BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bianchi entra e cambia il volto alla partita E riecco il vero Denis

Il Tanque ritrova la via del gol e risulta finalmente decisivo dopo intere settimane di tristezza. Bene anche l'ex Catania Gomez, entrato subito in partita dopo l'ingresso, così come Bianchi. Dietro la lavagna quasi tutta la difesa ad esclusione di Sportiello e Dramè.

Più informazioni su

Sportiello 6: poche colpe in occasione dei tre gol subiti, decisivo nella ripresa quando risponde presente nell’unica volta in cui è chiamato in causa, sul sinistro del solito Vazquez.

Zappacosta 5.5: non al meglio per via della botta all’anca rimediata due settimane fa contro il Cesena, il terzino di Sora non disputa una delle sue migliori gare.

Benalouane 5.5: nella ripresa dietro è quasi perfetto, ma nel primo tempo lascia letteralmente a desiderare, con Vazquez che fa quello che vuole davanti a lui. 

Stendardo 5.5: come Benalouane, nella ripresa limita gli attacchi dei rosanero ma nei primi 45′ balla come non mai. Si sognerà Dybala per tanto, tantissimo tempo.

Dramè 6.5: anche per lui gara dai due volti, con l’unica differenza che nella ripresa le sue discese hanno portato quel qualcosa in più alla squadra, oltre ai due cross che sono valsi i gol del 3-2 e del 3-3.

Baselli 5: se era in campo, in pochi se ne sono accorti. Troppo lento, prevedibile, poca corsa e poca grinta (12′ st Gomez 6: il Papu non è ancora al top e lo si capisce leggendo nella casella "tiri in porta" del suo match un clamoroso zero. Ma il suo ingresso in campo contribuisce in maniera determinante alla trasformazione della gara. E non è un caso se tutte le occasioni pericolose della ripresa sono arrivate dalla sinistra).

Cigarini 6: è l’esatta media matematica tra il 4 del primo tempo e l’8 del secondo. L’ennesima testimonianza che quando lui sta bene e ha voglia di fare, la squadra gira che è una meraviglia. Lo capisca anche lui.

Carmona 5.5: dopo una prima parte di stagione giocata ad altissimo livello, nelle ultime settimane sta facendo non poca fatica. Contro il Palermo la sua "mancanza" si sente eccome, e le continue ripartenze del Palermo, mai chiuse a dovere, ne sono l’esempio.

Maxi Moralez 6.5: nella posizione che più preferisce, quella da rifinitore alle spalle delle punte, si batte come un leone senza farsi spaventare dalla potenza e dalla fisicità dei difensori rosanero. Suo il gol che cambia la partita a inizio ripresa.

Boakye 5: l’ex Sassuolo non ne azzecca una e alla fine del primo tempo paga per tutti, finendo sotto la doccia (1′ st Bianchi 7: il gol ancora non è tornato ma il suo ingresso in campo cambia il film della partita. Con lui là davanti ogni cross, ogni palla in profondità e ogni lancio lungo non sono mai sprecati).

Denis 7.5: la doppietta è il giusto premio per un giocatore che, anche quando le cose non sono andate per il verso giusto, non ha smesso di lavorare. Con il suo fiuto del gol ritrovato è tutta un’altra Atalanta (37′ st D’Alessandro S.V.).

 

Colantuono 6: il tecnico di Anzio si salva ancora una volta a partita in corso, grazie ai cambi e – concedetecelo – quel pizzico di fortuna che non guasta mai. La sua squadra dovrebbe però capire che le partite non iniziano al 45′.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronika

    Pazzini dal 1° gennaio!

  2. Scritto da Francesco

    Assolutamente non d’accordo sul voto a Denis. Due gol di cui uno su rigore calciato di paura e uno da zero metri non giustificano la sua prestazione ancora una volta insufficiente, non tiene un pallone, non corre, non rincorre gli avversari, è lento, macchinoso, insomma giù di forma. Nonostante questo è sempre titolare, sintomo che ha un peso importante all’interno dello spogliatoio e quindi intoccabile. Un uomo in meno sempre per noi. Baselli ultra sopravvalutato, in realtà è molto scarso.

  3. Scritto da nino cortesi

    Squadra sgangherata dall’allenatore.
    Suderà le proverbiali 7 camicie quest’anno perché l’allenatore resterà confuso tutto l’anno. Uno che toglie Baselli quando incomincja a girare ….uno che punta su Bianchi e manda Boakjè negli spigliatoi…uno che non mette centrali Benaluoane e Cherubin…

  4. Scritto da livio

    Facciamo pena e avevate illuso la vittoria

  5. Scritto da gino

    DELIO ROSSI S U B I T O