BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, altra rimonta Denis e Maxi Moralez riprendono il Palermo fotogallery

Vazquez e Rigoni fanno vedere i fantasmi a Colantuono nel primo tempo ma nella ripresa scende in campo un'altra Dea capace di riprendere una partita che sembrava già persa. Doppietta per il Tanque, tornato finalmente decisivo sottoporta nel 3-3 del Christmas match.

Più informazioni su

Fuochi d’artificio al Comunale per l’ultima del 2014, ma che paura per l’Atalanta e per Stefano Colantuono. Il Palermo nel Christmas match  ha messo i brividi ai tifosi bergamaschi con un primo tempo letteralmente perfetto, con la premiata ditta Rigoni-Vazquez-Dybala che sembrava aver già sbrigato la pratica orobica dopo 45′: 3-1 era infatti il risultato finale all’intervallo, con l’Atalanta che aveva fatto ben poco per limitare un passivo che poteva essere ancora peggiore. L’1-0 ha portato la firma di Rigoni, lasciato inspiegabilmente solo in area di rigore, mentre il raddoppio e il terzo gol dei rosanero hanno avuto la firma di Vazquez che prima si è inventato un cucchiaio da applausi dai 25 metri, e poi si è travestito da bomber mettendo in rete uno splendido assist di Dybala. In mezzo, al 43′, il calcio di rigore conquistato e trasformato dal Tanque Denis.

Ma nella ripresa la musica è cambiata notevolmente: Bianchi (entrato al posto di uno spento Boakye) ha portato quella vivacità che mancava e l’ingresso di Gomez per Baselli ha fatto sì che la squadra alzasse il baricentro, creando occasioni da gol a grappoli. E dopo il gol di Maxi Moralez si è subito capito che il pareggio era lì dietro l’angolo. Così, è arrivata la doppia firma del Tanque, finalmente decisivo anche sottoporta come non gli era mai accaduto quest’anno (fino a questa gara un solo gol per il bomber argentino).

Sarà dunque un buon Natale per i nerazzurri? Chi lo sa. Di certo il primo tempo disputato contro il Palermo, così come quello di due settimane fa col Cesena, è stato letteralmente imbarazzante, con la squadra che ha mostrato tutti i suoi limiti sia davanti che dietro, senza dimenticare un centrocampo che non è mai riuscito a fare quello che doveva. L’ottima reazione avvenuta nella ripresa è sì un bel segnale, ma gli uomini di Colantuono non possono pensare che la salvezza tranquilla possa arrivare giocando un solo tempo. E qua si deve vedere la mano del tecnico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Livio

    aiuto che pena

  2. Scritto da gino

    DELIO ROSSI S U B I T O

  3. Scritto da solodea

    L’ATALANTA ha paura a giocare, ha paura di tutti. Abbiamo 3 punti di vantaggio sulla terzultima (il Cagliari) solamente perché è l’unica partita che abbiamo vinto in trasferta, perché diversamente saremmo a pari punti o dietro di loro. Qualcosa deve essere per forza cambiato. Servono due esterni che riescano ad andare sul fondo e rimettere indietro il pallone per creare quella superiorità numerica indispensabile per poter … sperare.

  4. Scritto da Fulvio

    Se lo spogliatoio fosse CONTRO il Cola, sarebbe finita 1-4, quindi tiro un sospiro di sollievo. Certo, i problemi rimangono, c’è da lavorare, ma vediamo il bicchiere mezzo pieno guardando in casa Cagliari e Parma (io i gialloblù li vedo già in B)

  5. Scritto da Vito

    È’ un campionato disgraziato, ci fanno dannare anche le neo promosse. Colantuono può’ restare, e’ specialista in promozioni.

    1. Scritto da pippo

      Infatti con il Torino ne ha fatte tante..