Lombardia e Anav Lombardia sono state chiare e decise nel respingere come inaccettabile qualsiasi ipotesi di ulteriore riduzione delle già insufficienti risorse destinate al TPL lombardo poiché – così facendo – si pregiudica ulteriormente il livello del servizio sociale a disposizione dei cittadini lombardi, già oggi ridotto al minimo. L’Assessorato ha indicato le azioni da realizzare in diretta conseguenza delle minori risorse a disposizione dal 2015 prefigurando incrementi tariffari generalizzati e riduzioni dei servizi (da attuarsi peraltro con atti autonomi e non coordinati a carico degli Enti locali competenti); di fatto, soluzione già percorsa nel 2010 e nel 2011 quando, a seguito della prima manovra di riduzione, le aziende del settore hanno dovuto forzatamente ridurre i servizi e aumentare ulteriormente le tariffe, provocando nelle gestioni effetti di squilibrio divenuti cronici.

Le Associazioni hanno quindi richiesto con forza che Regione Lombardia reperisca altrove, nell’ambito delle proprie prospettive di spesa, le risorse necessarie per lasciare indenni quelle destinate al TPL, a proposito delle quali hanno ribadito la necessità che, dopo tanti annunci, si giunga alla determinazione dei costi standard come criterio per realizzare una più equa ed efficace, oltre che urgente e non più rinviabile, allocazione delle già scarse risorse fra territori e soggetti destinatari. Le Aziende hanno inoltre sottolineato, ripetendo sollecitazioni più volte avanzate e rimaste inascoltate da parte dell’Amministrazione regionale, come sia velleitario e deviante insistere in proclami formali a favore del trasporto pubblico in prospettiva di miglioramento infrastrutturale (EXPO compreso) ed ambientale quando, nei fatti, si fanno mancare le condizioni necessarie e sufficienti anche solo per garantire l’esistente, che avrebbe bisogno solo di aumenti e non di riduzioni.

Le Associazioni Asstra Lombardia e Anav Lombardia hanno riconfermato quanto più volte espresso e cioè che:

ai tagli di risorse conseguiranno necessariamente servizi ridotti e, di conseguenza, riduzione del personale addetto;

alla fine del corrente anno scadono numerosi contratti di servizio e concessioni per i quali i vari territori, in persistente silenzio ed assenza di coordinamento da parte della Regione, sebbene da tempo e più volte sollecitata, si muovono in ordine sparso e non coordinato;

la legge regionale 6/2012 e i relativi obiettivi di riforma del TPL, sta miseramente naufragando nella disattenzione della Regione e nelle iniziative di fatto contra legem da parte di alcuni territori.In conclusione, Asstra Lombardia e Anav Lombardia ribadiscono la posizione di assoluto dissenso e preoccupazione per la gravità delle conseguenze oggettive provocate dall’ulteriore taglio alle risorse destinate al settore.

Le Associazioni richiedono quindi con forza:  alla Giunta Regionale di liberare risorse proprie, attraverso tagli alla spesa non strettamente necessaria, da destinare al settore TPL;  al Presidente della Giunta Regionale Roberto Maroni e all’Assessore all’Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia di operare per il progressivo riequilibrio dellasuddivisione del Fondo Nazionale Trasporti, che comunque vede la Lombardia come fanale di coda nonostante presenti i migliori parametri di efficienza a livello nazionale;  all’Assessore ai Trasporti Sorte di riprendere il percorso di riforma avviato con la legge 6/2012 e adottare, prioritariamente e senza indugio, il criterio del costo standard per definire in modo trasparente e senza squilibri l’allocazione delle risorse fra i diversi modi di trasporto e i territori regionali.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico
L'allarme
Tagli al trasporto pubblico, meno autobus e rischio licenziamenti
Tagli alla sanità: sì dalle Regioni
Legge di stabilità
Accordo Governo-Regioni: tagli alla sanità in cambio di risorse per i trasporti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI