BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nel 2015 Ubi Banca pronta a salvare il Monte dei Paschi

Il 2015 potrebbe essere un anno molto intenso per Ubi Banca pronta e in grado di assorbire se non tutto il Monte dei Paschi di Siena (la banca più antica del mondo) almeno la parte del Nordest.

Non c’è nessun dossier sulla scrivania di Victor Massiah, amministratore delegato di Ubi Banca. Ma le voci sono sempre più insistenti e le ipotesi non sono poi così lontane dalla realtà: Ubi Banca potrebbe salvare il Monte dei Paschi di Siena.

La più antica banca del mondo, fondata nel 1472 in Toscana, è uscita dagli stress test della Banca Centrale Europea con diverse richieste (prima fra tutte una ricapitalizzazione da 2,5 miliardi di euro), ha una Fondazione con troppi buchi ed è troppo fragile sul mercato.

Che Monte dei Paschi non goda di buona salute si vede anche dal calo del titolo: nell’ultima settimana è sceso del 17%. Si comprende meglio la situazione se si osserva il valore delle azioni da ottobre ad oggi, due mesi fa era di un euro, ora viaggia sotto quota 50 centesimi.

Monte dei Paschi non può reggere a lungo questa situazione. C’è chi prevede l’entrata in gioco di alcuni fondi d’investimenti cinesi nella proprietà della banca toscana, voci però smentite. La vera partita si aprirà con l’aumento di capitale, previsto nella primavera prossima quando entreranno in gioco diverse banche.

Anche se due colossi italiani sembrano più interessati ad altri campi, Unicredit sull’Est Europa, così come Intesa Sanpaolo proiettata più all’estero che all’Italia.

Ubi Banca invece, che è stata la prima dei colossi bancari ad avviare la ricapitalizzazione e a rispondere a tutti i parametri previsti dalla Bce, guarderebbe con interesse alla Monte dei Paschi ma a due condizioni: non è interessata ad una corsa al rilancio e rinuncerebbe a rilevare di fatto tutto il Monte per prendersi solamente ciò che le interessa. Ovvero gli sportelli di Antonveneta, che significa quattro agenzie in Trentino-Alto Adige, 59 in Friuli-Venezia Giulia e 288 in Veneto. In tutto 351 agenzie che per Ubi Banca rappresenterebbero la conquista del Nordest e la continuità di quella “banca che corre lungo l’A4” , come piace ricordare a Massiah.

Se gli spagnoli del Santander o i francesi di Bnp Paribas non giocheranno brutti scherzi, lo spezzatino all’italiana della banca più antica del mondo permetterebbe a Siena di mantenere il cuore e l’indipendenza del Monte (che dura da 542 anni) oltre ad essere in regola secondo i parametri dettati dalla Bce, e ad Ubi Banca di portarsi a casa un risultato notevole espandendosi ad Est.

Se così fosse, si aprirebbe per il quarto colosso bancario italiano con base a Bergamo un nuovo dilemma: come inserire Antonveneta nella gestione di un modello federale di banca come quello di Ubi?

Forse prima del prossimo 25 aprile, data dell’assemblea dei soci di Ubi Banca, Massiah potrebbe spiegare la sua soluzione al mercato e agli azionisti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da DISCUTIAMONE

    La rete di antonveneta nella zona d’interesse è sempre stata reddituale. Forse non farebbe un cattivo affare UBI. Il catrastofismo così come l’ottimismo senza freni sono una rovina. Basterebbe solo che i controlli venissero fatti puntualmente e che le banche riprendano a fare il loro mestiere, quello per cui sono sorte.

  2. Scritto da Ludvig

    Considerando che l’antonveneta e la 121 sono state la rovina del monte…..che se li prendano volentieri…chissà magari “baffetto” vorrà accollarsi parte delle rogne della 121?

  3. Scritto da Rota Bruno

    questa notizia farà la felicità dei piccoli azionisti ! hahahaha!!!!

  4. Scritto da sem

    Ok ubi banca salva monte paschi……ma poi chi salva ubi banca?

  5. Scritto da il polemico

    come è possibile non lamentarsi quando si legge di licenziamenti,chiusure,crollo di tutto e di più?sperare in un 2015 migliore?’con la politica di questo governo,praticamente impossibile.sperando in non improbabili altri regali alla mps,visto la situazione finanziaria che si ritrova

    1. Scritto da kuku

      D’accordo. Si potrebbe anche provare, per quel che possiamo, qualcosa per… auguri

      1. Scritto da Luigi

        Ma infatti, ha ragione Polemico: dov’è che possiamo vedere cose positive? (a parte le chiacchiere del fiorentino)

        1. Scritto da Luca Lazzaretti

          Mahh. abbiamo avuto quelle del milanese e quelle dei celti…ci stan anche quelle del fiorentino. O no?

  6. Scritto da il polemico

    la banca diretta da uomini di un partito è a rischio fallimento,e lo stesso partito sta mandando in fallimento reale l’italia…pensare che per molti votanti dello stesso partito,sia la mps che l’italia godono di ottima salute.una banca che ha accumulato prestiti che deve stornare per 24 miliardi o lo stato che ha aggiunto 300miliardi al proprio debito….ma di che ottima salute si parla?speriamo che poi non sia ubi a rishciare il fallimento in questa operazione sgangherata

    1. Scritto da kuku

      Due mezzi falliti. Certo che un commento che non sia un lamento suo …? Mai? Buon fallimento 2015…?…